Simulatori di carcinoma a cellule squamose …

Simulatori di carcinoma a cellule squamose ...

Simulatori di carcinoma a cellule squamose della pelle: sfide diagnostiche su piccole biopsie e Correlazione clinicopatologico

1 Dipartimento di Patologia, Yong Loo Lin School of Medicine, National University Health System, Università Nazionale di Singapore, Lower Kent Ridge Road, Singapore 119074
2 Università Medicina Cluster, Nazionale Sistema Universitario Salute, Singapore 119074
3 Università Cluster chirurgica, Nazionale Sistema Universitario Salute, Singapore 119074
4 Dipartimenti di Otorinolaringoiatria e della mano e Microchirurgia Ricostruttiva, Nazionale Sistema Universitario Salute, Singapore 119074

Editor accademico: Giuseppe Argenziano

Astratto

1. Introduzione

2. Le lesioni benigne Squamoproliferative che imitano SCC

2.1. Inverted follicolare cheratosi

Inverted cheratosi follicolare è una lesione che mostra istopatologico downgrowths di follicolare epitelio squamoso e dell’epidermide adiacenti [5]. Essa si verifica comunemente in pazienti di mezza età e anziani, presentandosi come un squamosa papule, noduli o placche. E ‘morfologicamente e concettualmente si sovrappone con irritata cheratosi seborroica. In contrasto con SCC, è circoscritto confini, e significativo atipia cellulare non è visto (figure 1 e 2).

Figura 1: Inverted follicolare cheratosi: lesione mostra downgrowths proliferative di epitelio squamoso maturo con cheratinizzazione infundibolare (HE 40).

Figura 2: Inverted cheratosi follicolare: maggiore ingrandimento che mostra vortici squamose (HE 200).

Un trabocchetto per quanto riguarda la diagnosi differenziale di un cheratosi squamose apparentemente benigna è quando incontra un esemplare di una rasatura superficiale. Istologicamente, l’attenzione dovrebbe essere allontanato dal corno superficiali ipercheratosico al sottostante dell’epitelio lesionale, che può essere di importo limitato nel campione (Figura 3). La presenza di atipie significativa o maturazione anomala avrebbe sollevato la possibilità di cheratosi attinica o di malattia di Bowen o anche l’aspetto superficiale di un SCC invasivo.

Figura 3: malattia di Bowen: Radere campione bioptico che mostrano principalmente papillomatosa lesione epidermica con il corno ipercheratosico. Nel riquadro: una più stretta vista delle sottostanti dell’epidermide lesionali mostra cellule con pleiomorfismo nucleare, nucleoli prominenti, e frequenti e anormali figure mitotiche. (HE, 20; Inserto: 400).

2.2. Pseudoepitheliomatous Iperplasia

iperplasia Pseudoepitheliomatous (PEH) è una proliferazione florida dell’epidermide che possono verificarsi nel contesto delle ulcere cutanee croniche, ascessi, ustioni e infezioni [6]. PEH con microascessi neutrofili si osserva tipicamente in halogenodermas, infezioni come chromomycosis e blastomicosi, granuloma inguinale, la leishmaniosi, e vegetante pemfigo [7]. Mentre l’epitelio squamoso della PEH può apparire infiltrativa, che assomiglia ben differenziati SCC, particolare attenzione dovrebbe mostrare che marcato atipie cellulari e l’attività mitotica anomalo sono assenti (figure 4 e 5). Una ricerca mirata a un processo infettivo incitamento deve essere effettuata con l’esame di livelli più profondi e uso di coloranti speciali microbiologici. In casi difficili, sono necessari stretta correlazione clinica e follow-up; rari casi richiedono la biopsia di ripetizione per la valutazione.

Figura 4: iperplasia Pseudoepitheliomatous con acanthotic epitelio squamoso che mostra downgrowths simili a dita di spessore irregolare nel derma sottostante. (HE, 20).

Figura 5: iperplasia Pseudoepitheliomatous: più alto vista di ingrandimento che mostra reattivo-apparendo downgrowths squamose senza significative atipie citologiche. Il derma mostra la formazione di infiammazione e tessuto di granulazione cronica lieve (HE, 200).

