L’alimentazione per termine e sani neonati …

L'alimentazione per termine e sani neonati ...

Una dichiarazione congiunta di Health Canada, Canadian Paediatric Society, Dietisti del Canada, e del Comitato allattamento al seno per il Canada

La dichiarazione promuove messaggistica accurata e coerente in materia di nutrizione per bambini più grandi e bambini da sei a 24 mesi di età. Guida alla nutrizione, dalla nascita a sei mesi è coperto in una dichiarazione separata, ma complementari.

Per informazioni e idee su come rispondere alle domande dei genitori e gli operatori sanitari, vedi:

Principi e raccomandazioni per la nutrizione dei bambini più grandi (da sei a 12 mesi) e ai bambini (12 a 24 mesi)

  • Supporto allattamento al seno fino a due anni o oltre, fino a quando madre e figlio vogliono continuare.
  • Consiglia un supplemento giornaliero di vitamina D di 10 µg (400 UI) per lattanti e bambini che sono allattati al seno o che ricevono il latte materno.
  • Consiglia aumentando gradualmente il numero di volte al giorno che gli alimenti complementari sono offerti continuando ad allattare.
  • Consiglia di carne ricca di ferro, le alternative a base di carne e cereali arricchiti di ferro come i primi alimenti complementari. Incoraggiare i genitori e tutori di progredire di introdurre una varietà di alimenti nutrienti dai pasti in famiglia.
  • Assicurarsi che le texture sono grumose non offerti entro nove mesi. Incoraggiare il progresso verso una varietà di texture, modificato da cibi familiari, da un anno di età.
  • Incoraggiare alimentazione reattivo sulla base di fame e della sazietà spunti del bambino.
  • Promuovere offrendo finger food per incoraggiare l’auto-alimentazione.
  • Incoraggiare l’uso di un vaso aperto, inizialmente con l’aiuto.
  • Continuare a raccomandare una varietà di alimenti ricchi di ferro. Assicurarsi che gli alimenti come la carne e le alternative di carne e cereali arricchiti di ferro sono offerti un paio di volte ogni giorno.
  • Se i genitori e gli operatori sanitari stanno introducendo il latte di mucca, consigliare loro di ritardare fino alle nove e 12 mesi di età. Consiglia limitare l’assunzione di latte di mucca a non più di 750 ml al giorno.
  • Consiglia neonati e bambini piccoli sempre essere sorvegliati durante l’allattamento.
  • Recommend genitori e tutori evitare di offrire dura, piccoli e rotondi, o lisci e appiccicoso, cibi solidi. Questi possono causare aspirazione e soffocamento.
  • Promuovere sicura preparazione dei cibi e storage per prevenire le malattie di origine alimentare. Raccomandare di evitare i prodotti che contengono carne cruda o poco cotta, uova, pollame o pesce; latte o latte non pastorizzato prodotti; succo non pastorizzato; e cross-contaminazione tra cibi cotti e crudi.
  • Informare i genitori e gli operatori sanitari di non dare il miele ad un bambino sotto un anno di età. Questo aiuta a prevenire il botulismo infantile.
  • Consiglia un programma regolare di pasti e spuntini, offrendo una varietà di cibi da quattro gruppi di alimenti.
  • Consiglia cibi preparati con poco o nessun sale o zuccheri aggiunti.
  • Spiegare ai genitori e gli operatori sanitari che nutrienti, gli alimenti più alto contenuto di grassi sono una fonte importante di energia per i bambini.
  • Incoraggiare l’allattamento al seno continuato, oppure di offrire 500 ml al giorno di omogeneizzato (M.F. 3,25%) di latte di mucca.
  • Consiglia limitando succhi di frutta e bevande zuccherate. Incoraggiare offrendo acqua per soddisfare la sete.
  • Incoraggiare i genitori e gli operatori sanitari di essere modelli di ruolo e infondere tutta la vita sane abitudini alimentari.

Alcuni bambini non possono essere allattati al seno per, sociali, o raramente, ragioni mediche personali. Le loro famiglie hanno bisogno di sostegno nutrizionale per ottimizzare il benessere del bambino. Il Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno (OMS, 1981) consiglia ai professionisti sanitari di informare i genitori circa l’importanza dell’allattamento al seno, i costi personali, sociali, economiche e di alimentazione artificiale, e la difficoltà di invertire la decisione di non allattare al seno. Individualmente consiglio quelle famiglie che hanno fatto una scelta pienamente informata di non allattare sull’uso di sostituti del latte materno.

Ringraziamenti

L’alimentazione infantile gruppo di lavoro congiunto inclusi membri di:

  • Comitato Nutrizione e Gastroenterologia del Canadian Paediatric Society (CPS)
  • Dietologi del Canada (DC)
  • L’allattamento al seno Comitato per il Canada (BCC)
  • Agenzia di sanità pubblica del Canada (PHAC)
  • Health Canada (HC)

Il gruppo di lavoro ha ricevuto indicazioni dal alimentazione infantile Gruppo consultivo di esperti e consultato ampiamente con le parti interessate.

