Rocephin Monografia per i professionisti, Rocephin pillole.

Rocephin Monografia per i professionisti, Rocephin pillole.

Otite media acuta (OMA)

Quando anti-infettivi indicati, AAP raccomanda amoxicillina ad alte dosi o amoxicillina e acido clavulanico come farmaci di scelta per il trattamento iniziale di AOM; alcune cefalosporine (cefdinir, cefpodoxima, cefuroxima, ceftriaxone) consigliate come alternative per il trattamento iniziale nei pazienti allergici alla penicillina senza una storia di reazioni gravi e / o recenti allergici alla penicillina. 499

È stata efficace per il trattamento iniziale o di ripetizione di AOM; 499 buona scelta quando il paziente ha il vomito persistente o non può essere altrimenti tollerare un regime orale. 499

Un regime a dose singola può essere utilizzato, ma produttore avverte che potenzialmente inferiore tasso di guarigione dovrebbe essere equilibrata contro i vantaggi di un regime di dose singola. 1 AAP afferma un regime di 1 o 3 giorni† Può essere usato per il trattamento iniziale di AOM, ma avverte che più di una singola dose può essere richiesto per prevenire il ripetersi. 499

AAP raccomanda un regime di 3 giorni† Per il ritrattamento di AOM in pazienti che non rispondono ad un regime iniziale anti-infettivi. 499

Ossa e alle articolazioni Infezioni

L’endocardite

Non indicato per il trattamento della endocardite stafilococcica. 413

Alternative per la prevenzione di α-hemolytic (gruppo viridans) endocardite streptococcica† in soggetti sottoposti a determinate procedure del tratto respiratorio odontoiatria e superiori che hanno condizioni cardiache che li mettono a più alto rischio di endocardite. 509 amoxicillina orale è solito farmaco di scelta per tali la profilassi; 509 ceftriaxone (o cefazolina) è un’alternativa nei soggetti allergici alla penicillina o quando un antinfettivo orale non può essere utilizzato. 509 non deve essere utilizzato nei pazienti con immediato di tipo penicillina ipersensibilità (vedi Cross-ipersensibilità sotto Precauzioni). 509 Consult più recenti raccomandazioni AHA per informazioni specifiche sulle quali condizioni cardiache sono associate a più alto rischio di endocardite e quali procedure richiedono la profilassi. 509

GI Infezioni

trattamento empirico della diarrea infettiva† . 412 Alternative per il trattamento empirico di diarrea grave nei soggetti con infezione da HIV; ciprofloxacina è farmaco di scelta. 412

Infezioni intra-addominali

Può essere utilizzato da solo per il trattamento empirico iniziale di lieve o infezioni del tratto biliare moderati acquisita in comunità (colecistite acuta o colangite), ma deve essere utilizzato in combinazione con metronidazolo per il trattamento empirico iniziale di lieve a moderata extrabiliary infezioni intra-addominali acquisite in comunità. 708

La meningite e altre infezioni del sistema nervoso centrale

Non dovrebbe essere usato da solo per il trattamento empirico della meningite quando Listeria monocytogenes. enterococchi, stafilococchi, o Pseudomonas aeruginosa possono essere coinvolti. 9 87 137 197 292 400 468

Infezioni delle vie respiratorie

per empirica ambulatoriale trattamento della PAC in cui i fattori di rischio per la farmaco-resistente S. pneumoniae sono presenti (ad esempio patologie concomitanti quali cardiaca cronica, polmone, fegato o malattia renale, il diabete, l’alcolismo, tumori maligni, asplenia, immunosoppressione, uso di anti-infettivi negli ultimi 3 mesi), ATS e IDSA raccomanda la monoterapia con una attiva fluorochinolone contro S. pneumoniae (Moxifloxacina, gemifloxacina, levofloxacina) o, in alternativa, un regime di combinazione che include un βlattame attivo contro S. pneumoniae (Amoxicillina ad alte dosi o una combinazione fissa di amoxicillina e acido clavulanico o, in alternativa, ceftriaxone, cefpodoxima o cefuroxima) dato in combinazione con un macrolide (azitromicina, claritromicina, eritromicina) o doxiciclina. 512

per empirica ricoverato trattamento dei CAP in pazienti che non richiedono un trattamento in un reparto di terapia intensiva (pazienti non ICU), IDSA e ATS raccomanda la monoterapia con un fluorochinolone (moxifloxacina, gemifloxacina, levofloxacina) o, in alternativa, un regime di combinazione che include un βlattame (di solito cefotaxime, ceftriaxone, o ampicillina) proposta in combinazione con un macrolide (azitromicina, claritromicina, eritromicina). 512 Per empirica ricoverato trattamento dei CAP in pazienti in terapia intensiva quando Pseudomonas e meticillino-resistente S. aureus (MRSA, noto anche come oxacillina-resistenti S. aureus o ORSA) sono non sospettato, IDSA e ATS raccomandano un regime di combinazione che include un βlattame (cefotaxime, ceftriaxone, combinazione fissa di ampicillina e sulbactam) data in collegamento con sistemi di azitromicina o un fluorochinolone (gemifloxacina, levofloxacina, moxifloxacina). 512

Alternative per il trattamento della sinusite mascellare acuta† . 728 729 amoxicillina orale o amoxicillina e acido clavulanico di solito raccomandato per il trattamento empirico. 728 729 Nei bambini che sono vomito, incapace di tollerare o improbabili ad aderire iniziale terapia orale, il trattamento può essere iniziato con ceftriaxone e poi passato a un regime orale se un miglioramento clinico osservato a 24 ore. 728 729 anche un’alternativa per grave sinusite che richiedono ospedalizzazione. 728 729

Setticemia

Selezionare anti-infettivi per il trattamento della sindrome settica sulla base di probabile fonte di infezione, microrganismo responsabile, lo stato immunitario del paziente e modelli locali di resistenza batterica. 197

Per il trattamento iniziale della sepsi pericolo di vita negli adulti, alcuni clinici suggeriscono che una terza o quarta cefalosporina generazione (cefepime, cefotaxime, ceftriaxone, ceftazidime), la combinazione fissa di piperacillina e tazobactam, o carbapenemici (doripenem, imipenem, meropenem) essere usato in congiunzione con vancomicina; alcuni suggeriscono che comprende anche un aminoglicoside o fluorochinolone durante primi giorni di trattamento. 197

Pelle e infezioni della pelle Struttura

Infezioni del tratto urinario (UTI)

Ceftriaxone (come altre cefalosporine di terza generazione) in genere non deve essere utilizzato per il trattamento delle infezioni del tratto urinario non complicata quando potrebbero essere utilizzati altri anti-infettivi con una gamma ristretta di attività. 105 106 128 179 446

Actinomicosi

Bartonella infezioni

Capnocytophaga Infezioni

regimi ottimali per il trattamento di Capnocytophaga infezioni non identificate; alcuni medici raccomandano l’uso della penicillina G 197 463 o, in alternativa, una cefalosporina di terza generazione (cefotaxime, ceftriaxone), un carbapenemici (imipenem, meropenem), vancomicina, un fluorochinolone o clindamicina. 197

chancroid

CDC 167 e altri 242 raccomandano azitromicina, ceftriaxone, ciprofloxacina o eritromicina come farmaci di scelta per il trattamento di ulcera molle. pazienti affetti da HIV e pazienti non circoncisi non può rispondere al trattamento, così come coloro che sono HIV-negativi o circonciso. 167 202 241 242 CDC raccomanda che il regime ceftriaxone monodose essere usato in pazienti con HIV solo se il follow-up può essere garantita. 167

Gonorrea e infezioni associate all’assistenza

Il trattamento iniziale di infezioni gonococciche diffuse† . 167 221 292 farmaco di scelta per la terapia parenterale iniziale negli adulti, adolescenti e bambini, soprattutto quando la meningite, endocardite, o congiuntivite è coinvolto. 167 292

Il trattamento delle infezioni disseminate gonococciche (ad esempio sepsi, artrite, meningite) e ascessi del cuoio capelluto gonococciche nei neonati. 167 292 non deve essere utilizzato nei neonati che sono iperbilirubinemici (in particolare quelli nati prematuramente) (vedi uso pediatrico sotto Precauzioni); 1 292 AAP raccomanda cefotaxime per tali neonati. 292

Se l’infezione persiste (fallimento del trattamento), importanti campioni clinici di cultura e di eseguire in test di sensibilità in vitro. 722 consultare anche specialista in malattie infettive, STD / HIV Prevention Training Center (), o CDC (404-639-8659) per consigli trattamento e segnalare il caso di CDC attraverso dipartimenti sanitari locali o statali entro 24 ore dalla diagnosi. 722

Per tutti i pazienti gonorrea, garantire che i loro partner sessuali da precedenti 60 giorni sono valutati tempestivamente con la cultura e trattati con un regime raccomandato se indicato. 722

Leptospirosi

Leptospirosi è un’infezione spirochete che può variare in gravità da una malattia sistemica autolimitata a una grave malattia, pericolosa per la vita che comprende ittero, insufficienza renale, emorragie, aritmie cardiache, polmonite, e il collasso emodinamico (sindrome di Weil). 292 515 517

Penicillina G generalmente è stato considerato il farmaco di scelta per il trattamento di moderata a grave leptospirosi, 197 292 513 515 519 e doxiciclina è stato usato nelle infezioni meno gravi. 197 292 cefalosporine (ceftriaxone, cefotaxime), aminopenicillins (ampicillina, amoxicillina), tetracicline (doxiciclina, tetracicline), o macrolidi (azitromicina) consigliati anche per infezioni gravi. 197 292 515 517 518 519

Malattia di Lyme

Il trattamento di Lyme cardite† quando un regime parenterale è indicato. 262 277 292 497 IV ceftriaxone è il farmaco di scelta; alternative sono IV cefotaxime o IV penicillina G. 262 277 292 497 Sebbene un regime parenterale si raccomanda di solito per il trattamento iniziale dei pazienti ospedalizzati, un regime orale (doxiciclina, amoxicillina, cefuroxima axetil) può essere utilizzato per completare la terapia e per il trattamento di pazienti esterni . 262 277 292 497

Il trattamento di artrite di Lyme† quando un regime parenterale è indicato. 262 292 277 497 498 IV ceftriaxone è il farmaco di scelta; le alternative sono IV cefotaxime o IV penicillina G. 262 292 277 497 498 Anche se la relativa sicurezza e l’efficacia di orale contro IV anti-infettivi per il trattamento di artrite di Lyme non è stato completamente valutato, 277 quelli con malattia neurologica concomitante generalmente dovrebbero ricevere un regime parenterale . 262 277 292 497 498

Il trattamento di fine malattia neurologica di Lyme† interessano il CNS o del sistema nervoso periferico (ad es encefalopatia, neuropatia). 277 292 IV ceftriaxone è il farmaco di scelta; alternative sono IV cefotaxime o IV penicillina G. 277 292

Neisseria meningitidis Infezioni

Eliminazione di trasporto nasofaringeo di N. meningitidis † nei pazienti con malattia meningococcica invasiva che non hanno ricevuto il trattamento con ceftriaxone o altro cefalosporina di terza generazione. 292 374 376

Chemioprofilassi per prevenire la malattia meningococcica in famiglia o altri contatti stretti di pazienti con malattia meningococcica invasiva† . 1 292 374 376

il controllo focolaio di malattia meningococcica quando scoppio coinvolge una popolazione limitata (ad esempio, una singola scuola), soprattutto quando ceppo meningococco coinvolto non è rappresentato nel vaccino anti-meningococco attualmente disponibili. 376 Messa non chemioprofilassi raccomanda di controllare grandi epidemie. 376

Ceftriaxone, rifampicina (non raccomandato nelle donne in gravidanza), o ciprofloxacina (sconsigliato in quelli lt; 18 anni di età a meno che nessun altro regime può essere utilizzato, non è raccomandato nelle donne in gravidanza o in allattamento) sono i farmaci di scelta per l’eliminazione di N. meningitidis trasporto e per la chemioprofilassi di malattia meningococcica. 292 374 376 Tutti sono 90–95% efficace e uno di questi è un regime accettabile; 376 AAP suggerisce rifampicina può essere il farmaco di scelta per la maggior parte bambini. 292

Nocardiosis

Co-trimossazolo (associazione fissa di sulfametossazolo e trimetoprim) è generalmente farmaco di scelta per il trattamento di nocardiosi. 197 292 Altri farmaci che sono stati utilizzati da soli o in combinazione regimi per il trattamento di nocardiosi includono un sulfamidico solo (sulfametossazolo [non disponibile in commercio negli Stati Uniti], sulfadiazina), amikacina, tetracicline (Minocycline), cefalosporine (ceftriaxone, cefotaxime, cefuroxima) , cefoxitina, carbapenemi (imipenem o meropenem), associazione fissa di amoxicillina e acido clavulanico, claritromicina, cicloserina, o Linezolid. 197 292 521 522 524 525 528

Malattia infiammatoria pelvica (PID)

Non considerato un farmaco di scelta per i regimi parenterali utilizzati per il trattamento della PID. 167 242 CDC afferma ceftriaxone può essere efficace per PID, ma è meno attivo di cefotetan o cefoxitina contro i batteri anaerobi. 167

Quando si utilizza regime orale per il trattamento di entità da lieve a moderatamente grave PID acuta, CDC raccomanda una dose singola IM di ceftriaxone, cefoxitina (con probenecid orale), o altra cefalosporina parenterale di terza generazione (ad esempio cefotaxime) rilasciate a fronte doxiciclina per via orale (con o senza metronidazolo orale). 167

Perché ceftriaxone (come altre cefalosporine) non è attivo contro Chlamydia. l’uso concomitante di un contro attiva di droga Chlamydia (Ad esempio doxiciclina) è necessario quando questi organismi sono agenti patogeni sospetti. 1 167

Pseudomonas aeruginosa Infezioni

Poiché molti ceppi di Ps. aeruginosa sono sensibili solo ad alte concentrazioni di ceftriaxone in vitro e per ceppi resistenti dell’organismo hanno sviluppato durante la terapia con il farmaco, 120 121 124 127 132 150 ceftriaxone generalmente non deve essere usato da solo nel trattamento di qualsiasi infezione dove Ps. aeruginosa può essere presente. 104 105 106 124 125 128 170 250

febbre ricorrente

Sifilide

Alternative per il trattamento della sifilide precoce† in pazienti allergici alla penicillina; CDC avverte che dosaggio e la durata di ceftriaxone per questo uso ottimale non sono stati definiti. 167

Alternative per il trattamento di neurosifilide† in pazienti allergici alla penicillina. 167

Possibile alternativa per il trattamento della sifilide latente† o la sifilide di durata sconosciuta† in pazienti allergici alla penicillina. CDC avverte che il dosaggio e la durata di ceftriaxone per questo uso ottimale non sono stati definiti e le uniche alternative accettabili alla penicillina per queste infezioni sono doxiciclina o tetraciclina. 167

CDC afferma ceftriaxone può essere considerato per il trattamento di bambini con evidenza clinica di sifilide congenita se vi è una carenza penicillina e penicillina G sodio e la penicillina G procaina non sono disponibili. 167 Tuttavia, il farmaco deve essere usato in consultazione con uno specialista nel trattamento di bambini con sifilide congenita e con stretta di follow-up clinico e sierologico. 167

CDC stati dati sono insufficienti per raccomandare l’uso di ceftriaxone per il trattamento della sifilide in donne in gravidanza o pazienti pediatrici o per la prevenzione della sifilide congenita. 167

L’uso di ceftriaxone per il trattamento della sifilide in individui affetti da HIV ipersensibili alla penicillina non è stato adeguatamente studiato e deve essere effettuata con cautela. 167

A causa della limitata esperienza con alternative penicillina, close follow-up è essenziale se ceftriaxone è usato nel trattamento della sifilide. 167 Se il rispetto di un regime alternativo non può essere garantita nei pazienti ipersensibili alla penicillina, il CDC raccomanda di desensibilizzazione e il trattamento con penicillina G. 167

Febbre tifoide e altre infezioni da salmonella

Alternativo per il trattamento di Salmonella gastroenterite in individui affetti da HIV per prevenire la diffusione extraintestinali dell’infezione. 412 CDC, NIH, e IDSA raccomanda ciprofloxacina come farmaco di scelta per il trattamento di Salmonella gastroenterite (con o senza batteriemia) negli adulti con infezione da HIV; altri fluorochinoloni (levofloxacina, moxifloxacina) possono anche essere efficace. 412 A seconda della sensibilità in vitro, le alternative sono cotrimossazolo o cefalosporine di terza generazione (ceftriaxone, cefotaxime). 412

Whipple’s Disease

Empiric Terapia in febbrili neutropeniche pazienti

Empirica terapia anti-infettiva di infezioni batteriche presunte negli adulti con neutropenia febbrile o pazienti pediatrici† ; utilizzato in combinazione con un aminoglicoside. 387 388 437

Ceftriaxone monoterapia non può fornire una copertura adeguata contro alcuni potenziali patogeni (ad esempio Ps. aeruginosa ). 387 388 437 e come monoterapia in generale non adatta a terapia empirica anti-infettivi nei pazienti con neutropenia febbrile. 435 436

Consultare protocolli pubblicati sul trattamento delle infezioni in pazienti con neutropenia febbrile per le raccomandazioni specifiche per quanto riguarda la selezione del regime empirica iniziale, quando cambiare regime iniziale, eventuali regimi successivi, e la durata della terapia in questi pazienti. 390 La consultazione con un esperto di malattie infettive informato circa le infezioni nei pazienti immunocompromessi anche consigliato. 390

perioperatoria Profilassi

cefalosporine di prima e seconda generazione (cefazolina, cefuroxima) generalmente preferivano quando una cefalosporina usato per la profilassi perioperatoria. 104 106 164 168 175 236 306 cefalosporine di terza generazione (cefotaxime, ceftriaxone, ceftazidime) e cefalosporine di quarta generazione (Cefepime) di solito non consigliato per la profilassi perioperatoria di routine dal momento che sono costosi, alcuni sono meno attivo di prima o seconda cefalosporine generazione contro gli stafilococchi, hanno hanno spettri di attività più ampio di quello necessario per gli organismi incontrati nella chirurgia elettiva, e il loro uso per la profilassi può promuovere comparsa di organismi resistenti. 168 435

Profilassi in vittime di aggressioni sessuali

Empiric profilassi anti-infettiva nelle vittime di violenza sessuale† ; utilizzato in combinazione con metronidazolo orale e azitromicina per via orale o doxiciclina. 167 292

Profilassi seguito ferite da morso

Profilassi a seguito di una ferita da morso† (Umano o animale). 292

Rocephin Dosaggio e somministrazione

Amministrazione

Non usare solventi che contengono calcio (ad esempio Ringer’s / Ringer lattato’s iniezione, Hartmann’s iniezione) per ricostituire o diluire ulteriormente ceftriaxone perché un precipitato può formare. 1 180 307 507 511 529

Controindicato nei neonati (le; 28 giorni di età) se stanno assumendo (o prevede di richiedere), il trattamento con soluzioni IV contenenti calcio, tra cui infusioni contenenti calcio continui come la nutrizione parenterale. 1 529

IV Infusion

La concentrazione raccomandata per l’infusione IV è 10–40 mg di ceftriaxone / mL; concentrazioni inferiori possono essere utilizzati, se desiderato. 1

Non usare solventi che contengono calcio (ad esempio Ringer’s / Ringer lattato’s iniezione, Hartmann’s iniezione) per ricostituire o diluire ulteriormente ceftriaxone perché un precipitato può formare. 1 180 307 507 511 529

Per la soluzione e la compatibilità del farmaco, vedere Compatibilità sotto di stabilità.