2.3. Infundibulocystic Iperplasia

iperplasia Infundibulocystic è un follicolare processo proliferativo epiteliale distintivo con formazione di canali dilatati contenenti materiale cheratosica [8]. Presentando clinicamente come un nodulo o placca, è dotato di istologicamente blando cellule squamose lesionali e un bordo profondo noninfiltrative relativamente superficiale (Figura 6). Quando un breve evoluzione clinica è nota e la lesione ha un’architettura crateriforme, le caratteristiche si riferiscono più a cheratoacantoma (infra vide ). Quando marcata atipia cellulare o mitosi anormale è notato, o se profondamente linguette infiltranti sono presenti, la lesione dovrebbe essere considerato come maligna, e una designazione appropriata è infundibulocystic SCC (Figura 7) [8].

Figura 6: iperplasia Infundibulocystic: lesione cutanea che mostra follicolare processo proliferativo con cellule squamose blando e formazione di canali dilatati contenenti materiale cheratosica. (HE, 40).

Figura 7: SCC Infundibulocystic: aree superficiali che mostrano canali infundibulocystic con profonde gruppi di cellule squamose infiltrative caratterizzano atipie e mitosi cellulare (freccia). (HE, 100).

2.4. verrucous Iperplasia

Figura 8: iperplasia verrucoso: basso ingrandimento di potere che mostra epidermica proliferazione squamose con downgrowths ampi e superficiali dell’epidermide. Sovrastante iper-e paracheratosi è presente. Non vi è alcun atipie o Coilociti. (HE, 100).

2.5. Eccrine squamose Syringometaplasia

Figura 9: Eccrine syringometaplasia squamose: Bland apparire isole squamose nel derma centrato intorno eccrino lumina. linfociti sparsi sono presenti nel derma circostanti. (HE, 200).

2.6. Desmoplastic Adnexal tumori

Alcuni tumori benigni annessiali possono superficialmente assomigliare SCC. tricoepitelioma Desmoplastic presenta clinicamente come un nodulo di ampliamento e mostra corde e nidi di cellule basaloidi con formazione di cisti, corno incorporati all’interno di uno stroma sclerotico cutanea (figure 10 e 11) [12]. L’epidermide sovrastante è spesso iperplastico. Su una biopsia superficiale, la downgrowth iperplastica dell’epidermide e le corde di cellule tumorali basaloidi danno un aspetto pseudoinfiltrative imitando le caratteristiche della SCC. La rassicurante assenza di atipie significativo e la scarsità di attività mitotica devono essere ricercate.

Figura 10: tricoepitelioma Desmoplastic: immagine macroscopica che mostra una lesione nodulare ulcerativa con in rilievo le caratteristiche laminati bordi che imitano SCC o BCC.

Figura 11: tricoepitelioma Desmoplastic: ingrandimento bassa potenza che mostra downgrowths iperplastici di epidermide con cordoni di cellule tumorali basaloidi disposti in uno schema pseudoinfiltrative. (HE, 40).

tricholemmoma Desmoplastic è un altro tumore annessiale che può imitare SCC. Le cellule tumorali coesi crescita fogli come cellulari o maniera cavo-come lo streaming nel giro di derma sclerotiche possono apparire in materia [13]. differenziazione squamosa può anche essere presente. Ancora una volta, la lesione dovrebbe mostrare blandness citologico. Aree di tricholemmoma regolare rivelare cellule epiteliali con citoplasma chiaro solito può essere trovato.

3. Le lesioni benigne non squamoso che imitano SCC

In contesti clinici inusuali, lesioni benigne di varia natura possono mimare SCC sia clinicamente che istopatologico.

3.1. extracraniche Meningioma

Meningioma è stato conosciuto per essere di tanto in tanto si trova al di fuori della posizione intracranica di coinvolgere il cuoio capelluto [14]. Istopatologico, i fogli sinciziale o intese whorled di cellule tumorali possono conferire un aspetto squamoidi (Figura 12). La presenza di pseudoinclusions nucleari, corpi psammomatosi e l’assenza di atipia significativa, nella maggioranza dei casi, dovrebbe consentire distinzione rispetto SCC. L’immunoistochimica ha un valore limitato nel distinguere le entità sia come meningioma e SCC quota espressione di EMA, e l’ex volte è reattivo per citocheratine pure.

