RISULTATI OPERATIVI Trattamento …

RISULTATI OPERATIVI Trattamento ...

Astratto

introduzione coinvolgimento neurologico si verifica nel 10-30% dei casi di carie colonna vertebrale. sbrigliamento chirurgico e la stabilizzazione è necessario per decomprimere il cavo e prevenire la progressione della deformità. Questo studio prospettico è stato condotto per determinare l’efficacia del trattamento chirurgico nel recupero gestione e neurologico nei pazienti con carie colonna vertebrale con deficit neurale.

Materiale & metodi 20 pazienti, 14 maschi, 6 femmine, sono stati inclusi e seguiti per 1 anno dopo l’intervento chirurgico. L’età media era di 39,45 anni. 10 pazienti avevano completa paraplegia e 9 pazienti avevano paraparesi. 1 paziente con interessamento cervicale aveva tetraplegia. Decompressione anteriore e stabilizzazione è stato fatto in tutti i casi. Obiettivo della chirurgia era adeguata sbrigliamento di focolai malata, la decompressione di corda e stabilizzazione della colonna vertebrale con la correzione della deformità. In 19 (95%) pazienti lì con il coinvolgimento toraco-lombare. Questo è stato affrontato con una gabbia di rete di titanio pieno di innesto osseo impattato ed integrata con 2 viti Moss Miami e un costrutto canna. Nella colonna cervicale, cervicale piastra di bloccaggio della colonna vertebrale è stato utilizzato per la stabilizzazione dopo la decompressione e innesto osseo (tricorticale cresta iliaca del trapianto).

risultati Quindici pazienti avevano completa e 5 pazienti avevano incompleto recupero neurologico. recupero neurologico ha iniziato fin da prima settimana post-op (range 3 giorni a 12 settimane). Il punteggio del motore ASIA migliorato da 60.80 (60.80 +/- 20,206) prima di un intervento chirurgico per 73.55 (73.55 +/- 13,828) a 1 mese e 95.30 (95.30 +/- 11,934) a 6 mesi dopo l’intervento chirurgico. Il punteggio ASIA sensoriale migliorato da 173,30 (173,30 +/- 50,689), a 186,85 (186,65 +/- 37,452) a un mese e 218.45 (218.45 +/- 11,843) a 6 mesi. Tutti gli 8 pazienti con coinvolgimento della vescica e dell’intestino recuperati normali funzioni della vescica e dell’intestino a 6 mesi. Non c’era nessuna recidiva di infezione. fusione ossea è stata raggiunta in tutti i pazienti e non c’erano fallimenti implantari.

Conclusione sbrigliamento anteriore, la decompressione, stabilizzazione e chemioterapia antitubercolare provocato recupero neurologico nella maggior parte dei pazienti.

  • Generale
  • Copyright © 2010, Società editoriale britannico di Bone & joint Surgery

Related posts