Ricostituzione e la diluizione

Ricostituire fiale contenenti 250 mg, 500 mg, 1 g, o 2 g di ceftriaxone con 2.4, 4.8, 9.6, o 19,2 mL, rispettivamente, di una soluzione IV compatibile per fornire soluzioni contenenti circa 100 mg / mL. 1 Poi, diluire ulteriormente in una soluzione IV compatibili. 1

Ricostituire fiale ADD-Vantage contenenti 1 o 2 g di ceftriaxone con cloruro di sodio allo 0,9% o iniezione di destrosio 5% in contenitori flessibili ADD-Vantage secondo il costruttore’s direzioni. 501

Tasso di Amministrazione

infusioni IV intermittenti deve essere infusa nell’arco di 30 minuti. 1 180 307 501 504

Amministrazione IM

Iniettare IM profondamente in una grande massa muscolare. 1 Utilizzare aspirazione per assicurare che l’ago non è in un vaso sanguigno. 1

Le soluzioni IM preparate utilizzando acqua batteriostatica contenente alcool benzilico non deve essere utilizzato nei neonati. 176 177 (Vedi pediatrico Usa sotto Precauzioni.)

Non usare solventi che contengono calcio (ad esempio Ringer’s / Ringer lattato’s iniezione, Hartmann’s iniezione) per ricostituire o diluire ulteriormente ceftriaxone perché un precipitato può formare. 1 180 507 511 529

ricostituzione

Dosaggio

Disponibile come ceftriaxone sodio; dosaggio, espresse in termini di ceftriaxone. 1 180 307 501 504

Fare non utilizzare ceftriaxone disponibile in Duplex sistema drug delivery in pazienti che richiedono meno l’intera dose da 1 o 2 g nel contenitore. 504

I pazienti pediatrici

Generale Pediatrica Dosaggio
Le infezioni nei neonati le; 28 giorni di età

AAP raccomanda 50 mg / kg una volta al giorno, indipendentemente dal peso. 292

Infezioni lievi e moderate nei bambini Beyond neonatale Periodo

AAP raccomanda 50–75 mg / kg una volta al giorno. 292

Infezioni gravi nei bambini Beyond neonatale Periodo

AAP raccomanda 100 mg / kg al giorno proposta in 1 o 2 dosi divise. 292

Produttori raccomandano 50–75 mg / kg al giorno (fino a 2 g al giorno) somministrato in 2 dosi uguali ogni 12 ore. 1 180 307 501

Otite media acuta (OMA)
SONO

una singola dose di 50 mg / kg (massimo 1 g). 1

Per il trattamento iniziale, AAP raccomanda 50 mg / kg al giorno somministrato per 1 o 3 giorni† . 499 Più che una singola dose può essere richiesto per prevenire il ripetersi. 499

Per il ritrattamento, AAP raccomanda 50 mg / kg al giorno somministrato per 3 giorni† . 499

L’endocardite†
Trattamento di Native Valve le endocarditi causate da streptococchi viridans o S. bovis†
Il trattamento di protesi della valvola le endocarditi causate da streptococchi viridans o S. bovis†
Trattamento di madrelingua o protesico valvola endocardite causata dal Gruppo HACEK†
Trattamento di madrelingua o protesico valvola endocardite causate da E. faecalis resistenti alla penicillina, Aminoglicosidi, e vancomicina†
La prevenzione di endocardite nei pazienti sottoposti a determinate procedure dentale o del tratto respiratorio superiore†

Singola di 50 mg / dose di kg dato 0,5–1 ora prima procedura. 509

Infezioni intra-addominali
IV o IM

50–75 mg / kg una volta o due volte al giorno. 708

Può essere utilizzato da solo per il trattamento empirico iniziale di infezioni delle vie biliari acquisita in comunità (colecistite o colangite); utilizzare in combinazione con metronidazolo per il trattamento empirico iniziale di infezioni intra-addominali acquisite in comunità extrabiliary. 708

Meningite
IV
Pelle e infezioni della pelle Struttura
IV o IM

Dosaggi più elevati di probenecid orale (1 o 2 g al giorno) possono bloccare parzialmente la secrezione biliare di ceftriaxone e spostare il farmaco dalle proteine ​​plasmatiche determinando un aumento della clearance e diminuzione emivita di ceftriaxone 179

In evidenza vitro sinergico effetto antibatterico tra il ceftriaxone e trovafloxacina (non disponibile in commercio negli Stati Uniti) contro la penicillina-sensibili e resistenti alla penicillina S. pneumoniae. tra cui alcuni ceppi resistenti alla sola ceftriaxone 485

Importanza clinica sconosciuta 485

I test per il glucosio

Possibili reazioni falso-positivi nei test di glucosio nelle urine mediante Clinitest. Benedetto’soluzione s, o Fehling’s Soluzione A

prove di utilizzare il glucosio in base a reazioni enzimatici con glucosio ossidasi (ad esempio Clinistix. Tes-Tape) una

Rocephin Farmacocinetica

Assorbimento

La biodisponibilità

Non sensibilmente assorbito dal tratto GI; deve essere somministrato per via parenterale. 170

studi a dosi multiple in adulti sani indicano concentrazioni sieriche allo steady state il giorno 4 di terapia sono 15–36% in più rispetto alle concentrazioni sieriche raggiunte con una singola dose. 1 56 84 170

Distribuzione

Estensione

Attraversa la placenta ed è distribuito in liquido amniotico. 66 84 104 Distributed nel latte. 66 84 104

Legame alle proteine ​​plasmatiche

Eliminazione

Metabolismo

Metabolizzato in piccola parte nell’intestino dopo eliminazione biliare. 84

Eliminazione percorso

Metà vita

Neonati: 16,2 ore in quelli 1–4 giorni di età e 9,2 ore in quei 9–30 giorni di età. 60

bambini 2–42 mesi di età: emivita di distribuzione 0,25 ore e l’emivita di eliminazione di 4 ore. 61

Popolazioni speciali

I pazienti con insufficienza renale moderata: medie emivita di eliminazione di 10–16 ore. 48 77 85 104 170

medie emivita di eliminazione 12.2–18.2 ore in pazienti con clearance della creatinina lt; 5 mL / min 48 73 74 75 77 e 15–57 ore nei pazienti uremici. 73 74 77 104 170

Stabilità

Conservazione

Parenterale

Polvere per IM iniezione o infusione endovenosa

Le; 25°C (di solito 20–25°C); proteggere dalla luce. 1 Non c’è bisogno di proteggere le soluzioni ricostituite dalla luce normale. 1

Le soluzioni IV contenenti 10–40 mg / mL preparato utilizzando acqua sterile, cloruro di sodio 0,9%, o 5 o 10% di destrosio sono stabili per 3 giorni a 25°C o 10 giorni a 4°C. 1 Quelli contenenti 10–40 mg / mL preparato usando 5% di destrosio e sodio cloruro 0,45 o 0,9% sono stabili per 3 giorni a 25°C; non refrigerare. 1

soluzioni IM contenenti 100 mg / mL preparati utilizzando acqua sterile, cloruro di sodio 0,9%, o 5% di destrosio sono stabili per 3 giorni a temperatura ambiente (25°C) o 10 giorni in frigorifero a 4°C; quelli contenenti 250 o 350 mg / mL sono stabili per 24 ore a 25°C o 3 giorni a 4°C. 1

Le soluzioni IM contenenti 100 mg / ml preparata con 1% di cloridrato di lidocaina (senza epinefrina) o acqua batteriostatica (contenente 0,9% di alcool benzilico) sono stabili per 24 ore a 25°C o 10 giorni a 4°C; quelli contenenti 250 o 350 mg / mL sono stabili per 24 ore a 25°C o 3 giorni a 4°C. 1

Iniettabile, per infusione endovenosa

pacchetto all’ingrosso Farmacia: 20–25°C; proteggere dalla luce. 180 Dopo la ricostituzione, diluire ulteriormente in soluzione infusione endovenosa compatibile senza indugio; eliminare parti non utilizzate di soluzione ricostituita dopo 4 ore. 180 Non c’è bisogno di proteggere la soluzione ricostituita da luce normale. 180

ADD-Vantage fiale: 20–25°C; proteggere dalla luce. 501 Dopo la ricostituzione, soluzioni IV contenenti 10–40 mg / mL sono stabili per 2 giorni a temperatura ambiente (25°C) o 10 giorni in frigorifero a 4°C. 501

somministrazione di farmaci Duplex: 20–25°C (può essere esposto a 15–30°C). 504 Dopo la ricostituzione (attivazione), da usare entro 24 ore se conservata a temperatura ambiente o entro 7 giorni se conservato in frigo; non congelare. 504

Iniezione (congelata) per infusione endovenosa

-20° C o inferiore. 307 soluzioni scongelati sono stabili per 48 ore a temperatura ambiente (25°C) o 21 giorni sotto refrigerazione (5°C). 307

Non ricongelare dopo lo scongelamento. 307

Compatibilità

Per informazioni sulle interazioni sistemici derivanti dall’uso concomitante, vedere le interazioni.

Parenterale

Soluzione Compatibilità HID

Non usare diluenti contenenti calcio per ricostituire o diluire ceftriaxone ricostituito perché si forma un precipitato ulteriormente. 1

Azioni e Spectrum

Sulla base di spettro di attività, classificato come una cefalosporina di terza generazione. 104 105 106 108 162 165 170 una solito meno attivo in vitro contro stafilococchi suscettibili di cefalosporine di prima generazione, ma ha esteso spettro di attività contro batteri gram-negativi rispetto a prima e seconda cefalosporine generazione. 4 7 23 36 37 104 105 106 170 a

Come altri βantibiotici lattame, attività risultati antibatteriche dalla inibizione della sintesi della parete cellulare batterica. 1 104 un

Spettro di attività include molti batteri gram-positivi aerobici, molti batteri aerobi gram-negativi, e alcuni batteri anaerobici; inattivo contro Chlamydia. funghi e virus. 1 un

I ceppi di stafilococchi resistenti alla penicillinasi-resistenti penicilline (meticillino-resistente [oxacillina-resistenti] stafilococchi) dovrebbe essere considerato resistente al ceftriaxone, anche se i risultati in vitro test di sensibilità possono indicare che gli organismi sono sensibili al farmaco. 166

Attiva in vitro contro alcuni ceppi di Nocardia , 522 526 527 tra cui alcuni ceppi di asteroides N. 522 527 e N. brasiliensis . 526 Resistenza al ceftriaxone riportato in alcuni isolati ambientali di asteroides N. 527 e clinici isolati di N. farcinica . 525

Gram-negativi aerobi: Attivo in vitro e in infezioni cliniche contro Acinetobacter calcoaceticus. Enterobacter (Compreso E. aerogenes. E. cloacae ), Escherichia coli. Haemophilus influenzae (Compresi ampicillina resistenti e βceppi B-lattamasi-produzione), H. parainfluenzae. Klebsiella pneumoniae. K. oxytoca. Moraxella catarrhalis (Compreso βceppi B-lattamasi-produzione), Morganella morganii. Neisseria gonorrhoeae. N. meningitidis. Proteus mirabilis. P. vulgaris. Pseudomonas aeruginosa. e Serratia marcescens . 1 una attiva anche in vitro contro Capnocytophaga, 461 462 Citrobacter. Providencia. Salmonella. e Shigella . 1 a meno attivo di ceftazidima contro Ps. aeruginosa . un

Anaerobi: attivo in vitro e nelle infezioni clinici contro Bacteroides fragilis. Clostridium (tranne C. difficile ), e Peptostreptococcus . 1 attivo anche in vitro contro Prevotella bivius e Porphyromonas melaninogenicus . 1

Spirochete: ha una certa attività contro Treponema pallidum quando testato in un modello di coniglio. 173 attiva in vitro contro borrelia burgdorferi. agente eziologico della malattia di Lyme. 207 283 284 285 340 341 attiva in vitro contro Leptospira. Compreso L. interrogans e L. weilii . 514

Consigli per i pazienti

Informare i pazienti che antibatterici (tra cui ceftriaxone) deve essere utilizzato solo per trattare le infezioni batteriche e non usati per trattare le infezioni virali (ad esempio, il comune raffreddore). 1 180 307 501

Importanza di completare ciclo completo di terapia, anche se sentirsi meglio dopo pochi giorni. 1 180 307 501

Informare i pazienti che saltare le dosi o non hanno completato il ciclo completo di terapia può diminuire l’efficacia e aumentare la probabilità che i batteri si sviluppano resistenza e non saranno curabili con ceftriaxone o altri antibatterici in futuro. 1 180 307 501

Informare i pazienti che ceftriaxone e prodotti contenenti calcio possono interagire tra loro e provocare reazioni pericolose per la vita. 511 importanza di informare i medici di tutti i farmaci che sono state date, in particolare quelli indicati IV negli ultimi 2 giorni. 511

Importanza di informare i medici in caso di reazione allergica. 1

Importanza di informare i medici di terapia esistente o prevista in concomitanza, tra cui prescrizione e farmaci da banco, nonché eventuali malattie concomitanti. 1

L’importanza delle donne per informare medico se sono o sta pianificando una gravidanza o intenzione di allattare. 1

Importanza di informare i pazienti di altre importanti informazioni di precauzione. (Vedere Precauzioni).

preparativi

Eccipienti in preparati farmaci disponibili in commercio possono avere effetti clinicamente importanti in alcuni individui; consultare l’etichettatura dei prodotti specifici per i dettagli.

Si prega di fare riferimento alla ASHP scarsità della droga Resource Center per informazioni sulla carenza di uno o più di questi preparati.

AHFS DI Essentials. © Copyright 2016, American Society of sistema sanitario farmacisti, Inc. 7272 Wisconsin Avenue, Bethesda, Maryland 20814. recensione Data: 6 Settembre 2016.