Figura 12: Meningioma: ingrandimento di potenza media mostrando fogli sinciziale e vortici di cellule tumorali con caratteristiche nucleari blando. La presenza di pseudoinclusions nucleari, corpi psammomatosi e l’assenza di atipie permettono la distinzione da SCC. (HE, 200).

3.2. Decidualized endometriosi

Un’altra forma di tessuto lesionale che possono talvolta causare confusione diagnostica è decidualized tessuto endometriale che si verificano al di fuori dei confini del tratto genitale femminile [15]. Il contesto più comune di questo è depositi endometriosiche della pelle e dei tessuti molli della parete addominale o perineale, in cui la terapia di fondo con agenti progestazionali provoca decidualizzazione della componente stromale endometriale (Figura 13). Tali cellule sono decidualized paffuto e forma lenzuola, completo di bordi intercellulari ben definiti, simulando SCC, se non fosse per la notevole assenza di atipie nucleari.

4. Altri Squamoproliferative tumori che Mimic SCC

4.1. cheratoacantoma

Figura 14: Cheratoacantoma: fotografia clinica che mostra un nodulo rossastro ben circoscritta con l’erosione sulla superficie.

Un SCC a volte può avere un’architettura crateriforme imitando un KA (KA-come SCC). A questo proposito, almeno parte del tumore dovrebbe hanno segnato atipia citologica, mitosi frequenti o anormale, o margini infiltrativa (figure 7 e 16). Una biopsia rasatura che i campioni solo la parte superficiale di un esempio ben differenziato di tale lesione potrebbe potenzialmente portare ad un underdiagnosis di un SCC (Figura 16). In caso di dubbio diagnostico su un particolare della lesione, dovrebbe essere raccomandata una escissione completa.

Figura 16: Cheratoacantoma-come SCC: basso ingrandimento di potere che mostra una lesione crateriforme con le isole infiltrative e gruppi di cellule squamose alla base (freccia). (HE, 20).

4.2. Proliferante Tricholemmal tumore

Figura 17: Proliferazione del tumore tricholemmal: fotografia macroscopica che mostra un circoscritto cutanea tumore nodulare rosso-rosa con erosioni superficiali.

Figura 18: Proliferazione del tumore tricholemmal: la lesione mostra proliferazione delle cellule squamose con citoplasma chiaro e brusco pilar-tipo cheratinizzazione (freccia) (HE, 200).

5. Bowen Disease (carcinoma a cellule squamose Sul posto )

malattia di Bowen presenta clinicamente come una targa in coperta, nonché le aree cutanee scoperte (Figura 19). Istopatologico, è dotato di piena displasia spessore, incorporando perdita della polarità dell’epidermide, pleomorfismo nucleare e mitosi a tutti i livelli (figure 3 e 20). In casi normali, malignità preinvasiva non è in dubbio in considerazione delle caratteristiche precedentemente descritte. Le diagnosi differenziali includono classico malattia extramammario Paget e melanoma sul posto [20]. Tutti e tre i soggetti mostrano singolo e gruppi di cellule atipiche all’interno dell’epidermide. Le cellule tumorali del morbo di Paget generalmente raggruppano sopra uno strato basale dell’epidermide intatto e può essere dimostrata per contenere mucina. cellule di melanoma tumorali spesso contengono melanina, anche se le cellule Paget sono stati conosciuti per mostrare questa caratteristica pure. L’immunoistochimica aiuta a distinguere le entità: le cellule del tumore della malattia di Bowen sono p63 positivo, quelli della malattia di Paget agire per p-CEA, Ber-EP4, CK7, e CAM5.2, mentre le cellule di melanoma sono positivi per S-100 e Melan- A [20].

Figura 19: fotografia clinica che mostra un rosso, targa squamosa sulla superficie della pelle. Il paziente ha appena avuto una biopsia eseguita con punti di sutura ancora al loro posto.

6. Altri tumori maligni che imitano primaria cutanea SCC

6.1. Carcinoma delle cellule basali

Figura 21: Carcinoma a cellule basali: (a) di ingrandimento bassa potenza che mostra infiltrative isole irregolari di cellule tumorali basaloidi che sembrano avere più ampio citoplasma eosinofilo imitando l’aspetto di SCC (HE, 100). (B) Le cellule tumorali sono diffusamente positive per Ber-EP4. cellule (c) tumorali mostrano anche la positività diffusa per Bcl-2.

Le due varianti di BCC che hanno significative componenti squamose sono cheratosica BCC (Figura 22) e il carcinoma basosquamous (metatypical BCC), quest’ultimo con una prognosi peggiore rispetto BCC in generale [21]. Un’attenta valutazione del tumore di solito mostrano aree di più tipico BCC.

Figura 22: Cheratosiche BCC: ingrandimento di media potenza che mostra solida crescita delle cellule tumorali con focolai di differenziazione squamosa con perle di cheratina (freccia). tumore stromale formazione leporino focale con la sostanza mixoide si vede sulla destra. (HE, 200).

6.2. sebacea Carcinoma

L’altro cancro della pelle nella testa e del collo che imita tanto in tanto un SCC scarsamente differenziato è il carcinoma sebaceo [22]. Questo tumore è smaltito in fogli e lobuli di cellule con citoplasma frizzante che trattino un nucleo atipico. Raramente, differenziazione squamosa può essere presente [23]. Un pannello immunochimica di base di solito può consentire la differenziazione tra SCC (EMA + ve, Ber-EP4 ve), carcinoma sebaceo (EMA + ve, Ber-EP4 + ve) e BCC (EMA ve, Ber-EP4 + ve) [22] . Più di recente, gli indicatori che sono stati trovati ad essere più specifico per il carcinoma sebaceo includono adipophilin e recettore degli androgeni, che a loro volta sono di solito negativo BCC e SCC [24].

6.3. Melanoma

il melanoma cellule del mandrino è uno dei classici diagnosi differenziali per pleomorphic tumori a cellule mandrino della pelle [25]. Mentre caratteri citologici potrebbero non abilitare distinzione da un SCC cellulare mandrino e fibroxantoma atipica (AFX), la presenza di una componente giunzionale aiuta a delineare melanoma cellule mandrino (Figura 23). Al contrario, un attento esame di un SCC cella mandrino può rivelare sovrastante malattia di Bowen o cheratosi attinica. Con immunoistochimica, espressione di una o più delle citocheratine aiuta a distinguere il tumore da melanoma cellule mandrino che invece esprimere S-100. AFX è tipicamente S-100 e citocheratina negativo e positivo per CD10 e procollagene-1 [26].

Figura 23: Mandrino melanoma cellule: un ingrandimento di media potenza che mostra cutanea proliferazione cellulare mandrino pleomorfo e focale nido melanocitica giunzionale (freccia). (HE, 100).

6.4. Altri carcinomi con differenziazione squamosa
6.5. Metastatico delle cellule carcinoma squamoso della pelle

Figura 24: SCC metastatico: ingrandimento di bassa potenza che mostra una solida crescita di SCC che si trova prevalentemente nel derma e tessuto sottocutaneo. L’epidermide sovrastante appare normale. Questo dovrebbe far sorgere il sospetto di un deposito metastatico. (HE, 40).

6.6. malattie linfoproliferative

Linfoma anaplastico a grandi cellule e papulosi linfomatoide sono malattie linfoproliferative CD30-positivo che hanno segnalato casi di essere associati con iperplasia epidermica [29]. Mentre l’iperplasia epidermica spesso mite in gradi, può essere molto rigoglioso con caratteristiche di pseudoinfiltration che imitano SCC, aumentando la possibilità di una collisione tra il processo carcinoma e linfoproliferativa (Figura 25). atipie cellulari della iperplasia epidermica, mentre di solito assente, a volte è stato riportato. Mitosi delle cellule squamose, se presenti, devono essere visti per essere collocata al livello basale delle isole squamose e non essere anormale in forma.

Figura 25: Cutanea linfoma anaplastico a grandi cellule: ingrandimenti a basso consumo che mostra le isole squamose iperplastici (freccia) la proliferazione associato di grandi linfociti neoplastici. (HE, 100).