Riferimenti

2. Nahata MC. Stabilità di ceftriaxone sodio in soluzioni endovenose. Am J Hosp Pharm. 1983; 40: 2193-4. [IDIS 178738] [PubMed 6.318.556]

3. Smith BR. Effetto della temperatura e del tempo di stoccaggio sulla stabilità del cefmenoxime, ceftriaxone, e cefotetan in iniezione di destrosio al 5%. Am J Hosp Pharm. 1983; 40: 1024-5. [IDIS 171006] [PubMed 6.307.045]

4. Sala MJ, Westmacott D, Wong-Kai-in e P. comparativo attività in vitro in-e modalità di azione di ceftriaxone (Ro 13-9904), una nuova cefalosporina molto potente. J Antimicrob Chemother. 1981; 8: 193-203. [PubMed 6270051]

5. Livermore DM, Williams RJ, Williams JD. Confronto tra la βstabilità lattamasi e l’attività in vitro di cefoperazone, cefotaxime, cefsulodina, ceftazidime, Moxalactam e ceftriaxone contro Pseudomonas aeruginosa. J Antimicrob Chemother. 1981; 8: 323-31. [PubMed 6271726]

6. Pierson CL, Schaberg DR, Fekety FR et al. attività in vitro In-di SCH 29482, MK 0787, ceftriaxone e altri sette antimicrobici contro 840 isolati clinici separati. J Antimicrob Chemother. 1982; 9 (Suppl C): 79-89. [PubMed 6277844]

7. Shannon K, re A, Warren C et al. In attività antibatterica in vitro e la suscettibilità della cefalosporina Ro 13-9904 ai beta-lattamasi. Agents Antimicrob Chemother. 1980; 18: 292-8. [IDIS 123673] [PubMed 6.969.574]

8. Rolfe RD, Finegold SM. Comparative attività in vitro di ceftriaxone contro i batteri anaerobi. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 22: 338-41. [IDIS 154.977] [PubMed 6.100.430]

9. Bradsher RW, Ulmer WC. Beta-lattamici sensibilità agli antibiotici dei batteri responsabili per la meningite neonatale. Chemioterapia. 1983; 29: 213-7. [IDIS 172.077] [PubMed 6.409.519]

10. Dibb WL, Kjellevold VA, Digranes A. Pseudomonas aeruginosa e Acinetobacter calcoaceticus. sensibilità in vitro di 150 isolati clinici a cinque βantibiotici lattame e tobramicina. Chemioterapia. 1983; 29: 332-6. [IDIS 175.164] [PubMed 6.311.491]

11. Appelbaum PC, Tamin J, Pankuch GA et al. La suscettibilità di 324 fermentanti gram-negativi a 6 cefalosporine e aztreonam. Chemioterapia. 1983; 29: 337-44. [IDIS 175.165] [PubMed 6.311.492]

13. Fuksa M, Krajden S, Lee A. suscettibilità del 45 isolati clinici di Proteus penneri. Agents Antimicrob Chemother. 1984; 26: 419-20. [IDIS 190.372] [PubMed 6.508.270]

14. Clarke AM, Zemcov SJV. Ro 13-9904 e GR 20263, due nuovi cefalosporine con attività ad ampio spettro: un confronto in vitro con altri βantibiotici lattame. J Antimicrob Chemother. 1981; 7: 515-20. [PubMed 6790506]

15. Smalley DL, Hansen VR, VS. Baselski La suscettibilità di paucimobilis Pseudomonas a 24 agenti antimicrobici. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 23: 161-2. [IDIS 164460] [PubMed 6.600.908]

16. Heard ML, Bawdon RE, Hemsell DL et al. profili di suscettibilità di potenziali patogeni aerobici e anaerobici isolati da pazienti isterectomia. Am J Obstet Gynecol. 1984; 149: 133-43. [IDIS 185398] [PubMed 6.562.855]

17. Preblud SR, Gill CJ, Campos JM. attività battericida di cloramfenicolo e undici altri antibiotici contro Salmonella spp. Agents Antimicrob Chemother. 1984; 25: 327-30. [IDIS 183088] [PubMed 6.372.681]

18. Costopoulos C, Legakis NJ, Papafragas E et al. Il confronto delle attività in vitro di otto nuovi βcomposti lattame contro Enterobacteriaceae cefalotina-resistente di pazienti in ospedale. Chemioterapia. 1984; 30: 158-64. [IDIS 184.672] [PubMed 6.610.538]

19. Pollock HM, Holt J, Murray C. Confronto di suscettibilità di batteri anaerobici per cefmenoxime, ceftriaxone, e altri composti antimicrobici. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 23: 780-3. [IDIS 170770] [PubMed 6.307.137]

20. Saggio R, Andrews JM, Danks G. Confronto di attività in vitro di FCE 22101, un nuovo penem, con quelle di altri βantibiotici lattame. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 24: 909-14. [IDIS 179.237] [PubMed 6.607.032]

21. Gutmann L, Goldstein FW, Kitzis MD et al. La suscettibilità di asteroides Nocardia a 46 antibiotici, tra cui 22 β-lactams. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 23: 248-51. [IDIS 166.091] [PubMed 6.340.602]

22. Fass RJ. Comparativi attività in vitro di cefalosporine di terza generazione. Arch Intern Med. 1983; 143: 1743-5. [IDIS 175.434] [PubMed 6.615.095]

23. Muytjens HL, van der attività Ros-van de Repe J. comparativi di 13 βantibiotici lattame. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 21: 925-34. [IDIS 151.717] [PubMed 7.114.839]

24. Prèri MF, LefèVRE JC, Lareng MB. Studio dell’attività in vitro di nuove cefalosporine su ceppi di Neisseria gonorrhoeae della regione Toulouse. Chemioterapia. 1981; 27 (Suppl 1): 15-8. [IDIS 136.025] [PubMed 6.265.158]

25. Scribner RK, Wedro MC, Weber AH et al. Attività di otto nuovi βantibiotici lattame e sette combinazioni di antibiotici contro Neisseria meningitidis. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 21: 678-80. [IDIS 157807] [PubMed 6.805.425]

26. Cordoli SB, Pietra JR, Berg SW et al. In attività antimicrobica in vitro di otto nuovi βantibiotici lattame contro resistenti alla penicillina Neisseria gonorrhoeae. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 23: 541-4. [IDIS 170005] [PubMed 6.407.392]

27. Khan MY, Siddiqui Y, Gruninger RP. Comparative attività in vitro in-of selezionato nuova βantimicrobici lattame contro Neisseria gonorrhoeae. Br J Vener Dis. 1982; 58: 228-30. [PubMed 6286034]

28. Sala WH, Opfer BJ. Influenza della dimensione inoculo sulla suscettibilità comparativi di penicillinasi-positivi e -negativa Neisseria gonorrhoeae a 31 agenti antimicrobici. Agents Antimicrob Chemother. 1984; 26: 192-5. [IDIS 189.066] [PubMed 6.435.514]

29. Laferriere C, Marks MI, Welch DF. Effetto della dimensione inoculo su Haemophilus influenzae tipo b suscettibilità agli antibiotici nuove e convenzionali. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 24: 287-9. [IDIS 174.917] [PubMed 6.605.716]

31. McNamara BT, Meyer RD, Pasiecznik KA. Nel sensibilità in vitro di cefalotina resistenti Enterobacteriaceae e Pseudomonas aeruginosa per amikacina e selezionati nuovi βAgenti lattame. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 21: 753-7. [IDIS 150495] [PubMed 6.213.196]

32. Kayser FH, Morenzoni G, Homberger F. Attività di cefoperazone contro i batteri ampicillina resistenti nei test di diluizione di agar e brodo. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 22: 15-22. [IDIS 153.509] [PubMed 6.214.994]

33. Scribner RK, Marks MI, Weber A et al. Yersinia enterocolitica. attività di confronto in vitro di sette nuovi βantibiotici lattame. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 22: 140-1. [IDIS 153527] [PubMed 7.125.625]

34. Bayer AS, Eisenstadt R, Morrison JO. Maggiore attività battericida vitro di amikacina o gentamicina in combinazione con tre nuove cefalosporine a spettro esteso contro i membri cefalotina resistente della famiglia Enterobacteriaceae. Agents Antimicrob Chemother. 1984; 25: 725-8. [IDIS 186.582] [PubMed 6.331.297]

35. Liebowitz LD, Ballard RC, Koornhof HJ. Nel sensibilità in vitro e cross-resistenza del Sud Africa isolati di Neisseria gonorrhoeae a 14 agenti antimicrobici. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 22: 598-603. [IDIS 159.404] [PubMed 6.817.704]

36. Neu HC, Meropol NJ, Fu KP. Attività antibatterica di ceftriaxone (Ro 13-9904), un βcefalosporina lattamasi-stabile. Agents Antimicrob Chemother. 1981; 29: 414-23.

37. Eickhoff TC, Ehret J. comparata in vitro studi di Ro 13-9904, un nuovo derivato cefalosporina. Agents Antimicrob Chemother. 1981; 19: 435-42. [IDIS 134.659] [PubMed 6.264.845]

38. Nasu M, Maskell JP, Williams RJ et al. Attività in vitro di MK0787 (N -formimidoyl tienamicina) ed altri composti beta-lattamici contro Bacteroides spp. Agents Antimicrob Chemother. 1981; 20: 433-6. [IDIS 139.332] [PubMed 6.282.191]

39. Verbist L, Verhaegen J. Attività in vitro di Ro 13-9904, un nuovo βcefalosporina lattamasi-stabile. Agents Antimicrob Chemother. 1981; 19: 222-5. [IDIS 134.391] [PubMed 6.289.726]

40. Chau PY, Ng WS, Ling J et al. Nel sensibilità in vitro di Salmonella a vari agenti antimicrobici, tra cui una nuova cefalosporina, Ro 13-9904. Agents Antimicrob Chemother. 1981; 19: 8-11. [IDIS 132371] [PubMed 7.247.363]

41. Greenwood D, Eley A. Attività di un nuovo antibiotico cefalosporina, Ro 13-9904, contro le popolazioni dense di enterobatteri selezionato. Agents Antimicrob Chemother. 1981; 19: 66-71. [IDIS 132.379] [PubMed 7.247.361]

42. Ng WS, Chau PY, Arnold K. sensibilità in vitro di Haemophilus influenzae e Neisseria gonorrhoeae Ro 13-9904 in confronto con altri βantibiotici lattame. Agents Antimicrob Chemother. 1981; 19: 925-6. [IDIS 131895] [PubMed 6.271.052]

43. Jacobs MR, Kelley R, Speck WT. La suscettibilità di streptococchi del gruppo B a 16 βantibiotici lattame, inclusi i nuovi derivati ​​della penicillina e cefalosporine. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 22: 897-900. [IDIS 160709] [PubMed 6.758.692]

44. Greenwood D, attività Eley A. comparativa antipseudomonas di alcuni recenti βAgenti lattame. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 21: 204-9. [IDIS 146.648] [PubMed 6.803.664]

45. Eliopoulos GM, Reiszner E, Moellering RC. Attività in vitro di SCH 34343 contro enterococchi e altri batteri gram-positivi. Agents Antimicrob Chemother. 1985; 27: 28-32. [PubMed 3845792]

46. ​​Saggio R, Gillett AP, Andrews JM et al. Ro 13-9904: una cefalosporina con un alto grado di attività ed ampia attività antibatterica: uno studio comparativo in vitro. J Antimicrob Chemother. 1980; 6: 595-600. [PubMed 7410283]

47. Hart CA, Percival A. La resistenza alle cefalosporine tra Klebsiellae gentamicina-resistenti. J Antimicrob Chemother. 1982; 9: 275-86. [IDIS 175.362] [PubMed 6.979.537]

49. McNamara PJ, Gibaldi M, Stoeckel K. volume di termini di distribuzione di un farmaco (ceftriaxone) esibendo legame alle proteine ​​concentrazione-dipendente. Parte I. Considerazioni teoriche. Eur J Clin Pharmacol. 1983; 25: 399-405. [PubMed 6313379]

50. McNamara PJ, Gibaldi M, Stoeckel K. volume di termini di distribuzione di un farmaco (ceftriaxone) esibendo legame alle proteine ​​concentrazione-dipendente. Seconda parte. significato fisiologico. Eur J Clin Pharmacol. 1983; 25: 407-12. [IDIS 177.011] [PubMed 6.313.380]

53. Luderer JR, Patel IH, Durkin J et al. Età e ceftriaxone cinetica. Clin Pharmacol Ther. 1984; 35: 19-25. [IDIS 180.542] [PubMed 6.317.271]

54. Stoeckel K, McNamara PJ, Brandt R et al. Effetti della proteina plasmatica concentrazione-dipendente vincolante sulla cinetica ceftriaxone. Clin Pharmacol Ther. 1981; 29: 650-7. [IDIS 131793] [PubMed 7.053.242]

55. Patel IH, Chen S. Parsonnet M et al. La farmacocinetica di ceftriaxone negli esseri umani. Agents Antimicrob Chemother. 1981; 20: 634-41. [IDIS 141478] [PubMed 6.275.779]

56. Pollock AA, Tee PE, Patel IH et al. caratteristiche farmacocinetiche di ceftriaxone per via endovenosa in adulti normali. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 22: 816-23. [IDIS 160.701] [PubMed 6.295.268]

58. Salvador P, Smith RG, Weinfeld RE et al. Farmacologia clinica di ceftriaxone nei pazienti con malattia neoplastica. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 23: 583-8. [IDIS 170014] [PubMed 6.305.263]

59. Schaad UB, farmacocinetica Stoeckel K. monodose di ceftriaxone nei neonati e nei bambini piccoli. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 21: 248-53. [IDIS 146.653] [PubMed 6.280.597]

60. Martin E, Koup JR, ​​Paravicini U et al. La farmacocinetica di ceftriaxone nei neonati e nei bambini affetti da meningite. J Pediatr. 1984; 105: 475-81. [IDIS 190.591] [PubMed 6.088.747]

61. Del Rio M, McCracken GH, Nelson JD et al. Farmacocinetica e liquido cerebrospinale attività battericida di ceftriaxone nel trattamento di pazienti pediatrici con meningite batterica. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 22: 622-7. [IDIS 159.406] [PubMed 6.295.262]

62. Reed MD, Rekate HL, Aronoff SC et al. plasma monodose e la farmacocinetica di liquido cerebrospinale di ceftriaxone nei neonati e nei bambini. Clin Pharm. 1983; 2: 558-63. [IDIS 178543] [PubMed 6.317.277]

63. McCracken GH, Siegel JD, Threlkeld N et al. farmacocinetica ceftriaxone nei neonati. Antimicrobico agente Chemother. 1983; 23: 341-3.

64. Steele RW, Eyre LB, Bradsher RW et al. La farmacocinetica di ceftriaxone in pazienti pediatrici affetti da meningite. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 23: 191-4. [IDIS 166083] [PubMed 6.301.362]

65. Latif R, Dajani AS. Ceftriaxone diffusione nel liquido cerebrospinale di bambini affetti da meningite. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 23: 46-8. [IDIS 164.448] [PubMed 6.299.184]

66. Kafetzis DA, Brater DC, Fanourgakis JE et al. Distribuzione Ceftriaxone tra sangue materno e sangue fetale e tessuti al momento del parto e tra il sangue e dopo il parto il latte. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 23: 870-3. [IDIS 172594] [PubMed 6.311.089]

67. Geroulanos S, Donfried B, i livelli di Turina M. plasmatici di ceftriaxone in chirurgia cardiovascolare. Am J Surg. 1984; 148 (Suppl 4A): 5-7. [IDIS 192.354] [PubMed 6.091.483]

68. Bryan CS, Morgan SL, Jordan AB et al. i livelli di ceftriaxone nel sangue e nei tessuti durante l’intervento chirurgico di bypass cardiopolmonare. Agents Antimicrob Chemother. 1984; 25: 37-9. [IDIS 181520] [PubMed 6.322.680]

70. Axelrod JL, Newton JC, Sarakhun C et al. Ceftriaxone: una nuova cefalosporina con livelli di umore acquose efficace contro Enterobacteriaceae. Arch Ophthalmol. 1985; 103: 71-2. [IDIS 195.003] [PubMed 3.977.680]

71. Daschner FD, Petersen EE, Brandle J et al. Le concentrazioni di ceftriaxone nel siero e nei tessuti ginecologici. Chemioterapia. 1983; 29: 153-5. [IDIS 169.057] [PubMed 6.301.774]

72. Arvidsson A, Alvan G, Angelin B et al. Ceftriaxone: l’escrezione renale e biliare e l’effetto sulla microflora del colon. J Antimicrob Chemother. 1982; 10: 207-15. [PubMed 6292158]

73. Cohen D, Appel GB, Scully B et al. La farmacocinetica di ceftriaxone in pazienti con insufficienza renale e in quelli sottoposti ad emodialisi. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 24: 529-32. [IDIS 177500] [PubMed 6.316.845]

74. Stoeckel K, McNamara PJ, Hoppe-Seyler G et al. Monodose cinetica ceftriaxone nei pazienti funzionalmente anefrici. Clin Pharmacol Ther. 1983; 33: 633-41. [IDIS 170496] [PubMed 6.301.740]

75. Ti TY, Fortin L, Kreeft JH et al. disposizione cinetica di ceftriaxone per via endovenosa in soggetti normali e pazienti con insufficienza renale in emodialisi o dialisi peritoneale. Agents Antimicrob Chemother. 1984; 24: 83-7.