7. Tumori Collision

8. Conclusioni

In sintesi, questa recensione serve per evidenziare lo spettro di condizioni che potrebbero mimare SCC: benigni, preinvasive, e maligni. Essendo a conoscenza delle diagnosi differenziali pertinenti offre l’ambiente per ridurre al minimo le insidie ​​nella diagnosi di casi difficili che caratterizzano la proliferazione squamose. Questo, unito con una valutazione sistematica per i criteri richiesti per una diagnosi SCC, aiuta nella prestazione di una diagnosi corretta. Degli studi adiuvanti, immunoistochimica è il più largamente usato, contribuendo a indicare la istogenesi delle cellule lesionali di imita non squamose. Nei casi più difficili, alla ricerca di un secondo parere fornisce prospettive e comprensione supplementare.

correlazione clinicopatologico è di fondamentale importanza nella diagnosi delle lesioni epiteliali squamose. Una storia dettagliata e pertinente dei tumori della pelle e altri organi dovrebbe essere cercato per. Il tempo clinica della lesione, conoscenza del sito, dimensioni e altre caratteristiche sono tutti i pezzi critici di informazioni al patologo. Se una lesione è clinicamente preoccupante, ma le caratteristiche di biopsia sono benigni o non specifici, ulteriori livelli sul blocco si rivelano spesso utile. Raramente, una valutazione sommativa di materiale insufficiente o di una lesione atipica che non può escludere un tumore maligno può essere data con una raccomandazione per la biopsia escissionale completo. Come sempre, questo è equilibrato contro i fattori di cosmesi e la praticità. Da un lato, il campione reexcision finale offre l’opportunità per un’ulteriore valutazione della lesione residuo per diagnosi definitiva. D’altra parte, la ripetizione escissione rappresenta spesso il trattamento chirurgico definitivo per la lesione se risulta effettivamente rivela maligna. Un tale approccio pragmatico offre il rendering di una diagnosi sicura ancora clinicamente utile quando si verificano casi diagnostico impegnativi.