76. Stoeckel K, Tuerk H, Trueb V et al. Monodose cinetica ceftriaxone in insufficienza epatica. Clin Pharmacol Ther. 1984; 36: 500-9. [IDIS 191267] [PubMed 6.090.050]

77. Patel IH, Sugihara JG, Weinfeld RE et al. farmacocinetica ceftriaxone in pazienti con vari gradi di insufficienza renale. Agents Antimicrob Chemother. 1984; 25: 438-42. [IDIS 184.276] [PubMed 6.329.080]

78. Thabaut A, Durosoir JL, Saliou P. comparata in vitro l’attività di 8 cefalosporine su 109 ceppi di Neisseria gonorrhoeae e 60 ceppi di Neisseria meningitidis. Chemioterapia. 1981; 27 (Suppl 1): 19-24. [IDIS 136026] [PubMed 6.265.159]

79. Poi RL. Proprietà di Ro 13-9904 come substrato e inibitore di β-lactamases. Chemioterapia. 1981; 27 (Suppl 1): 25-31. [IDIS 136.027] [PubMed 6.972.858]

80. Cadoz M, Denis F, Felix H et al. Trattamento di purulenta meningite con una nuova cefalosporina—Rocephin (Ro 13-9904): osservazioni cliniche, batteriologiche e farmacologiche in 24 casi. Chemioterapia. 1981; 27 (Suppl 1): 57-61. [IDIS 136.030] [PubMed 7.249.796]

81. Eichmann A, Weidmann G, Havas L. trattamento Una dose di gonorrea non complicata acuta dei pazienti maschi con ceftriaxone Ro 13-9904, una nuova cefalosporina parenterale: uno studio pilota dose gamma trovare usando dosi di 500, 250, 125 e 50 mg, rispettivamente, in ordine decrescente. Chemioterapia. 1981; 27 (Suppl 1): 62-9. [IDIS 136.031] [PubMed 6.788.458]

82. Giamarellou H, Poulopoulos B, Katsabas A et al. Attività antibatterica di Ro 13-9904 e l’esperienza preliminare gonorrea e infezioni croniche delle vie urinarie. Chemioterapia. 1981; 27 (Suppl 1): 70-4. [IDIS 136032] [PubMed 7.018.852]

83. Squires E, Cleeland R, Christenson J et al. Interpretazione dei test di sensibilità di ceftriaxone. Am J Med. 1984; 77 (Suppl 4C): 12-6. [IDIS 193.595] [PubMed 6.093.512]

84. Patel IH, Kaplan SA. profilo farmacocinetico di ceftriaxone nell’uomo. Am J Med. 1984; 77 (Suppl 4C): 17-25. [IDIS 193.596] [PubMed 6.093.513]

85. Stoeckel K, Koup JR. La farmacocinetica di ceftriaxone nei pazienti con insufficienza renale ed epatica e correlazioni con una proteina non lineare modello di legame fisiologico. Am J Med. 1984; 77 (Suppl 4C): 26-32. [IDIS 193597] [PubMed 6.093.514]

86. Scheld WM, Rocha H, Sande MA et al. Motivazioni per gli studi clinici che hanno valutato ceftriaxone nella terapia della meningite batterica. Am J Med. 1984; 77 (Suppl 4C): 42-9. [IDIS 193600] [PubMed 6.093.518]

87. Steele RW. La terapia Ceftriaxone di meningite e infezioni gravi. Am J Med. 1984; 77 (Suppl 4C): 50-3. [IDIS 193601] [PubMed 6.093.519]

88. Baumgartner JD, Glauser MP. studio di tolleranza di ceftriaxone rispetto ai amoxicillina nei pazienti con polmonite. Am J Med. 1984; 77 (Suppl 4C): 54-8. [IDIS 193602] [PubMed 6.093.520]

89. Bradsher RW, RM neve. trattamento Ceftriaxone di infezioni della pelle e dei tessuti molli in un regime di una volta al giorno. Am J Med. 1984; 77 (Suppl 4C): 63-7. [IDIS 193.604] [PubMed 6.093.522]

90. Collier AC, Judson FN, Murphy VL et al. Studio comparativo di ceftriaxone e spectinomicina nel trattamento della gonorrea non complicata nelle donne. Am J Med. 1984; 77 (Suppl 4C): 68-72. [IDIS 193.605] [PubMed 6.093.523]

91. Childs SJ, Wells WG, Mirelman S. Ceftriaxone per la terapia una volta al giorno di infezioni del tratto urinario. Am J Med. 1984; 77 (Suppl 4C): 73-6. [IDIS 193606] [PubMed 6.093.524]

92. Moskovitz BL. effetti avversi clinici durante la terapia ceftriaxone. Am J Med. 1984; 77 (Suppl 4C): 84-8. [IDIS 193.608] [PubMed 6.093.526]

93. Oakes M, MacDonald H, i valori dei test di laboratorio anomalo Wilson D. durante la terapia ceftriaxone. Am J Med. 1984; 77 (Suppl 4C): 89-96. [IDIS 193609] [PubMed 6.093.527]

94. Mannion JC, Bloch R, Popovich NG. Cefalosporine-aminoglicoside nefrotossicità sinergico: fatto di finzione? Drug Intell Clin Pharm. 1981; 15: 248-56.

95. Haubenstock A, Schmidt P, Zazgornik J et al. sanguinamento Hypoprothrombinaemic associata con ceftriaxone. Lancetta. 1983; 1: 1215-6. [IDIS 171284] [PubMed 6.134.007]

96. Meatherall RC, Guay DR, Baxter H. cefalosporine e determinazione delle proteine ​​urinarie. Clin Chem. 1985; 31: 165. [IDIS 194.984] [PubMed 3.965.206]

97. LeBel M, Paone RP, Lewis GP. La mancanza di interferenza di cinque nuovi antibiotici beta-lattamici con la determinazione di creatinina sierica. Drug Intell Clin Pharm. 1983; 17: 908-10. [IDIS 182.429] [PubMed 6.317.326]

98. Guay DRP, Meatherall RC, Macaulay PA. Interferenza di cefalosporine di seconda e terza generazione selezionati con determinazione della creatinina. Am J Hosp Pharm. 1983; 40: 435-8. [IDIS 166846] [PubMed 6.846.351]

100. LeBel M, Paone RP, Lewis GP. Effetto di dieci nuovi βantibiotici lattame sui metodi di prova di glucosio nelle urine. Drug Intell Clin Pharm. 1984; 18: 617-20. [IDIS 187103] [PubMed 6.745.089]

101. Fass RJ. attività comparativi in ​​vitro di βcombinazioni lattame-tobramicina contro Pseudomonas aeruginosa e Gram-negativi bacilli enterici multiresistenti. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 21: 1003-6. [IDIS 151726] [PubMed 6.810.755]

102. Watanakunakorn C. attività in vitro di solo e in combinazione con gentamicina, tobramicina ceftriaxone, e amikacina contro Pseudomonas aeruginosa. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 24: 305-6. (IDIS 174.922)

103. Hooton TM, Blair dC, Turck M et al. Il sinergismo alle concentrazioni clinicamente possibile di aminoglicosidi e βantibiotici lattame. Agents Antimicrob Chemother. 1984; 26: 535-8. [IDIS 193.530] [PubMed 6.517.544]

104. Richards DM, Heel RC, Brogden RN et al. Ceftriaxone: una revisione delle sue attività antibatterica, proprietà farmacologiche e uso terapeutico. farmaci. 1984; 27: 469-527. [IDIS 185976] [PubMed 6.329.638]

105. Barriere SL, Flaherty JF. cefalosporine di terza generazione: una valutazione critica. Clin Pharm. 1984; 3: 351-73. [IDIS 187699] [PubMed 6.432.420]

106. Neu HC. Le nuove cefalosporine beta-lattamasi-stabile. Ann Intern Med. 1982; 97: 408-19. [IDIS 156083] [PubMed 6.810.737]

107. Garzone P, Lione J, Yu VL. Di terza generazione e di sperimentazione cefalosporine: I. relazioni struttura-attività e revisione di farmacocinetica. Drug Intell Clin Pharm. 1983; 17: 507-15. [IDIS 173.270] [PubMed 6.347.596]

108. Garzone P, Lione J, Yu VL. Di terza generazione e cefalosporine di sperimentazione: II. recensione microbiologica e riepiloghi clinici. Drug Intell Clin Pharm. 1983; 17: 615-22. [IDIS 174.601] [PubMed 6.311.502]

110. Thompson RL, Wright AJ. cefalosporine. Mayo Clin Procedere. 1983; 58: 79-87.

114. Zajdowicz TR, Sanches PL, Berg SW et al. Confronto di ceftriaxone con cefoxitin nel trattamento della penicillina-resistenti uretrite gonococcica. Br J Vener Dis. 1983; 59: 176-8. [PubMed 6303490]

115. Handsfield HH, Murphy VL, Holmes KK. studio di ceftriaxone dose-ranging della gonorrea non complicata negli uomini. Agents Antimicrob Chemother. 1981; 20: 839-40. [IDIS 142039] [PubMed 6.275.788]

116. Handsfield HH, Murphy VL. Studio comparativo di ceftriaxone e spectinomicina per il trattamento della gonorrea non complicata negli uomini. Lancetta. 1983; 2: 67-70. [IDIS 173.134] [PubMed 6.134.959]

117. Judson FN, Ehret JM, Radice CJ. Studio comparativo di ceftriaxone e acquosa penicillina procaina G nel trattamento della gonorrea non complicata nelle donne. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 23: 218-20. [IDIS 166086] [PubMed 6.301.364]

118. Judson FN, Ehret JM, Handsfield HH. Studio comparativo di ceftriaxone e spectinomicina per il trattamento della faringe e ano-rettale gonorrea. JAMA. 1985; 253: 1417-9. [IDIS 196527] [PubMed 3.155.806]

119. Maslow MJ, Levine JF, Pollock AA et al. Efficacia di un regime ceftriaxone dodici oraria nel trattamento di infezioni batteriche gravi. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 22: 103-7. [IDIS 153523] [PubMed 6.289.735]

120. Scully BE, Neu HC. Ceftriaxone nel trattamento delle infezioni gravi, in particolare dopo l’intervento chirurgico. Am J Surg. 1984; 148 (Suppl 4A): 35-40. [IDIS 192361] [PubMed 6.091.479]

121. Eron LJ, Parco CH, Goldenberg RI et al. La terapia Ceftriaxone di infezioni batteriche gravi. J Antimicrob Chemother. 1983; 12: 65-78. [PubMed 6311783]

122. Harrison CJ, Welch D, Marks MI. La terapia Ceftriaxone nei pazienti pediatrici. Bambino Am J Dis. 1983; 137: 1048-1051. [IDIS 177565] [PubMed 6.314.806]

123. Steele RW, Bradsher RW. Ceftriaxone per il trattamento delle infezioni gravi. Bambino Am J Dis. 1983; 137: 1044-7. [IDIS 177564] [PubMed 6.314.805]

124. Aronoff SC, Murdell D, 0’Brien CA et al. L’efficacia e la sicurezza di ceftriaxone nelle infezioni pediatriche gravi. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 24: 663-6. [IDIS 179023] [PubMed 6.318.653]

125. Baumgartner JD, Glauser MP. Singolo trattamento dose giornaliera di infezioni gravi refrattari con ceftriaxone: risparmi sui costi ed eventuale trattamento ambulatoriale parenterale. Arch Intern Med. 1983; 143: 1868-1873. [IDIS 176108] [PubMed 6.312.914]

126. Poretz DM, Eron LJ, Goldenberg RI et al. La terapia antibiotica per via endovenosa in ambiente ambulatoriale. JAMA. 1982; 248: 336-9. [IDIS 152680] [PubMed 7.087.128]

127. Bradsher RW. Ceftriaxone (Ro 13-9904) Terapia di grave infezione. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 22: 36-42. [IDIS 153.513] [PubMed 6.289.739]

128. Gnann JW, Goetter WE, Elliott AM et al. Ceftriaxone: studi in vitro in valutazione clinica. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 22: 1-9. [IDIS 153507] [PubMed 6.289.734]

129. Epstein JS, Hasslequist SM, Simon GL. Efficacia di ceftriaxone in infezioni batteriche gravi. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 21: 402-6. [IDIS 146362] [PubMed 6.285.809]

130. Chadwick EG, Connor EM, Shulman ST et al. L’efficacia di ceftriaxone nel trattamento di gravi infezioni infantili. J Pediatr. 1983; 103: 141-5. [IDIS 172.913] [PubMed 6.306.193]

131. Bittner MJ, Dworzack DL, Preheim LC et al. La terapia Ceftriaxone di gravi infezioni batteriche negli adulti. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 23: 261-6. [IDIS 166094] [PubMed 6.301.365]

132. Eron LJ, Parco CH, Hixon DL et al. La terapia Ceftriaxone di infezioni ossee e dei tessuti molli in ambito ospedaliero e ambulatoriale. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 23: 731-7. [IDIS 170.766] [PubMed 6.307.135]

133. Tauber MG, Sande MA. Principi nel trattamento della meningite batterica. Am J Med. 1984; 76 (Suppl 5A): 224-30. [IDIS 185.458] [PubMed 6.372.474]

134. McCracken GH. Gestione di meningite batterica: stato attuale e le prospettive future. Am J Med. 1984; 76 (Suppl 5A): 215-23. [IDIS 185.457] [PubMed 6.372.473]

135. Fulginiti VA. Il trattamento della meningite nel bambino molto piccolo. Bambino Am J Dis. 1983; 137: 1043. [PubMed 6637905]

136. Enzenauer RW, Bass JW. trattamento antibiotico iniziale di purulenta meningite nei bambini da 1 a 2 mesi di età. Bambino Am J Dis. 1983; 137: 1055-6. [PubMed 6605679]

137. Baumgartner ET, Agostino A, Steele RW. La meningite batterica nei neonati più anziani. Bambino Am J Dis. 1983; 137: 1052-4. [PubMed 6356881]

138. Shaw DW, Ali RM, Beeching NJ et al. Ceftriaxone per la meningite, a causa di Escherichia coli. che si è sviluppato durante la terapia tobramicina. N Z Med J. 1984; 97: 500. [IDIS 189.395] [PubMed 6.089.061]

139. Aronoff SC, Reed MD, O’Brien CA et al. Confronto tra l’efficacia e la sicurezza di ceftriaxone per ampicillina / cloramfenicolo nel trattamento della meningite infanzia. J Antimicrob Chemother. 1984; 13: 143-51. [PubMed 6323376]

140. Congeni BL. Confronto di ceftriaxone e la terapia tradizionale di meningite batterica. Agents Antimicrob Chemother. 1984; 25: 40-4. [IDIS 181.521] [PubMed 6.322.681]

141. Chadwick EG, Yogev R, Shulman ST et al. Monodose farmacocinetica ceftriaxone nei pazienti pediatrici con infezioni del sistema nervoso centrale. J Pediatr. 1983; 102: 134-7. [IDIS 163.399] [PubMed 6.294.263]

142. Steele RW, Bradsher RW. Confronto di ceftriaxone con la terapia standard per la meningite batterica. J Pediatr. 1983; 103: 138-41. [IDIS 172912] [PubMed 6.306.192]

143. Del Rio MD, Chrane D, Shelton S et al. Ceftriaxone contro ampicillina e cloramfenicolo per il trattamento della meningite batterica nei bambini. Lancetta. 1983; 1: 1241-4. [IDIS 171.410] [PubMed 6.134.039]

144. Martin E. Ceftriaxone per la meningite. Lancetta. 1983; 2: 43-4.

145. Eng RH, Cherubin C, Smith SM et al. L’esame dei bacilli gram-negativi da pazienti meningite che hanno fallito o recidiva in terapia Moxalactam. Agents Antimicrob Chemother. 1984; 26: 850-6. [IDIS 194.035] [PubMed 6.395.799]

146. Judson FN, Ehret JM. Monodose ceftriaxone per sradicare faringeo Neisseria meningitidis. Lancetta. 1984; 2: 1462-3. [IDIS 194.531] [PubMed 6.151.066]

147. Harnoss BM, Hirner A, Kruselmann M et al. Antibiotico profilassi dell’infezione in intervento chirurgico alla cistifellea—uno studio prospettico randomizzato. Chemioterapia. 1985; 31: 76-82. [IDIS 195.644] [PubMed 3.882.356]

148. Childs SJ, Wells WG, Mirelman S. antibiotico profilassi per la chirurgia genito-urinario in ospedali di comunità. J Urol. 1983; 130: 305-8. [IDIS 174.308] [PubMed 6.308.283]

149. Pietra HH, Mullins RJ, Strom PR et al. Ceftriaxone contro combinato gentamicina e clindamicina per la sepsi chirurgica polimicrobica. Am J Surg. 1984; 148 (Suppl 4A): 30-4. [IDIS 192360] [PubMed 6.091.478]

150. Eron LJ, Goldenberg RI, Poretz DM. ceftriaxone combinato e la terapia chirurgica per l’osteomielite in ambito ospedaliero e ambulatoriale. Am J Surg. 1984; 148 (Suppl 4A): 1-4. [IDIS 192.353] [PubMed 6.091.473]

151. Fascio TR, Raab TA, Spooner JA et al. Confronto di ceftriaxone e cefazolina profilassi contro l’infezione nella chirurgia a cuore aperto. Am J Surg. 1984; 148 (Suppl 4A): 8-14. [IDIS 192.355] [PubMed 6.091.484]

152. Kellum JM, Gargano S, Gorbach SL et al. La profilassi antibiotica nelle operazioni biliari ad alto rischio: studio multicentrico di singolo ceftriaxone preoperatoria rispetto a cefazolina multidose. Am J Surg. 1984; 148 (Suppl 4A): 15-8. [IDIS 192.356] [PubMed 6.091.474]

153. Meyer JM. Studio comparativo di ceftriaxone e cefuroxima per la profilassi perioperatoria in chirurgia ortopedica. Am J Surg. 1984; 148 (Suppl 4A): 27-9. [IDIS 192.359] [PubMed 6.091.477]

154. Hemsell DL, Menon MO, Friedman AJ. Ceftriaxone o cefazolina la profilassi per la prevenzione delle infezioni dopo isterectomia vaginale. Am J Surg. 1984; 148 (Suppl 4A): 22-6. [IDIS 192.358] [PubMed 6.091.476]

155. Finkelstein LH, Arsht DB, Manfrey SJ et al. Ceftriaxone nella prevenzione di infezioni postoperatorie in pazienti sottoposti a resezione transuretrale della prostata. Am J Surg. 1984; 148 (Suppl 4A): 19-21. [IDIS 192357] [PubMed 6.091.475]

156. Siegel JD, McCracken GH. La sepsi neonatale N Engl J Med. 1981; 304: 642-7.

157. Adam D, Naber KG. Le concentrazioni di ceftriaxone nel tessuto adenoma prostatico. Chemioterapia. 1984; 20: 1-6.

158. Proprio HM, Beckert A, Bassler M et al. Effetto Combinazione di ceftriaxone con quattro aminoglicosidi sui batteri gram-negativi nonfermenting. Chemioterapia. 1982; 28: 397-401. [IDIS 160.469] [PubMed 6.291.869]

159. Appena HM, Frank U, Simon A et al. Le concentrazioni di ceftriaxone nel siero e tessuto polmonare. Chemioterapia. 1984; 30: 81-3. [IDIS 182279] [PubMed 6.321.115]

160. Barza M. Tre generazioni di cefalosporine. Clin Pharm. 1982; 1: 165-6.

161. Goldstein EJ, Citron DM. La suscettibilità di Eikenella corrodens alla penicillina, apalcillin, e dodici nuove cefalosporine. Agents Antimicrob Chemother. 1984; 26: 947-8. [IDIS 194.045] [PubMed 6.395.802]

162. Brogård JM, Comte F. farmacocinetica dei nuovi cefalosporine. Antibiot Chemother (Basel). 1982; 31: 145-210.

163. Food and Drug Administration. farmaci antibiotici; sodio ceftriaxone sterile (Docket No. 85N-0011). Fed Regist. 1985; 50: 9998-10.001.

164. Burnakis TG. Chirurgica profilassi antimicrobica: principi e linee guida. Farmacoterapia. 1984; 4: 248-71. [IDIS 393.587] [PubMed 6.438.611]

165. Webber JA, Wheeler WJ. proprietà antimicrobiche e farmacocinetiche di penicilline e cefalosporine più recenti. In: Morin RB, Gorman M, eds. Chimica e biologia dei βantibiotici lattame. New York, NY: Academic Press; 1982: 372-427.

169. Gould IM, Wise R. cefalosporine di terza generazione. BMJ. 1985; 1: 878-9.

170. Balant L, Dayer P, Auckenthaler R. farmacocinetica cliniche dei cefalosporine di terza generazione. clin Pharmacokinet. 1985; 10: 101-43. [IDIS 198.911] [PubMed 3.888.488]

171. Reiner R, Weiss U, Brombacher U et al. Ro 13-9904 / 001, un romanzo potente e lunga durata d’azione cefalosporina parenterale. J antibiot. 1980; 33: 783-6. [PubMed 6967869]

172. Seddon M, Wise R, Gillett AP et al. La farmacocinetica di Ro 13-9904, una cefalosporina ad ampio spettro. Agents Antimicrob Chemother. 1980; 18: 240-2. [IDIS 123670] [PubMed 7.447.404]

173. Johnson RC, Bey RF, Wolgamot SJ. Confronto delle attività di ceftriaxone e penicillina G contro la sifilide sperimentalmente indotta nel coniglio. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 21: 984-9. [PubMed 6287932]

174. Knothe H, Dette GA. Lo stato attuale delle cefalosporine: aspetti microbiologici. Infezione. 1983; 11 (Suppl 1): S12-15. [PubMed 6601063]

175. Neu HC. Cefalosporina antibiotici come applicato nella chirurgia delle ossa e delle articolazioni. Clin Orthop. 1984; 190: 50-64. [PubMed 6386261]

176. Anon. alcol benzilico può essere tossico per i neonati. FDA Drug Bull. 1982; 12: 10-1. [PubMed 7188569]

177. American Academy del comitato Pediatrics sul feto e del neonato e della commissione per la droga. Alcool benzilico: agente tossico nelle unità neonatali. Pediatria. 1983; 72: 356-8. [IDIS 175.725] [PubMed 6.889.041]

178. Schaad UB, Hayton WL, Stoeckel K. monodose cinetica di ceftriaxone nel neonato. Clin Pharmacol Ther. 1985; 37: 522-8. [IDIS 200.491] [PubMed 3.987.175]

179. revisori’ commenti (osservazioni personali).

181. Hornstein MJ, Jupeau AM, Scavizzi MR et al. In suscettibilità in vitro di 126 isolati clinici di Yersinia enterocolitica a 21 βantibiotici lattame. Agents Antimicrob Chemother. 1985; 27: 806-11. [IDIS 200508] [PubMed 2.990.327]

182. Ettlin R, Hoigné R, Bruppacher R et al. L’atopia e reazioni avverse al farmaco. Int Arch Allergy Appl Immunol. 1981; 66 (Suppl 1): 93-5.

183. Le reazioni Patterson R. allergiche a farmaci e agenti biologici. JAMA. 1982; 248: 2637-45. [IDIS 160.687] [PubMed 7.143.626]

184. Hoigné R, Hopf B, Sonntag R. penicilline, cefalosporine e tetracicline. In: Dukes MNG, ed. Meyler’effetti s collaterali dei farmaci. 9 ° ed. New York: Elsevier / North Holland Inc; 1980: 411-22.

185. Bartlett JG, Dowell SF, Mandell LA et al. linee guida per la gestione della polmonite acquisita in comunità negli adulti. Clin Infect Dis. 2000; 31: 347-82. [IDIS 454.042] [PubMed 10.987.697]

186. Loveless MO, Ross AK, Jackson JM et al. studio su volontari umani in doppio cieco dell’influenza del ceftriaxone e Moxalactam sulla funzione piastrinica. Programma e abstracts del ventiquattresimo Conferenza Interscience sugli agenti antimicrobici e la chemioterapia. Washington, DC: Oct 1984. Abstract No 962.

188. Girgis NI, Sultan Y, Hammad O et al. Confronto tra l’efficacia, la sicurezza e il costo di cefixime, ceftriaxone e aztreonam nel trattamento di multiresistente Salmonella typhi setticemia nei bambini. Pediatr Infect Dis J. 1995; 14: 603-5. [IDIS 350.132] [PubMed 7.567.290]

192. Fekety R per l’American College of Gastroenterology Practice parametri Comitato. Linee guida per la diagnosi e la gestione di Clostridium difficile – associata diarrea e la colite. Am J Gastroenterol. 1997; 92: 739-50. [IDIS 386.628] [PubMed 9.149.180]

193. American Society of Health-System Farmacisti della Commissione sulla Therapeutics. ASHP dichiarazione posizione terapeutica sull’uso preferenziale metronidazolo per il trattamento di Clostridium difficile -malattia associata. Am J Salute-Syst Pharm. 1998; 55: 1407-1411. [IDIS 407.213] [PubMed 9.659.970]

202. Tyndall M, Malisa M, Plummer FA et al. Ceftriaxone cura non è più prevedibile chancroid in Kenya. J Infect Dis. 1993; 167: 469-71. [IDIS 308.745] [PubMed 8.421.184]

203. Jones RN, Barry AL. l’attività antimicrobica di ceftriaxone, cefotaxime, desacetylcefotaxime e cefotaxime-desacetylcefotaxime in presenza di siero umano. Agents Antimicrob Chemother. 1987; 31: 818-20. [PubMed 3606081]

204. Le Saux N, Slaney LA, Plummer FA et al. Attività in vitro di ceftriaxone, cefetamet (Ro 15-8074), ceftetrame (Ro 19-5247; T-2588), e fleroxacina (Ro 23-6240; AM-833) rispetto Neisseria gonorrhoeae e Haemophilus ducreyi. Agents Antimicrob Chemother. 1987; 31: 1153-4. [PubMed 2959199]

205. Hamilton RA, Kowalsky SF, McCormick EM et al. legame di ceftriaxone, cefoperazone, e ceftizoxime di proteine. Clin Pharm. 1987; 6: 567-9. [IDIS 231.608] [PubMed 3.480.089]

206. Powell KR, Mawhorter SD. trattamento ambulatoriale di gravi infezioni nei neonati e nei bambini con ceftriaxone. J Pediatr. 1987; 111: 898-901.

207. Dattwyler RJ, Halperin JJ, Passo H et al. Ceftriaxone come terapia efficace per la malattia di Lyme refrattaria. J Infect Dis. 1987; 155: 1322-5. [IDIS 230577] [PubMed 3.572.042]

208. Sassone A, Beall GN, Rohr AS et al. reazioni di ipersensibilità immediata agli antibiotici beta-lattamici. Ann Intern Med. 1987; 107: 204-15. [IDIS 233.229] [PubMed 3.300.459]

209. Schaad UB, Tschäppeler H, Lentze MJ. formazione transitoria delle precipitazioni nella colecisti associata alla terapia con ceftriaxone. Pediatr Infect Dis. 1986; 5: 708-10. [PubMed 3540889]

210. Bowmer MI, Nsanze H, D’Costa LJ et al. ceftriaxone monodose per chancroid. Agents Antimicrob Chemother. 1987; 31: 67-9. [IDIS 224825] [PubMed 3.566.241]

211. Schmid GP. Il trattamento di ulcera molle. JAMA. 1986; 255: 1757-1762. [IDIS 213030] [PubMed 3.512.872]

212. Baxter Healthcare Corporation. informazioni descrittive sui prodotti surgelati premiscelati. Deerfield, IL; 1992 Settembre

213. Hammerschlag MR, Gleyzer A. Attività in vitro di un gruppo di cefalosporine ad ampio spettro e altri βantibiotici lattame contro Chlamydia trachomatis. Agents Antimicrob Chemother. 1983; 23: 493-4. [IDIS 167353] [PubMed 6.847.175]

214. Muytjens HL, Heessen FW. Nelle attività in vitro di tredici βantibiotici lattame contro Chlamydia trachomatis. Agents Antimicrob Chemother. 1982; 22: 520-1. [IDIS 157.302] [PubMed 7.137.988]

215. Agnelli G, Del Favero A, Parise P et al. ipoprotrombinemia cefalosporine indotta: è la catena laterale N-methylthiotetrazole il colpevole? Agents Antimicrob Chemother. 1986; 29: 1108-9.

216. Moorthy TT, Lee CT, Lim KB et al. Ceftriaxone per il trattamento della sifilide primaria negli uomini: uno studio preliminare. Sex Transm Dis. 1987; 14: 116-8. [PubMed 3616852]

217. Guerrant RL, Gilder TV, Steiner TS et al. linee guida per il trattamento della diarrea infettiva. Clin Infect Dis. 2001; 32: 331-50. [IDIS 466024] [PubMed 11.170.940]

218. Grimes DA, Bount JH, Patrick J et al. Il trattamento antibiotico di malattia infiammatoria pelvica: tendenze tra i medici privati ​​negli Stati Uniti, 1966 al 1983. JAMA. 1986; 256: 3223-6. [PubMed 3783865]

219. Laga M, Naamara W, Brunham RC et al. La terapia singola dose di gonococcal neonatorum ophthalmia con ceftriaxone. N Engl J Med. 1986; 315: 1382-5. [IDIS 223013] [PubMed 3.095.641]

220. Haase DA, Nash RA, Nsanze H et al. ceftriaxone terapia singola dose di gonococcica neonatorum ophthalmia. Sex Transm Dis. 1986; 13: 53-5. [PubMed 3082022]

222. Sanders LL, Harrison HR, Washington AE. Il trattamento delle infezioni da clamidia sessualmente trasmissibili. JAMA. 1986; 255: 1750-6. [IDIS 213.029] [PubMed 3.512.871]

224. Lisby SM, Nahata MC. Il riconoscimento e il trattamento delle infezioni da clamidia. Clin Pharm. 1987; 6: 25-36. [IDIS 225.426] [PubMed 3.545.650]

225. Judson FN. Il trattamento della gonorrea non complicata con ceftriaxone: una revisione. Sex Transm Dis. 1986; 13 (Suppl): 199-202. [PubMed 3094173]

227. Heffelfinger JD, Dowell SF, Jorgensen JH et al. Gestione della polmonite acquisita in comunità nell’era della resistenza pneumococcica. Un rapporto della resistente ai farmaci Streptococcus pneumoniae gruppo di lavoro terapeutico. Arch Intern Med. 2000; 160: 1399-1408. [IDIS 448.719] [PubMed 10.826.451]

228. Marra CM, Boutin P, McArthur JC et al. Uno studio pilota di valutazione ceftriaxone e penicillina G come agenti di trattamento per neurosyphilis in individui infettati da virus da immunodeficienza umana. Clin Infect Dis. 2000; 30: 540-4. [IDIS 444.638] [PubMed 10.722.441]

229. Taylor DN, Pitarangsi C, Echeverria P et al. Studio comparativo di ceftriaxone e trimetoprim-sulfametossazolo per il trattamento di ulcera molle in Thailandia. J Infect Dis. 1985; 152: 1002-6. [IDIS 207.806] [PubMed 3.876.396]

230. Douglas J, Judson F, Spencer N et al. Molteplici scoppio ceppo di penicillinasi-produzione Neisseria gonorrhoeae —Denver, Colorado, 1986. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 1987; 36: 534-6,542-3. [PubMed 2956495]

231. Centers for Disease Control gonococcica Progetto Sorveglianza isolato. sistema di sorveglianza sentinella per la resistenza antimicrobica in isolati clinici di Neisseria gonorrhoeae. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 1987; 36: 585-6,591-3. [PubMed 3114604]

232. Knapp JS, Zenilman JM, Biddle JW et al. Frequenza e distribuzione negli Stati Uniti di ceppi di Neisseria gonorrhoeae con plasmide-mediata, la resistenza di alto livello alla tetraciclina. J Infect Dis. 1987; 155: 819-22. [PubMed 3102635]

233. Bowie WR, Shaw CE, Chan DGW et al. In vitro sensibilità di 400 isolati di Neisseria gonorrhoeae a Vancouver 1982–84. CMAJ. 1986; 135: 489-93. [IDIS 222.427] [PubMed 3.091.234]

234. Carson R, Tasker E, Houle B et al. Tetraciclina-resistenti Neisseria gonorrhoeae —Georgia, Pennsylvania, New Hampshire. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 1985; 34: 563-4,569-70. [IDIS 204.757] [PubMed 3.929.060]

235. Brewer F, Matuszak DL, Libonati JP et al. Tetraciclina-resistenti Neisseria. N Engl J Med. 1986; 315: 1548-9. [IDIS 223470] [PubMed 3.097.541]

236. Kaiser AB. La profilassi antimicrobica in chirurgia. N Engl J Med. 1986; 315: 1129-1138. [IDIS 222.343] [PubMed 3.531.863]

238. Gulian JM, Dalmasso C, Pontier C et al. effetto spostamento del ceftriaxone su bilirubina legato all’albumina sierica umana. Chemioterapia. 1986; 32: 399-403. [PubMed 3757585]

239. Zenilman JM, Nims LJ, Menegus MA et al. infezioni gonococciche Spectinomicina-resistenti negli Stati Uniti del 1985–1986. J Infect Dis. 1987; 158: 1002-4.

240. Boslego JW, Tramont CE, Takafuji ET et al. Effetto di utilizzo spectinomicina sulla prevalenza di spectinomicina-resistente e di penicillinasi produttrici Neisseria gonorrhoeae. N Engl J Med. 1987; 317: 272-8. [IDIS 232417] [PubMed 2.955.222]

241. Schulte JM, Schmid GP. Raccomandazioni per il trattamento di ulcera molle 1993. Clin Infect Dis. 1995; 20 (Suppl 1): S39-46.

243. American Academy del comitato Pediatrics sulle malattie infettive. La terapia per i bambini con infezioni invasive da pneumococco. Pediatria. 1997; 99: 289-99. [IDIS 381500] [PubMed 9.024.464]

244. Jacobs RF, Wright MW, Deskin RL et al. la sterilizzazione in ritardo di Haemophilus influenzae tipo b meningite con ceftriaxone due volte al giorno. JAMA. 1988; 259: 392-4. [IDIS 236673] [PubMed 3.257.278]

245. McCarthy CA, Powell KR. Singola vs terapia ceftriaxone dosi divise per la meningite. JAMA. 1988; 260: 925. [IDIS 244.699] [PubMed 3.398.195]

247. Meyboom RHB, Kuiper H, Jansen A. Ceftriaxone e colelitiasi reversibile. BMJ. 1988; 297: 858. [IDIS 246320] [PubMed 3.140.956]

248. Schaad UB, Wedgwood-Krucko J, Tschaeppeler H. reversibile ceftriaxone associata biliare pseudolithiasis nei bambini. Lancetta. 1988; 2: 1411-3. [IDIS 249114] [PubMed 2.904.533]

249. Congeni BL, Bradley J, Hammerschlag MR. Sicurezza ed efficacia di ceftriaxone volta al giorno per il trattamento della meningite batterica. Pediatr Infect Dis. 1986; 5: 293-7. [PubMed 3088548]

250. Yogev R, Shulman ST, Chadwick EG et al. Una volta ceftriaxone al giorno per le infezioni del sistema nervoso centrale e di altre infezioni pediatriche gravi. Pediatr Infect Dis. 1986; 5: 298-303. [PubMed 3725639]

251. Judson FN. Gestione dei resistenti agli antibiotici Neisseria gonorrhoeae. Ann Intern Med. 1989; 110: 5-7. [PubMed 2491746]

252. Boslego JW, Tramont CE. Spectinomicina e resistente Neisseria gonorrhoeae. N Engl J Med. 1988; 318: 326. [IDIS 238042] [PubMed 3.336.429]

253. Zenilman JM, Nims LJ, Menegus MA et al. infezioni gonococciche Spectinomicina-resistenti negli Stati Uniti del 1985–1986. J Infect Dis. 1987; 156: 1002-4. [PubMed 2960748]

254. Easmon CSF, Ison CA, Woodford N. Spectinomicina e resistente Neisseria gonorrhoeae. N Engl J Med. 1988; 318: 325-6. [IDIS 238041] [PubMed 2.961.996]

255. Jacobs RF. Ceftriaxone associata colecistite. Pediatr Infect Dis J. 1988; 7: 434-6. [PubMed 3293002]

256. Jacobs RF, Kearns GL. Singola vs terapia ceftriaxone dosi divise per la meningite. JAMA. 1988; 260: 925-6.

257. Dankner WM, Connor JD, Sawyer M et al. Il trattamento della meningite batterica con la terapia di ceftriaxone una volta al giorno. J Antimicrob Chemother. 1988; 21: 637-45. [PubMed 3391863]

258. Tuncer AM, Gur io, Ertem U et al. Una volta ceftriaxone giorno per meningococcemia e la meningite meningicoccal. Pediatr Infect Dis J. 1988; 7: 711-3. [PubMed 3054778]

259. Bradley JS, Ching DK, Phillips SE. La terapia ambulatoriale delle infezioni pediatriche gravi con ceftriaxone. Pediatr Infect Dis J. 1988; 7: 160-4. [PubMed 3357713]

260. Hook EW, Roddy RE, Handsfield HH. La terapia Ceftriaxone per l’incubazione e la sifilide precoce. J Infect Dis. 1988; 158: 881-4. [IDIS 263.621] [PubMed 3.171.231]

261. Dattwyler RJ, Halperin JJ, Volkman DJ et al. Trattamento di fine borreliosi di Lyme—confronto randomizzato di ceftriaxone e penicillina. Lancetta. 1988; 1: 1191-4. [IDIS 242950] [PubMed 2.897.008]

262. Anon. Il trattamento della malattia di Lyme. Med Lett Drugs Ther. 2000; 42: 37-9. [PubMed 10825919]

264. Nassif X, Dupont B, Fleury J et al. Ceftriaxone a febbre ricorrente. Lancetta. 1988; 2: 394. [IDIS 245114] [PubMed 2.899.795]

265. Fujita K, Murono K, Sakata H et al. [Ceftriaxone nei neonati e nei bambini piccoli; efficacia clinica, la valutazione farmacocinetica e l’effetto sulla flora batterica intestinale] (giapponese, con abstract in inglese.). Jpn J antibiot. 1988; 41: 117-27.