Riferimenti

  1. T. L. Diepgen e V. Mahler, “L’epidemiologia del cancro della pelle,” British Journal of Dermatology. vol. 146, Supplemento, no. 61, pp. 1-6, 2002. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  2. P. E. Swanson, M. M. Fitzpatrick, J. H. Ritter, E. J. Glusac, e M. R. Wick, “Immunohistologic diagnosi differenziale del carcinoma basocellulare, il carcinoma a cellule squamose, e tricoepitelioma in piccoli campioni bioptici cutanei,” Journal of Pathology cutanea. vol. 25, no. 3, pp. 153-159, 1998. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  3. C. Garbe, K. Peris, A. Hauschild, et al. “Diagnosi e trattamento del melanoma. Europeo basato sul consenso orientamento interdisciplinare: update 2012 “, European Journal of Cancer. vol. 48, no. 15, pp. 2375-2390, 2012. Vista a Google Scholar
  4. D. Schrama, S. Ugurel, e J. C. Becker, “carcinoma a cellule di Merkel: approfondimenti recenti e nuove opzioni di trattamento,” Current Opinion in Oncologia. vol. 24, no. 2, pp. 141-149, 2012. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  5. A. H. Mehregan, “invertito cheratosi follicolare è un tumore follicolare distinta,” The American Journal of Dermatopatologia. vol. 5, no. 5, pp. 467-470, 1983. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  6. M. e R. Zayour Lazova, “iperplasia Pseudoepitheliomatous: una recensione,” The American Journal of Dermatopatologia. vol. 33, no. 2, pp. 112-126, 2011. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  7. D. M. Elston, T. Ferringer, C. J. Ko, S. Peckham, W. A. ​​alta, e D. J. Dicaudo, Requisiti in dermatologia: dermatopatologia. Saunders, Philadelphia, PA, USA, 2009.
  8. S. Kossard, K.-B. Tan, e C. Choy, “Keratoacanthoma e carcinoma a cellule squamose infundibulocystic,” The American Journal of Dermatopatologia. vol. 30, no. 2, pp. 127-134, 2008. Vedi in Publisher · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  9. J. I. Epstein e G. Mendelsohn, “carcinoma squamoso del piede derivante in associazione con lunga data iperplasia verrucosa in un paziente con linfedema congenito,” Cancro. vol. 54, no. 5, pp. 943-947, 1984. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  10. T. Serrano, A. Saez, e A. Moreno, “eccrino syringometaplasia squamose: uno studio prospettico clinicopathologic,” Journal of Pathology cutanea. vol. 20, no. 1, pp. 61-65, 1993. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  11. A. Martorell-Calatayud, O. Sanmartn, R. Botella-Estrada et al. “Dermatite bilaterale chemioterapia causato da eccrino syringometaplasia squamose: rivalutazione del epidemiologica, clinica, e le caratteristiche patologiche,” Journal of American Academy of Dermatology. vol. 64, no. 6, pp. 1092-1103, 2011. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  12. J. Jedrych, D. Leffell, e J. M. McNiff, “tricoepitelioma Desmoplastic con il coinvolgimento perineurale: una serie di sette casi,” Journal of Pathology cutanea. vol. 39, no. 3, pp. 317-323, 2012. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  13. O. Tellechea, J. P. Reis, e A. P. Baptista, “trichilemmoma Desmoplastic,” The American Journal of Dermatopatologia. vol. 14, no. 2, pp. 107-114, 1992. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  14. S. K. Singh, B. K. Ojha, A. Chandra, M. Rastogi, M. Husain, e N. Husain, “meningioma del cuoio capelluto,” Indiano Journal of Dermatology. vol. 53, pp. 196-198, 2008. Vedi in Google Scholar
  15. S. E. Mills, “Decidua e metaplasia squamosa nei linfonodi addomino,” International Journal of Pathology ginecologica. vol. 2, n. 2, pp. 209-215, 1983. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  16. C. J. Ko, “Keratoacanthoma: fatti e polemiche,” Cliniche in dermatologia. vol. 28, no. 3, pp. 254-261, 2010. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  17. D. Weedon, Weedons patologia cutanea. Churchill Livingstone, London, UK, 2010.
  18. J. Ye, O. Nappi, P. E. Swanson, J. W. Patterson, e M. R. Wick, “proliferanti tumori Pilar: uno studio clinicopathologic di 76 casi con una proposta di definizione di varianti benigni e maligni,” The American Journal of Clinical Pathology. vol. 122, n. 4, pp. 566-574, 2004. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  19. A. A. Khoja, B. Yan, S. J. Lee, E. C. Cheong, e K. B. Tan, “Proliferating tricholemmal tumore: aspetti clinico-patologici di un caso,” Singapore Medical Journal. vol. 52, no. 12, pp. E255-E257, 2011. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  20. E. C. Wang, Y. C. Kwah, W. P. Tan, J. S. Lee, e S. H. Tan, “extramammario Paget malattia: immunoistochimica è fondamentale per distinguere i potenziali mimickers,” Dermatologia Online Journal. vol. 18, no. 9, 4 pagine, 2012. Vista a Google Scholar
  21. C. Garcia, E. Poletti, e A. N. Crowson, “Carcinoma Basosquamous,” Journal of American Academy of Dermatology. vol. 60, no. 1, pp. 137-143, 2009. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  22. B. Sramek, A. Lisle, e T. Loy, “immunoistochimica nei carcinomi oculari,” Journal of Pathology cutanea. vol. 35, no. 7, pp. 641-646, 2008. Vedi in Publisher · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  23. M. Izumi, K. Mukai, T. Nagai et al. “Carcinoma sebacee delle palpebre: trenta casi dal Giappone,” Patologia Internazionale. vol. 58, no. 8, pp. 483-488, 2008. Vedi in Publisher · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  24. S.-I. Ansai, H. Takeichi, S. Arase, S. Kawana, e T. Kimura, “Carcinoma sebacea: una rivalutazione immunoistochimica,” The American Journal of Dermatopatologia. vol. 33, no. 6, pp. 579-587, 2011. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  25. M. B. Morgan, C. Purohit, e T. R. Anglin, “distinzione immunoistochimica del carcinoma a cellule fuso cutanea,” The American Journal of Dermatopatologia. vol. 30, no. 3, pp. 228-232, 2008. Vedi in Publisher · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  26. K. Jensen, B. Wilkinson, N. Vini, e S. Kossard, “procollagene 1 espressione in fibroxantoma atipiche e altri tumori,” Journal of Pathology cutanea. vol. 31, no. 1, pp. 57-61, 2004. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  27. J. H. K. Hwang, K. Alanen, K. D. Dabbs, J. Danyluk, e S. Silverman, “carcinoma a cellule di Merkel con differenziazione squamosa e sarcomatosa,” Journal of Pathology cutanea. vol. 35, no. 10, pp. 955-959, 2008. Vedi in Publisher · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  28. F. Mahomed, J. Blok, e W. Grayson, “La variante squamose eccrine porocarcinoma: uno studio clinicopatologica di 21 casi,” Journal of Clinical Pathology. vol. 61, no. 3, pp. 361-365, 2008. Vedi in Publisher · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  29. J. J. Scarisbrick, E. Calonje, G. Orchard, F. J. Bambino, e R. Russell-Jones, “cambiamento Pseudocarcinomatous in papulosi linfomatoide e CD30 cutanea primaria + linfoma: uno studio clinicopathologic e immunoistochimica di 6 pazienti,” Journal of American Academy of Dermatology. vol. 44, no. 2, pp. 239-247, 2001. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  30. N. Mopuri, J. K. G. Laitung, e C. Cardozo, “Collision tumorali del carcinoma a cellule squamose e melanoma maligno invasivo di cuoio: un caso,” Journal of Plastica, Ricostruttiva ed Estetica. vol. 62, no. 5, pp. E104-E105, 2009. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  31. C. Mitteldorf, K. D. Mertz, M. T. Fernndez-Figueras, M. Schmid, M. Tronnier, e W. Kempf, “Rilevazione della poliomavirus a cellule di Merkel e papillomavirus umano nel carcinoma a cellule di Merkel in combinazione con carcinoma a cellule squamose in pazienti immunocompetenti europei,” The American Journal of Dermatopatologia. vol. 34, no. 5, pp. 506-510, 2012. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  32. K. D. Mertz, A. Paasinen, A. Arnold, et al. “Merkel poliomavirus a grandi cellule T antigene viene rilevato in rari casi di cancro della pelle non melanoma,” Journal of Pathology cutanea. vol. 40, no. 6, pp. 543-549, 2013. Vista a Google Scholar
  33. N. Scola, U. Wieland, S. Silling, P. Altmeyer, M. Stcker, e A. Kreuter, “La prevalenza di poliomavirus umani in tipi comuni e rare di carcinoma a cellule di cancro non-Merkel pelle” British Journal of Dermatology. vol. 167, n. 6, pp. 1315-1320, 2012. Vista a Google Scholar