266. Schwartz B, Al-Tobaiqi A, Al-Ruwais A et al. efficacia comparativa di ceftriaxone e rifampicina a sradicare trasporto faringea del gruppo A Neisseria meningitidis. Lancetta. 1988; 1: 1239-1242. [IDIS 242633] [PubMed 2.897.515]

268. Fink S, effetto Karp W. Robertson A. Ceftriaxone sul legame bilirubina-albumina. Pediatria. 1987; 80: 873-5. [PubMed 3684399]

269. Centers for Disease Control. Sessualmente trasmesse linee guida sul trattamento delle malattie del 1989. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 1989; 38 (Suppl 8S): 1-43S.

270. Girgis NI, Farid Z, Bishay E. Ceftriaxone a meningite batterica. Lancetta. 1989; 2: 510.

271. Girgis NI, Abu SEE, Farid Z et al. Ceftriaxone rispetto ad una combinazione di ampicillina e cloramfenicolo nel trattamento della meningite batterica negli adulti. Farmaci Exp Res Clin. 1987; 13: 497-500. [PubMed 3428132]

272. Girgis NI, Abu SEE, Farid Z et al. ceftriaxone intramuscolare contro ampicillina-cloramfenicolo nell’infanzia meningite batterica. Scand J Infect Dis. 1988; 20: 613-7. [PubMed 3065929]

273. Moran JS, Levine WC. Farmaci di scelta per il trattamento delle infezioni gonococciche non complicate. Clin Infect Dis. 1995; 20 (Suppl 1): S47-65.

274. Le Saux N, Ronald AR. Ruolo di ceftriaxone in malattie sessualmente trasmissibili. Rev Infect Dis. 1989; 11: 299-309. [IDIS 307626] [PubMed 2.649.963]

275. farmacopea degli Stati Uniti, il 22 giri, e il formulario nazionale, 17 ed. Rockville, MD: La convenzione Pharmacopeial Stati Uniti, Inc; 1989 (Suppl 1): 2105-6.

276. Steere AC, Pachner AR, Malawista SE. anomalie neurologiche nella malattia di Lyme: il successo del trattamento con alte dosi di penicillina per via endovenosa. Ann Intern Med. 1983; 99: 767-72. [IDIS 179198] [PubMed 6.316.826]

279. Luft BJ, Gorevic PD, Halperin JJ et al. Una prospettiva sul trattamento di borreliosi di Lyme. Rev Infect Dis. 1989; 11 (Suppl 6): S1518-25.

280. Dattwyler RJ, Halperin JJ, Volkman DJ et al. Trattamento di fine borreliosi di Lyme—confronto randomizzato di ceftriaxone e penicillina. Lancetta. 1988; 1: 1191-4. [IDIS 242950] [PubMed 2.897.008]

281. Eichenfield AH, Athreya BH. La malattia di Lyme: di zecche e titoli. J Pediatr. 1989; 114: 328-33. [IDIS 253700] [PubMed 2.644.410]

282. Neu HC. Una prospettiva sulla terapia dell’infezione da Lyme. Ann NY Acad Sci. 1988; 539: 314-6. [PubMed 3056200]

283. Luft BJ, Volkman DJ, Halperin JJ et al. Nuovi approcci chemioterapici nel trattamento della borreliosi di Lyme. Ann NY Acad Sci. 1988; 539: 352-61. [PubMed 3056203]

284. Mursic VP, Wilske B, Schierz G. In vitro e in sensibilità vivo di Borrelia burgdorferi. Eur J Clin Microbiol. 1987; 6: 424-6. [PubMed 3665899]

285. Johnson RC, Kodner C, Russell M. In vitro e in suscettibilità vivo della malattia spirochete Lyme, Borrelia burgdorferi, a quattro agenti antimicrobici. Agents Antimicrob Chemother. 1987; 31: 164-7. [IDIS 226.540] [PubMed 3.566.246]

286. Dattwyler RJ, Halperin JJ, Passo H et al. Ceftriaxone come terapia efficace per la malattia di Lyme refrattaria. J Infect Dis. 1987; 155: 1322-5. [IDIS 230577] [PubMed 3.572.042]

287. Kohler J, Schneider H, Vogt A. ad alte dosi di penicillina per via endovenosa G non impedisce più la progressione nei primi mesi manifestazione neurologica della borreliosi di Lyme. Infezione. 1989; 17 (Luglio / Agosto): 216-7. [PubMed 2767763]

288. Johnson RC. tecniche di isolamento per spirochete e la loro sensibilità agli antibiotici in vitro e in vivo. Rev Infect Dis. 1989; 11 (Suppl 6): S1505-10. [IDIS 273.583] [PubMed 2.682.963]

289. Berger BW, Johnson RC. I risultati clinici e microbiologici in 6 pazienti con eritema migrante della malattia di Lyme. J Am Acad Dermatol. 1989. In corso di stampa.

290. revisori’ commenti su malattia di Lyme revisioni (osservazioni personali). 1989 4 dicembre.

291. Rolfs R (Centers for Disease Control, Atlanta, GA). Comunicazione personale; 1991 20 settembre.

293. Marcuse EK. (American Academy of Pediatrics, Elk Grove Village, IL). Comunicazione personale; 1991 25 settembre.

294. Harnoss BM, Hirner A, Dibbelt H et al. Perioperatorie profilassi antibiotica a interventi biliari-dotto: i risultati di due studi prospettici randomizzati. Chemioterapia. 1987; 33: 297-301. [IDIS 231861] [PubMed 3.608.630]

295. Hjortrup A, Moesgaard F, Jensen F et al. La profilassi antibiotica in chirurgia biliare ad alto rischio: una dose di ceftriaxone rispetto a due dosi di cefuroxima. Eur J Surg. 1991; 157: 403-5. [PubMed 1681918]

296. El-Mufti M, Rakas FS, Glessa A et al. Ceftriaxone contro amoxicillina acido clavulanico-potenziato per la profilassi contro la sepsi post-operatoria in chirurgia biliare: uno studio prospettico randomizzato in 200 pazienti. Curr Med Res Opin. 1989; 11: 354-9. [PubMed 2707048]

298. Skinner JM. Lettera per quanto riguarda rivisto di etichettatura per l’utilizzo di Rocephin (ceftriaxone sodio) come profilassi contro le infezioni in pazienti sottoposti a chirurgia delle vie biliari. Nutley, NJ: Roche Laboratories; 1992 Giugno

299. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. La diagnosi e la gestione delle malattie di origine alimentare. Un fondo per i medici. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2001; 50 (. N RR-2): 1-69. [PubMed 11215787]

300. Meijer WS, Schmitz PIM, Jeekel J. meta-analisi di studi clinici randomizzati e controllati di profilassi antibiotica nella chirurgia delle vie biliari. Br J Surg. 1990; 77: 283-90. [PubMed 2138925]

302. Wenzel RP. profilassi antibiotica preoperatoria. N Engl J Med. 1992; 326: 337-9. [IDIS 290.609] [PubMed 1.728.738]

308. Zinberg J, Chernaik R, Coman E et al. Reversibile ostruzione biliare sintomatica associata con ceftriaxone pseudolithiasis. J Gastroenterologia. 1991; 86: 1251-4.

309. Lopez AJ, O’Keefe P, Morrissey M. colelitiasi Ceftriaxone-indotta. Ann Intern Med. 1991; 115: 712-4. [IDIS 286920] [PubMed 1.929.040]

310. Barnett ED, Teele DW, Klein JO et al. Confronto di ceftriaxone e sulfametossazolo trimetoprim per l’otite media acuta. Pediatria. 1997; 99: 23-8. [IDIS 378.345] [PubMed 8.989.332]

311. Verde SM, Rothrock SG. Monodose ceftriaxone intramuscolare di otite media acuta nei bambini. Pediatria. 1993; 91: 23-30. [IDIS 307.734] [PubMed 8.416.502]

312. Varsano io, Frydman M, Amir J et al. Singola dose intramuscolare di ceftriaxone rispetto alla terapia amoxicillina 7 giorni per otite media acuta nei bambini: uno studio clinico in doppio cieco. Chemioterapia. 1988; 34 (Suppl 1): 39-46. [IDIS 249.470] [PubMed 3.246.170]

313. Fraschini F, Braga PC, Falchi M et al. La terapia Ceftriaxone nelle infezioni otorinolaringoiatriche e polmonari. Chemioterapia. 1986; 32: 200-4. [IDIS 216.599] [PubMed 3.709.268]

314. Patel R, Grogg KL, Edwards WD et al. La morte dalla terapia inappropriata per la malattia di Lyme. Clin Infect Dis. 2000 Ottobre; 31: 1107-9.

315. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. complicanze biliari ceftriaxone-associato di trattamento di sospetta malattia di Lyme disseminata—New Jersey, 1990-1992. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 1993; 42: 39-42. [PubMed 8419791]

316. Shiffman ML, Keith FB, Moore EW. Patogenesi di ceftriaxone-associata biliari fanghi: in studi in vitro di legame calcio-ceftriaxone e solubilità. Gastroenterologia. 1990; 99: 1772-8. [PubMed 2227290]

317. Heim-Duthoy KL, Caperton EM, Pollock R et al. pseudolithiasis biliare apparente durante la terapia con ceftriaxone. Agents Antimicrob Chemother. 1990; 34: 1146-9. [IDIS 267.818] [PubMed 2.203.305]

318. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. sorveglianza sentinella per la resistenza antimicrobica in Neisseria gonorrhoeae —Stati Uniti, 1988-1991. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 1993; 42 (SS-3): 29-39.

319. Spach DH, Liles WC, Campbell GL et al. malattie negli Stati Uniti zecche. N Engl J Med. 1993; 329: 936-47. [IDIS 320338] [PubMed 8.361.509]

320. Luft BJ, Gardner P, Lightfoot RW Jr. appropriatezza della terapia antibiotica parenterale per i pazienti con malattia di Lyme presunta. Ann Intern Med. 1993; 119: 518. [PubMed 8357119]

321. Lightfoot RW, Luft BJ, Rahn DW et al. Empiric trattamento antibiotico parenterale di pazienti con fibromialgia e la fatica e un risultato sierologico positivo per la malattia di Lyme. Una analisi costo-efficacia. Ann Intern Med. 1993; 119: 503-9. [IDIS 320377] [PubMed 8.357.117]

322. Bakken LL, Caso KL, Callister SM et al. Prestazioni di 45 laboratori che partecipano ad un programma di prove valutative per la malattia di Lyme sierologia. JAMA. 1992; 268: 891-5. [PubMed 1640618]

323. Anon. La prevalenza di resistenti alla penicillina Streptococcus pneumoniae —Connecticut, 1992-1993. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 1994; 43: 216.217.223. [PubMed 8127327]

324. leggiadro RJ. Penicillina e cefalosporina resistente Streptococcus pneumoniae. una minaccia emergente. Pediatria. 1994; 93: 500-3.

326. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Diminuita sensibilità di Neisseria gonorrhoeae ai fluorochinoloni—Ohio e Hawaii 1992–1994. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 1994; 43: 325-7. [IDIS 329259] [PubMed 8.164.636]

329. Kleiman MB, Weinberg GA, Reynolds JK et al. Meningite con beta-lattamici resistenti Streptococcus pneumoniae. la necessità per i primi di ripetere puntura lombare. Pediatr Infect Dis J. 1993; 12: 782-4. [PubMed 8414810]

330. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Resistente ai farmaci Streptococcus pneumoniae —Kentucky e Tennessee, 1993. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 1994; 43: 23-7. [IDIS 324.201] [PubMed 8.277.937]

331. Friedland IR, Shelton S, Paris M et al. Dilemmi nella diagnosi e gestione di cefalosporina resistente Streptococcus pneumoniae meningite. Pediatr Infect Dis J. 1993; 12: 196-200. [PubMed 8451095]

332. Chesney PJ. Il problema crescente di resistenza antimicrobica Streptococcus pneumoniae. Bambino Am J Dis. 1992; 146: 912-6. [IDIS 300056] [PubMed 1.636.656]

333. Klugman KP. la resistenza pneumococcica agli antibiotici. Clin Microbiol Rev. 1990; 3: 171-96. [PubMed 2187594]

334. John CC. fallimento del trattamento con l’uso di una cefalosporina di terza generazione per resistenti alla penicillina meningite pneumococcica: caso clinico e revisione. Clin Infect Dis. 1994; 18: 188-93. [IDIS 325352] [PubMed 8.161.625]

335. Baxter Healthcare Corporation. informazioni descrittive sui prodotti premiscelati. Deerfield, IL; 1994 21 febbraio.

336. Hook EW, Jones RB, Martin DH et al. Confronto di ciprofloxacina e ceftriaxone come terapia monodose della gonorrea non complicata nelle donne. Agents Antimicrob Chemother. 1993; 37: 1670-3. [IDIS 318767] [PubMed 8.215.281]

337. Schwarcz SK, Zenilman JM, Schnell D et al. nazionale di sorveglianza della resistenza antimicrobica in Neisseria gonorrhoeae. JAMA. 1990; 264: 1413-7. [IDIS 271210] [PubMed 2.144.026]

340. Agger WA, Callister SM, Jobe DA. Nel sensibilità in vitro di borrelia burgdorferi a cinque cefalosporine orali e ceftriaxone. Agents Antimicrob Chemother. 1992; 36: 1788-1790. [IDIS 299.826] [PubMed 1.416.868]

341. Johnson RC, Kodner CB, Jurkovich PJ et al. Comparata in vitro ed in suscettibilità vivo della malattia spirochete di Lyme borrelia burgdorferi a cefuroxima ed altri agenti antimicrobici. Agents Antimicrob Chemother. 1990; 34: 2133-6. [IDIS 273720] [PubMed 2.073.103]

342. Dajani A, Taubert K, Ferrieri P et al e della commissione per febbre reumatica et al. Il trattamento di faringite streptococcica acuta e la prevenzione della febbre reumatica: una dichiarazione per gli operatori sanitari. Pediatria. 1995; 96: 758-64. [IDIS 355409] [PubMed 7.567.345]

343. Klass PE, Klein JO. La terapia di sepsi batterica, la meningite e l’otite media nei neonati e nei bambini: 1992 sondaggio di direttori di programmi in malattie infettive in età pediatrica. Pediatr Infect Dis J. 1992; 11: 702-5. [PubMed 1448307]

344. Feigin RD, McCracken GH, Klein JO. Diagnosi e gestione di meningite. Pediatr Infect Dis J. 1992; 11: 785-814. [PubMed 1448332]

345. Pallares R, Linares J, Vadillo M et al. La resistenza alla penicillina e cefalosporine e la mortalità da grave polmonite pneumococcica a Barcellona, ​​Spagna. N Engl J Med. 1995; 333: 474-80. [IDIS 351.541] [PubMed 7.623.879]

346. Tomasz A. Il pneumococco alle porte. N Engl J Med. 1995; 333: 514-5. [IDIS 351.545] [PubMed 7.623.886]

347. Hofmann J, Cetron MS, Farley MM et al. La prevalenza di farmaco-resistenti Streptococcus pneumoniae ad Atlanta. N Engl J Med. 1995; 333: 481-6. [IDIS 351.542] [PubMed 7.623.880]

348. Barry AL, Brown SD, Novick WJ. Nelle attività in vitro di cefotaxime, ceftriaxone, ceftazidime, cefpirome, e la penicillina contro Streptococcus pneumoniae isolati. Agents Antimicrob Chemother. 1995; 39: 2193-6. [IDIS 356.005] [PubMed 8.619.565]

349. Sloas NM, Barrett FF, Chesney PJ et al. fallimenti terapeutici cefalosporina di penicillina e cefalosporina resistente Streptococcus pneumoniae meningite. Pediatr Infect Dis J. 1992; 11: 662-6. [PubMed 1523079]

350. Rolfs RT. Il trattamento della sifilide, 1993. Clin Infect Dis. 1995; 20 (Suppl 1): S23-38. [IDIS 345.858] [PubMed 7.795.106]

352. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Epidemia di multi-resistente Salmonella Newport—Stati Uniti, Gennaio-aprile 2002. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2002; 51: 545-7. [PubMed 12118534]

353. Steere AC, Verde J, Schoen RT et al. La terapia di penicillina parenterale successo di artrite di Lyme stabilita. N Engl J Med. 1985; 312: 869-74. [IDIS 198678] [PubMed 3.883.177]

355. Martin C, Ragni J, łokieć F et al. La farmacocinetica e la penetrazione nei tessuti di una singola dose di ceftriaxone (1.000 milligrammi per via endovenosa) per la profilassi antibiotica in chirurgia toracica. Agents Antimicrob Chemother. 1992; 36: 2804-7. [IDIS 306.787] [PubMed 1.482.149]

356. Rahn DW, Malawista SE. La malattia di Lyme: raccomandazioni per la diagnosi e il trattamento. Ann Intern Med. 1991; 114: 472-81. [IDIS 278982] [PubMed 1.994.795]

357. Nocton JJ, Steere AC. Malattia di Lyme. Adv Intern Med. 1995; 40: 69-117. [PubMed 7747659]

358. Spach DH, Liles WC, Campbell GL et al. malattie negli Stati Uniti zecche. N Engl J Med. 1993; 329: 936-47. [IDIS 320338] [PubMed 8.361.509]

359. Jantausch BA. La malattia di Lyme, febbre delle Montagne Rocciose, ehrlichiosis: sfide emergenti e affermati per il clinico. Ann Allergy. 1994; 73: 4-11. [IDIS 333.813] [PubMed 8.030.801]

360. Nadelman RB, Wormser GP. eritema migrante e precoce della malattia di Lyme. Am J Med. 1995; 98 (4A): 15-23S.

361. Sigal LH. All’inizio disseminata malattia di Lyme: sintomi cardiaci. Am J Med. 1995; 98 (4A): 25-28S.

362. Steere AC. manifestazioni muscoloscheletriche della malattia di Lyme. Am J Med. 1995; 98 (4A): 44-48S.

363. Sigal LH. Gestione della malattia di Lyme refrattaria alla terapia antibiotica. Rheum Dis Clin North Am. 1995; 21: 217-30. [PubMed 7732170]

364. Dattwyler RJ, Luft BJ, Kunkel MJ et al. Ceftriaxone confrontato con doxiciclina per il trattamento di acuta disseminata malattia di Lyme. N Engl J Med. 1997; 337: 289-94. [IDIS 390.251] [PubMed 9.233.865]

365. Shapiro ED. La malattia di Lyme nei bambini. Am J Med. 1995; 98 (4A): 69-73S.

366. Pachner AR. All’inizio disseminata malattia di Lyme: Lyme meningite. Am J Med. 1995; 98 (4A): 30-37S.

367. Sigal LH. Il persistere dei sintomi della malattia di Lyme—possibili spiegazioni e le implicazioni per il trattamento. J Rheumatol. 1994; 21: 593-5. [IDIS 328.826] [PubMed 8.035.381]

368. Rees DHE, Axford JS. artrite di Lyme. Ann Rheum Dis. 1994; 53: 553-6. [IDIS 336257] [PubMed 7.979.590]

370. Gasser RN, Dusleag J, Reisinger CE et al. Il trattamento di lunga data malattia di Lyme con ceftriaxone. Lancetta. 1994; 343: 1227. [IDIS 329815] [PubMed 7.909.891]

371. Sigal LH. La malattia di Lyme: primum non nocere. J Infect Dis. 1995; 171: 423-4. [PubMed 7844380]

372. Billstein SA, Sudol TE. Ceftriaxone per i pazienti pediatrici con malattia di Lyme. J Infect Dis. 1994; 169: 937-8. [IDIS 328670] [PubMed 8.204.175]

373. Spielman A, Shih CM. Ceftriaxone per i pazienti pediatrici con malattia di Lyme. J Infect Dis. 1994; 169: 938. [IDIS 328671] [PubMed 8.133.116]

375. Schwartz B. La chemioprofilassi per le infezioni batteriche: principi e applicazioni alle infezioni da meningococco. Rev Infect Dis. 1991; 13 (Suppl 2): ​​S170-3. [IDIS 277.028] [PubMed 2.017.647]

378. Martin C, Viviand X, Alaya M et al. Penetrazione di ceftriaxone (1 o 2 grammi per via endovenosa) nei tessuti del mediastino e cardiaci negli esseri umani. Agents Antimicrob Chemother. 1996; 40: 812-5. [IDIS 364.390] [PubMed 8.851.621]

380. Hamded KA. Il successo del trattamento di primaria Actinomyces viscosus endocardite con cefalosporine di terza generazione. Clin Infect Dis. 1998; 26: 211-2. [IDIS 419.246] [PubMed 9.455.552]

381. Skoutelis A, Petrochilos J, Bassaris H. Il successo del trattamento di actinomicosi toracica con ceftriaxone. Clin Infect Dis. 1994; 19: 161-2. [IDIS 333134] [PubMed 7.948.522]

382. Smego RA, Foglia G. Actinomicosi. Clin Infect Dis. 1998; 26: 1255-1263. [IDIS 409.141] [PubMed 9.636.842]

383. Singer R. Diagnosi e trattamento di Whipple’s malattia. farmaci. 1998; 55: 699- 704. [PubMed 9.585.865]

384. Peters FP, Wouters RS, de Bruine AP et al. recidiva cerebrale di sarcoidlike Whipple’s malattia. Clin Infect Dis. 1997; 24: 1252-5. [IDIS 388.571] [PubMed 9.195.094]

385. Schnider PJ, Reisinger CE, Gerschlager W et al. A lungo termine di follow-up a Whipple cerebrale’s malattia. Eur J Gastroenterol Hepatol. 1996; 8: 899-903. [PubMed 8889458]

386. Adler CH, Galetta SL. myorhythmia oculo-facciale-scheletriche nella malattia di Whipple: il trattamento con ceftriaxone. Ann Intern Med. 1990; 112: 467-9. [IDIS 264.463] [PubMed 1.689.977]

387. Charnas R, Luthi AR, Ruch W et al. Una volta al giorno ceftriaxone più amikacina contro tre volte ceftazidime giorno più amikacina per il trattamento dei bambini con neutropenia febbrile con il cancro. Pediatr Infect Dis J. 1997; 16: 346-53. [IDIS 385370] [PubMed 9.109.134]

388. internazionale terapia antimicrobica Cooperative Group della Organizzazione Europea per la Ricerca e la Cura del Cancro. L’efficacia e la tossicità di singole dosi giornaliere di amikacina e ceftriaxone rispetto a dosi multiple giornaliere di amikacina e ceftazidima per l’infezione in pazienti con cancro e granulocitopenia. Ann Intern Med. 1993; 119: 584-93. [IDIS 320.672] [PubMed 8.363.169]

389. Cordonnier C, Herbrecht R, Pico JL et al et al. Cefepime / amikacina contro ceftazidime / amikacina come terapia empirica per episodi febbrili in pazienti neutropenici: uno studio comparativo. Clin Infect Dis. 1997; 24: 41-51. [IDIS 378.942] [PubMed 8.994.754]

392. Ramphal R, Gucalp R, Rotstein C et al. L’esperienza clinica con agente singolo e la combinazione di regimi nella gestione delle infezioni nel paziente con neutropenia febbrile. Am J Med. 1996; 100 (Suppl 6A): 83S-89S. [IDIS 370.422] [PubMed 8.678.102]

393. Viscoli C. L’evoluzione della gestione empirica di febbre e neutropenia in pazienti affetti da cancro. J Antimicrob Chemother. 1998; 41 (Suppl D): 65-80. [IDIS 409.104] [PubMed 9.688.453]

394. Rolston KV. Espansione delle opzioni per la terapia basata sul rischio di neutropenia febbrile. Diagn Microbiol Infect Dis. 1998; 31: 411-6. [PubMed 9635917]

395. Collegamento H, Maschmeyer G, Meyer P et al. terapia antimicrobica interventistica nei pazienti con neutropenia febbrile. Ann Hematol. 1994; 69: 231-43. [PubMed 7948312]

396. Spach DH, Kanter AS, Dougherty MJ et al. Bartonella (Rochalimaea ) quintana batteriemia nei pazienti del centro città con l’alcolismo cronico. N Engl J Med. 1995; 332: 424-8. [PubMed 7529895]

397. Walker CK, Kahn JG, Washington AE et al. La malattia infiammatoria pelvica: meta-analisi di efficacia regime antimicrobico. J Infect Dis. 1993; 168: 969-78. [IDIS 320.603] [PubMed 8.376.843]

398. Cunha BA. Trattamento della malattia infiammatoria pelvica. Clin Pharm. 1990; 9: 275-85. [IDIS 265.474] [PubMed 2.184.973]

400. Quagliariello VJ, Scheld WM. Il trattamento della meningite batterica. N Engl J Med. 1997; 336: 708-16. [IDIS 388.664] [PubMed 9.041.103]

401. Eidlitz-Marcus T, Cohen YH, Nussinovitch M et al. efficacia comparativa di due e cinque giorni corsi di ceftriaxone per il trattamento di gravi shigellosi nei bambini. J Pediatr. 1993; 123: 822-4. [IDIS 321867] [PubMed 8.229.499]

402. Varsano I, Eidlitz-Marcus T, Nussinovitch M et al. efficacia comparativa di ceftriaxone e ampicillina per il trattamento di gravi shigellosi nei bambini. J Pediatr. 1991; 188: 627-32.

403. Nataro JP. Il trattamento di enterite batterica. Pediatr Infect Dis J. 1998; 17: 420-2. [IDIS 407084] [PubMed 9.613.658]

404. Zenilman JM. Tifo. JAMA. 1997; 278: 847-50. [IDIS 391.174] [PubMed 9.293.994]

405. Herikstad H, Hayes PS, Hogan J et al. Ceftriaxone resistente Salmonella negli Stati Uniti. Pediatr Infect Dis J. 1997; 16: 904-5. [IDIS 392.889] [PubMed 9.306.487]

406. Smith MD, Duong NM, Hoa NTT et al. Confronto di ofloxacina e ceftriaxone nel trattamento a breve corso di febbre enterica. Agents Antimicrob Chemother. 1994; 38: 1716-1720. [IDIS 333.890] [PubMed 7.986.000]

407. L’Islam A, Butler T, Kabir I et al. Il trattamento della febbre tifoide con ceftriaxone per 5 giorni o cloramfenicolo per 14 giorni: uno studio clinico randomizzato. Agents Antimicrob Chemother. 1993; 37: 1572-5. [IDIS 318.762] [PubMed 8.215.265]

408. Bhutta ZA, Khan IA, Molla AM. La terapia di febbre tifoide multi-resistente con cefixima orale contro ceftriaxone per via endovenosa. Pediatr Infect Dis J. 1994; 13: 990-4. [IDIS 339.531] [PubMed 7.845.753]

409. Girgis NI, Sultan Y, Hammad O et al. Confronto tra l’efficacia, la sicurezza e il costo di cefixime, ceftriaxone e aztreonam nel trattamento di multiresistente Salmonella typhi setticemia nei bambini. Pediatr Infect Dis J. 1995; 14: 603-5. [IDIS 350.132] [PubMed 7.567.290]

410. Soe GB, Overturf GD. Il trattamento della febbre tifoide e altre salmonellosi sistemiche con cefotaxime, ceftriaxone, cefoperazone, e altre cefalosporine più recenti. Rev Infect Dis. 1987; 9: 719-36. [IDIS 232251] [PubMed 3.125.577]

411. Mermin JH, Townes JM, Gerber M et al. febbre tifoide negli Stati Uniti, 1985- 1994: cambiando i rischi di viaggi internazionali e aumentando la resistenza antimicrobica. Arch Intern Med. 1998; 158: 633-8. [PubMed 9521228]

414. Kaye D. Trattamento di endocardite infettiva. Ann Intern Med. 1996; 124: 606- 8. [IDIS 361583] [PubMed 8.597.326]

415. Francioli PB. Ceftriaxone e ambulatoriale trattamento di endocardite infettiva. Infect Dis Clin N Am. 1993; 7: 97-115.

416. Francioli P, Ruch W, Stamboulian D e il Gruppo internazionale di endocardite infettiva Study. Il trattamento della endocardite streptococcica con una singola dose giornaliera di ceftriaxone e netilmicina per 14 giorni: uno studio multicentrico prospettico. Clin Infect Dis. 1995; 21: 1406-1410. [IDIS 359775] [PubMed 8.749.624]

417. Francioli P, Etienne J, Hoigné R et al. Trattamento di endocardite streptococcica con una singola dose giornaliera di ceftriaxone sodio per 4 settimane. L’efficacia e trattamento ambulatoriale di fattibilità. JAMA. 1992; 267: 264-7. [IDIS 290013] [PubMed 1.727.524]

418. Guerrero FML, Ramos JM, Nunez A et al. infezioni focali dovute alla nontyphi Salmonella in pazienti con AIDS: rapporto di 10 casi e revisione. Clin Infect Dis. 1997; 25: 690-7. [IDIS 393737] [PubMed 9.314.463]

419. Acharya G, Butler T, Ho M et al. Trattamento di febbre tifoide: studio randomizzato di un corso di tre giorni di ceftriaxone rispetto a un corso di quattordici giorni di cloramfenicolo. Am J Trop Med Hyg. 1995; 52: 162-5. [IDIS 344.253] [PubMed 7.872.445]

421. Russo TA, Cook S, Gorbach S. intramuscolare di ceftriaxone in terapia domiciliare parenterale. Agents Antimicrob Chemother. 1988; 32: 1439-1440. [IDIS 248.093] [PubMed 3.196.006]

422. Williams DN, Rehm SJ, Tice AD ​​et al. le linee guida di pratica per via parenterale terapia anti-infettiva basato sulla comunità. Clin Infect Dis. 1997; 25: 787-801. [IDIS 395.785] [PubMed 9.356.790]

423. Leibovitz E, Tabachnik E, Fliedel O et al. ceftriaxone intramuscolare una volta al giorno per il trattamento ambulatoriale della grave polmonite acquisita in comunità nei bambini. Clin Pediatr. 1990; 29: 634-9.

424. Bradley JS. ceftriaxone una volta al giorno per il trattamento ambulatoriale delle infezioni pediatriche. Chemioterapia. 1991; 37 (Suppl 3): 3-6. [IDIS 286389] [PubMed 1.884.651]

425. Tice AD. La terapia una volta al giorno ambulatoriale ceftriaxone negli adulti con infezioni. Chemioterapia. 1991; 37 (Suppl 3): 7-10. [IDIS 286.390] [PubMed 1.909.231]

426. Wiselka MJ, Nicholson KG. Ambulatoriale parenterale terapia antimicrobica: l’esperienza in un grande ospedale di insegnamento. J Infect. 1997; 35: 73-6. [IDIS 392309] [PubMed 9.279.728]

427. Chamberlain JM, Boenning DA, Waisman Y et al. Monodose ceftriaxone rispetto a 10 giorni di cefaclor per otite media. Clin Pediatr. 1994; Nov: 642-6.