Related posts

  • Carcinoma a cellule squamose sull’orecchio

    Mandrino Cell Carcinoma of the Tongue: un tumore raro in una posizione insolita 1 Dipartimento di Patologia, Diskapi Yildirim Beyazit Formazione e Research Hospital, 06110 Ankara, Turchia 2 Ear-naso-gola …

  • Small Cell Carcinoma della laringe …

    1 Dipartimento di Otorinolaringoiatria-Chirurgia Cervico, Osaka University Graduate School of Medicine, 2-2 Yamadaoka, Suita, Osaka 565-0871, Giappone 2 Dipartimento di Otorinolaringoiatria, Suita …

  • Squamose sintomi di cellule di carcinoma …

    Carcinoma a cellule squamose (SCC) è una condizione della pelle che coinvolge la crescita anormale delle cellule squamose, anche se le modifiche possono essere sottili in un primo momento. Molti pazienti che si presentano con la condizione …

  • Carcinoma a cellule squamose della …

    Dermatol Surg 1996; 22: 243-254 Per ogni diminuzione 8-10 gradi in latitudine, vi è un raddoppio delle tendenze Tempo di incidenza e rischi familiari di carcinoma a cellule squamose della pelle. Hemminki K, …

  • dito Carcinoma a cellule squamose

    Valutazione della correlazione delle Proteine ​​del ciclo cellulare e Ki-67 Interazione in Seno paranasale invertito Papilloma prognosi e carcinoma a cellule squamose Trasformazione 1 Dipartimento di Otorinolaringoiatria …

  • carcinoma a cellule squamose perianale …

    Estratto Riportiamo due casi di carcinoma a cellule squamose perianale in situ, negativi ad alto rischio (HR) e basso rischio (LR) papilloma virus umani. Una breve rassegna di anale e perianale …