428. Kozyrskyj AL, Hildes-Ripstein GE, Longstaffe SEA et al. Il trattamento di otite media acuta con un percorso ridotto di antibiotici: una meta-analisi. JAMA. 1998; 279: 1736-1742. [IDIS 409.347] [PubMed 9.624.028]

429. Naturalmente Pichichero ME, Cohen R. abbreviata di terapia antibiotica per l’otite media acuta, sinusite e tonsillofaringite. Pediatr Infect Dis J. 1997; 16: 680-95. [IDIS 390.075] [PubMed 9.239.773]

430. Bauchner H, Adams W, Barnett E et al. La terapia per l’otite media acuta: la preferenza dei genitori per antibiotici per via orale o parenterale. Arch Pediatr Adolesc Med. 1996; 150: 396-9. [IDIS 366.035] [PubMed 8.634.735]

431. Goldfarb J, Medendorp S. nuove terapie per otite media. Clin Pediatr. 1994; Nov: 647-8.

432. Kishiyam JL, Adelman DC. Il cross-reattività e immunologia di βantibiotici lattame. Drug Safety. 1994; 10: 318-27. [PubMed 8018304]

433. Thompson JW, Jacobs RF. Gli effetti avversi di cefalosporine più recenti: un aggiornamento. Drug Safety. 1993; 9: 132-42. [PubMed 8397890]

435. Adu A, Armatura CL. revisione di utilizzazione della droga (DUR) delle cefalosporine di terza generazione: focus su ceftriaxone, ceftazidime e cefotaxime. farmaci. 1995; 50: 423- 39. [PubMed 8.521.766]

436. La terapia Giamarellou H. empirica per infezioni in febbrile, neutropenia, ospite compromesso. Med Clin N Am. 1995; 79: 559-77. [PubMed 7752729]

437. Girmenia C, Moleti ML, cartoni C et al. Gestione delle complicanze infettive in pazienti con neoplasie ematologiche avanzate in assistenza domiciliare. Leucemia. 1997; 11: 1807-1812. [PubMed 9369410]

438. Berbari EF, Cockerill FR, Steckelberg JM. Endocardite infettiva a causa di microrganismi insoliti o esigenti. Mayo Clin Proc. 1997; 72: 532-42. [PubMed 9179137]

441. Brouqui P, Houpikian P, Dupont HT et al. Indagine di sieroprevalenza Bartonella quintana in persone senza fissa dimora. Clin Infect Dis. 1996; 23: 756-9. [PubMed 8909840]

442. Reed JB, Bilancia DK, Wong MT et al. Bartonella henselae neuroretinite nel gatto malattia zero: la diagnosi, la gestione e sequele. Oftalmologia. 1998; 105: 459-66. [PubMed 9499776]

444. Basso JW, Freitas aC, Freitas AD et al. placebo valutazione prospettico randomizzato in doppio cieco controllato di azitromicina per il trattamento della malattia da graffio di gatto. Pediatr Infect Dis J. 1998; 17: 447-52. [IDIS 408.829] [PubMed 9.655.532]

445. Smith DL. malattia da graffio di gatto e le relative sindromi cliniche. Am Fam Physician. 1997; 55: 1783-9. [IDIS 384.830] [PubMed 9.105.205]

446. Stamm WE, Hooton TM. Gestione delle infezioni del tratto urinario negli adulti. N Engl J Med. 1993; 329: 1328-1334. [IDIS 320.913] [PubMed 8.413.414]

447. DiCarlo RP, Martin DH. La diagnosi clinica di malattia ulcerosa genitali negli uomini. Clin Infect Dis. 1997; 25: 292-9. [PubMed 9332527]

448. Zervos M, Nelson M, e il Gruppo Cefepime di studio. Cefepime rispetto al ceftriaxone per il trattamento empirico di pazienti ospedalizzati con polmonite acquisita in comunità. Agents Antimicrob Chemother. 1998; 42: 729-33. [IDIS 403.741] [PubMed 9.559.773]

449. Lippert H, Gastinger J. antimicrobica profilassi in laparoscopica e colecistectomia convenzionale. Chemioterapia. 1998; 44: 355-63. [IDIS 414451] [PubMed 9.732.152]

450. Abo Rahmy E. perioperatorie profilassi antibiotica in chirurgia addominale per la riparazione di ernia: studio retrospettivo su 1.524 pazienti consecutivi. J Chemother. 1998; 10: 248-53. [PubMed 9669652]

451. Scholz M, Luftenegger W, Harmuth H et al. Monodose profilassi antibiotica a resezione transuretrale della prostata: uno studio prospettico randomizzato. Br J Urol. 1998; 81: 827-9. [PubMed 9666765]

452. Elia S, Gentile M, Guggino G et al. Preoperatoria profilassi antimicrobica con una cefalosporina-lunga durata d’azione per la chirurgia toracica in 192 piccoli pazienti affetti da tumore non polmonare delle cellule. J Chemother. 1998; 10: 58-63. [PubMed 9531076]

453. Certosa M, Lupo HH, Kämpfe D et al. Ceftriaxone monoterapia nel trattamento di basso rischio neutropenia febbrile. Chemioterapia. 1998; 44: 343-54. [IDIS 414.450] [PubMed 9.732.151]

454. Bartolozzi S, Clerico A, Properzi E et al. Ceftriaxone come singolo agente nella terapia empirica di febbre inspiegabile nei bambini granulocitopenici con tumori solidi. J Chemother. 1997; 9: 227-31. [PubMed 9210007]

455. Ala DA, Hendershott CM, Debuque L et al. Uno studio randomizzato di tre regimi antibiotici per il trattamento della pielonefrite in gravidanza. Obstet Gynecol. 1998; 92: 249- 53. [IDIS 408.886] [PubMed 9.699.761]

456. Laurichesse H, Robin F, Gerbaud L et al. La terapia empirica per i pazienti ospedalizzati con polmonite acquisita in comunità. Eur Respir J. 1998; 11: 73-8. [PubMed 9543273]

457. Il principe SE, Dominger KA, Cunha BA et al. Klebsiella pneumoniae polmonite. heart Lung. 1997; 26: 413-7. [PubMed 9315470]

458. Varsano I, Volovitz B, Horev Z et al. ceftriaxone intramuscolare rispetto a orale amoxicillina-acido clavulanico per il trattamento di otite media acuta nei bambini. Eur J Pediatr. 1997; 156: 858-63. [PubMed 9392401]

459. selezione Duff P. antibiotici in pazienti ostetriche. Infect Dis Clin North Am. 1997; 11: 1-12. [PubMed 9067781]

460. Arredondo JL, Diaz V, Gaitan H et al. clindamicina orale e la ciprofloxacina contro ceftriaxone intramuscolare e doxiciclina orale nel trattamento della malattia infiammatoria pelvica lieve-moderata in pazienti ambulatoriali. Clin Infect Dis. 1997; 24: 170-8. [IDIS 381.113] [PubMed 9.114.143]

462. Rummen JL, Gordts B, Van Landuyt HW. Nel sensibilità in vitro di Capnocytophaga specie a 29 agenti antimicrobici. Agents Antimicrob Chemother. 1986; 30: 739-42. [PubMed 3800350]

463. Pers C, Gahrn-Hansen B, Frederiksen W. Capnocytophaga canimorsus setticemia in Danimarca, 1982-1995: revisione di 39 casi. Clin Infect Dis. 1996; 23: 71-5. [PubMed 8816132]

464. Spach DH, Koehler JE. Bartonella -infezioni associate. Infect Dis Clin N Am. 1998; 12: 137-55.

465. Basso JW, Vincent JM, Persona DA. Lo spettro in espansione di Bartonella Infezioni: I. Bartonellosi e febbre trincea. Pediatr Infect Dis J. 1997; 16: 2-10. [IDIS 379.701] [PubMed 9.002.093]

466. Fass RJ, Barnishan J, Solomon MC et al. Nelle attività in vitro di chinoloni, β-lactams, tobramicina, e trimetoprim-sulfametossazolo contro fermentanti bacilli gram-negativi. Agents Antimicrob Chemother. 1996; 40: 1412-8. [IDIS 368.423] [PubMed 8.726.011]

467. Tunkel AR, Scheld WM. Problemi nella gestione di meningite batterica. Am Fam Physician. 1997; 56: 1355-1362. [IDIS 393.071] [PubMed 9.337.758]

468. Townsend GC, Scheld WM. Le infezioni del sistema nervoso centrale. Adv Intern Med. 1998; 43: 403-47. [PubMed 9506189]

469. Buchingham SC, Brown SP, San Joaquin VH. batteriemia Breakthrough e la meningite durante il trattamento con cefalosporine per via parenterale per polmonite pneumococcica. J Pediatr. 1998; 132: 174-6. [IDIS 401.044] [PubMed 9.470.026]

470. Pacheco TR, Cooper CK, Hardy DJ et al. Fallimento del trattamento cefotaxime in un adulto con Streptococcus pneumoniae meningite. Am J Med. 1997; 102: 303-5. [IDIS 389.050] [PubMed 9.217.602]

471. wubbel L, McCracken GH. Gestione di meningite batterica: 1998. Pediatr Rev. 1998; 19: 78-84. [PubMed 9509854]

472. McIntyre PB, Berkey CS, Re SM et al. Desametasone come terapia aggiuntiva nel meningite batterica: una meta-analisi di studi clinici randomizzati dal 1988. JAMA. 1997; 278: 925-31. [IDIS 391.326] [PubMed 9.302.246]

473. Cabellos C, Viladrich PF, Verdaguer R et al. Una singola dose giornaliera di ceftriaxone per la meningite batterica negli adulti: esperienza con i 84 pazienti e revisione della letteratura. Clin Infect Dis. 1995; 20: 1164-8. [IDIS 347.159] [PubMed 7.619.994]

474. Chesney PJ, Halsey NA, Marcy SM. Il trattamento della meningite batterica. N Engl J Med. 1997; 337: 793-4. [IDIS 390.965] [PubMed 9.289.652]

475. Quagliariello V, Scheld WM. Il trattamento della meningite batterica. N Engl J Med. 1997; 337: 794. [IDIS 390967] [PubMed 9.289.653]

477. Ahmed A. Una valutazione critica di vancomicina per il trattamento della meningite batterica. Pediatr Infect Dis J. 1997; 16: 895-903. [IDIS 392.888] [PubMed 9.306.486]

478. Mathisen GE, Johnson JP. Cervello ascesso. Clin Infect Dis. 1997; 25: 763-81. [IDIS 395.783] [PubMed 9.356.788]

479. Lorber B. listeriosi. Clin Infect Dis. 1997; 24: 1-11. [IDIS 378.938] [PubMed 8.994.747]

480. revisori’ commenti (osservazioni personali).

481. Nadelman RB, Wormser GP. Borreliosi di Lyme. Lancetta. 1998; 352: 557-65. [IDIS 415.637] [PubMed 9.716.075]

482. Sobraques M, Maurin M, Birtles RJ et al. In suscettibilità in vitro di quattro bacilliformis Bartonella ceppi a 30 composti antibiotici. Agents Antimicrob Chemother. 1999; 43: 2090-2. [IDIS 433.952] [PubMed 10.428.946]

483. Aracil B, Gomez-Garces JL, Alos JI. Uno studio della suscettibilità di 100 isolati clinici comune milleri Streptococcus gruppo a 16 cefalosporine. J Antimicrob Chemother. 1999; 43: 399-402. [IDIS 425.875] [PubMed 10.223.596]

484. Silverstein M, Bacher R, Harper MB. implicazioni cliniche di penicillina e ceftriaxone resistenza tra i bambini con batteriemia pneumococcica. Pediatr Infect Dis J. 1999; 18: 35-41. [IDIS 421.870] [PubMed 9.951.978]

485. Nicolau DP, Tessler PR, Quintiliani R et al. attività sinergica di trovafloxacina e ceftriaxone o vancomicina contro Streptococcus pneumoniae con varie suscettibilità penicillina. Agents Antimicrob Chemother. 1998; 42: 991-2. [IDIS 403.761] [PubMed 9.559.832]

487. Leibovitz E, Piglansky L, Raiz S et al. l’efficacia batteriologica di una tre giorni di terapia intramuscolare di ceftriaxone in nonresponsive otite media acuta. Pediatr Infect Dis J. 1998; 17: 1126-1131. [IDIS 420.929] [PubMed 9.877.360]

488. Gudnason T, Gudbrandsson F, Barsanti F et al. Penetrazione di ceftriaxone nel fluido nell’orecchio medio dei bambini. Pediatr Infect Dis J. 1998; 17: 258-60. [IDIS 402.994] [PubMed 9.535.262]

489. Scaglione F, De Martini G, Peretto L et al. studio di farmacocinetica di cefodizime e ceftriaxone nel siero e ossa dei pazienti sottoposti ad artroplastica. Agents Antimicrob Chemother. 1997; 41: 2292-4. [IDIS 395.011] [PubMed 9.333.066]

490. Moallen HJ, Garratty G, Wakeham M et al. Ceftriaxone legati emolisi fatale in un adolescente con perinatale acquisito l’infezione da virus dell’immunodeficienza umana. J Pediatr. 1998; 133: 279-81. [IDIS 412160] [PubMed 9.709.722]

491. Sexton DJ, Tenebaum MJ, Wilson WR et al. Ceftriaxone una volta al giorno per quattro settimane rispetto al ceftriaxone più gentamicina una volta al giorno per due settimane per il trattamento di endocardite a causa di streptococchi penicillina-sensibili. Clin Infect Dis. 1998; 27: 1470-4. [IDIS 418.654] [PubMed 9.868.662]

492. Logigian EL, Kaplan RF, Steere AC. Il successo del trattamento di encefalopatia Lyme con ceftriaxone per via endovenosa. J Infect Dis. 1999; 180: 377-83. [IDIS 433.826] [PubMed 10.395.852]

493. TM File, Segreti J, Dunbar L et al. Uno studio multicentrico, randomizzato ha confrontato l’efficacia e la sicurezza di levofloxacina per via endovenosa e / o orale contro ceftriaxone e / o di acetil-cefuroxime nel trattamento di adulti con polmonite acquisita in comunità. Agents Antimicrob Chemother. 1997; 41: 1965-1972. [IDIS 393.395] [PubMed 9.303.395]

494. Cohen R, Ombelico M, Grunberg J et al. ceftriaxone Una dose vs dieci giorni di terapia / acido clavulanico amoxicillina per l’otite media acuta: efficacia clinica e il cambiamento di flora nasofaringea. Pediatr Infect Dis J. 1999; 18: 403-9. [IDIS 428.911] [PubMed 10.353.511]

495. Klempner MS, Hu LT, Evans J et al. Due studi controllati di trattamento antibiotico in pazienti con sintomi persistenti e una storia di malattia di Lyme. N Engl J Med. 2001; 345: 85-92. [IDIS 467.349] [PubMed 11.450.676]

497. Steere AC. Malattia di Lyme. N Engl J Med. 2001; 345: 115-25. [IDIS 467.351] [PubMed 11.450.660]

498. Thompson C, Spielman A, Krause P. Coinfecting zoonosi cervi-associata: la malattia di Lyme, babebiosis, e ehrlichiosis. Clin Infect Dis. 2000; 33: 676-85.

500. Ferrieri P, Gewitz MH, Gerber MA et al. Le caratteristiche uniche di endocardite infettiva durante l’infanzia. Circolazione. 2002; 105: 2115-27. [IDIS 481.470] [PubMed 11.980.694]

501. Hospira, l’iniezione di sodio Inc. Ceftriaxone, in polvere, per la soluzione aggiuntiva Vantage fiale prescrizione informazioni. Lake Forest, Illinois.

506. Tunkel AR, Hartman BJ, Kaplan SL et al. linee guida per la gestione di meningite batterica. Clin Infect Dis. 2004; 39: 1267-1284. [IDIS 537.717] [PubMed 15.494.903]

513. Panaphut T, Domrongkitchaiporn S, Vibhagool A et al. Ceftriaxone confrontato con la penicillina sodio g per il trattamento di gravi leptospirosi. Clin Infect Dis. 2003; 36: 1507-1513. [PubMed 12802748]

515. Farr RW. Leptospirosi. Clin Infect Dis. 1995; 21: 1-6; quiz 7-8. [PubMed 7578715]

517. Suputtamongkol Y, Niwattayakul K, Suttinont C et al. An, randomizzato, aperto controllato della penicillina, doxiciclina, e cefotaxime per i pazienti con grave leptospirosi. Clin Infect Dis. 2004; 39: 1417-1424. [PubMed 15546074]

518. Katz AR, Ansdell VE, Effler PV et al. La valutazione della presentazione clinica e il trattamento di 353 casi di leptospirosi confermati in laboratorio alle Hawaii, 1974-1998. Clin Infect Dis. 2001; 33: 1834-1841. [PubMed 11692294]

519. Griffith ME, Hospenthal DR, Murray CK. La terapia antimicrobica di leptospirosi. Curr Opin Infect Dis. 2006; 19: 533-7. [PubMed 17075327]

521. van Burik JA, Hackman RC, Nadeem SQ et al. Nocardiosis dopo il trapianto di midollo osseo: uno studio retrospettivo. Clin Infect Dis. 1997; 24: 1154-1160. [PubMed 9195074]

523. Garcia del Palacio JI, Martín Pérez I. Risposta di nocardiosi polmonare a ceftriaxone in un paziente con AIDS. Il petto. 1993; 103: 1925-6. [PubMed 8404142]

526. van Gelderen de Komaid AA, Durán EL. suscettibilità antimicrobica dei ceppi di Nocardia brasiliensis isolati dal terreno di Tucumán. Mycopathologia. 1998; 141: 115-21. [PubMed 9755502]

527. Khan Z, Al-Sayer H, Chugh TD et al. Antimicrobica profilo suscettibilità dei suoli isolati di Nocardia asteroides da Kuwait. Clin Infect Microbiol. 2000; 6: 94-8. [PubMed 11168079]

528. Kilincer C, Hamamcioglu MK, Simsek O et al. Nocardial ascesso cerebrale: revisione della gestione clinica. J Clin Neurosci. 2006; 13: 481-5. [PubMed 16678731]

Related posts

  • Nistatina Monografia per i professionisti …

    Usi per nistatina cutanee e mucocutanee candidosi orofaringea Candidosi Semplice candidosi orofaringea di solito possono essere trattati con terapia topica orale (clotrimazolo …

  • Permethrin Monografia per i professionisti, scabbia permetrina.

    selezione pediculosi Base di un pediculocida sull’efficacia (inclusi sia pediculicidal e l’attività ovicida), sicurezza, costi, disponibilità, facilità di applicazione, l’età del paziente, la presenza di altri …

  • Acido Salicilico Monografia per i professionisti …

    Classe: cheratolitico Agents ATC Classe: D01AE12 VA Classe: DE500 Numero CAS: 69-72-7 Marchi: AcneFree, Ambi, Aveeno, ClarityMD, pulito e chiaro, Clearasil, Compound W, Denorex, Dermarest, DHS Sal, …

  • L’ossitocina Monografia per i professionisti, l’iniezione ossitocina.

    oxytocic; indirettamente stimola la contrazione della muscolatura liscia uterina; suscita tutte le risposte di ossitocina endogena. A utilizza per ossitocina induzione elettiva del lavoro (vale a dire senza medico …

  • Prezzemolo come contraccettivo

    antibatterico; antibiotico lattame; combinazione fissa di ampicillina (un aminopenicillin) e sulbactam (un inibitore della B-lattamasi). 1 3 29 30 64 69 Utilizzi per ampicillina sodio e Sulbactam sodio …

  • Rocephin sintomi di allergia

    Aggiornamento alle malattie sessualmente trasmesse del CDC di trattamento 2010 Linee guida: Oral cefalosporine non è più un trattamento raccomandato per gonococchi Infezioni – MMWR 10 agosto 2012 …