I membri del gruppo di esperti di alimentazione infantile consultivo. Gisle Conway, Laura Haiek, Sheila Innis, Gerry Kasten, Jack Newman, Nancy Watters

I partecipanti alla alimentazione infantile Gruppo di lavoro congiunto. Becky Blair (DC), Genevieve Courant (BCC), Jeff Critch (CPS), Jessica Di Giovanni (PHAC), Patricia D’Onghia (HC), Erin Enros (HC), Deborah Hayward (HC), Jennifer McCrea (HC), Brenda McIntyre (HC), Julie Castleman (PHAC), Kevin Wood (HC).

L’allattamento al seno è una fonte importante di nutrimento per i bambini più grandi e bambini, così come vengono introdotti alimenti complementari.

  • Supporto allattamento al seno fino a due anni o oltre, fino a quando madre e figlio vogliono continuare.

Fondamento logico

Gli operatori sanitari contribuiscono a creare ambienti favorevoli per l’allattamento quando continuano a promuovere questa pratica come il modo normale di alimentazione, insieme ad alimenti complementari appropriati, per bambini più grandi e bambini. Discutere con i genitori le loro opinioni, preoccupazioni e domande. Esplora temi come il ritorno al lavoro oa scuola. l’allattamento al seno e bambini, eventuali preoccupazioni circa lo stigma sociale di allattamento al seno un bambino più vecchio e bambino. e peer e le risorse allattamento professionali nella comunità.

Riferimenti

Aiuto su come accedere a formati alternativi, come il Portable Document Format (PDF), i file PowerPoint (PPT) di Microsoft Word e, possono essere ottenuti nella sezione formato di aiuto alternativo.

Arenz, S. Rckerl, R. Koletzko, B. & von Kries, R. (2004). L’allattamento al seno e l’obesità infantile – una revisione sistematica. International Journal of Obesity, 28: 1247-1256.

Butte, N. Cobb, K. Dwyer, J. Graney, L. Heird, W. & Rickard, K. (2004). Le linee guida di alimentazione sano inizio per neonati e bambini piccoli. La American Dietetic Association, 104 (3): 442-454.

Britton, J.R. Britton, H.L. & Gronwaldt, V. (2006). L’allattamento al seno, la sensibilità, e l’attaccamento. Pediatria, 118: 1436-1443.

Brinton, L.A. Potischman, N.A. Swanson, C.A. Schoenberg, J.B. Coates, R.J. Gammon, M.D, Malone, K.E. Stanford, J.L. & Daling, J.R. (1995). L’allattamento al seno e rischio di cancro al seno. Provoca il cancro e di controllo, 6: 199-208.

Collaborative Group su fattori ormonali del cancro al seno. (2002). Il cancro al seno e l’allattamento al seno: rianalisi collaborativa dei dati individuali da 47 studi epidemiologici in 30 paesi, di cui 50 302 donne con cancro al seno e 96 973 donne senza malattia. The Lancet. 360; 187-195.

Fergusson, D.M. Woodward, L.J. (1999). L’allattamento al seno e adattamento psicosociale in seguito. Pediatrica e perinatale Epidemiologia, 13: 144-157.

Goldman, A.S. Goldblum, R.M. & Garza, C. (1983). componenti immunologici nel latte umano durante il secondo anno di lattazione. Acta Paediatr Scand. 72: 461-462.

Goldman, A.S. Garza, C. Nichols, B.L. & Goldblum, R.M. (1982). Fattori immunologici nel latte umano durante il primo anno di lattazione. The Journal of Pediatrics. 100 (4): 563-567.

Istituto di Medicina. (2006). Dietary Reference Intakes: La guida indispensabile per le esigenze nutrizionali. Washington DC: National Academies Press.

Kendall-Tackett, K.A. & Sugarman, M. (1995). Le conseguenze sociali dell’allattamento al seno a lungo termine. J Hum Lact, 11 (3): 179-183.

Lawrence, R.A. & Lawrence, R.M. (2005). L’allattamento al seno: Una guida per il medico, 5 ° edizione .Rochester NY: Elsevier Mosby. Pp. 22.

Michaelsen, K.F. Tessitore, L. Branca, F. & Robertson, A. (2003). Alimentazione e nutrizione dei lattanti e dei bambini: Linee guida per la regione europea dell’OMS, con particolare attenzione ai paesi ex sovietici.

Pan American Health Organization. (2003). Principi guida per complementare l’alimentazione del bambino allattato al seno. Washington DC: Pan American Health Organization / Organizzazione Mondiale della Sanità.

von Kries, R. Koletzko, B. Sauerwald, T. von Muzio, E. Barnert, D. Grunert, V. & von Voss, H. (1999). allattamento al seno e l’obesità: Croce studio sezionale. BMJ. 319: 147-150.

Organizzazione Mondiale della Sanità e l’UNICEF. (2003). Strategia globale per i neonati e dei bambini. Geneva: World Health Organization.

Supplementi di vitamina D è raccomandato per lattanti e bambini che sono allattati al seno o la ricezione di latte materno

  • Consiglia un supplemento giornaliero di vitamina D di 10 µg (400 UI) per lattanti e bambini che sono allattati al seno o che ricevono il latte materno.

Fondamento logico

Per consigli sulla vitamina D ai lattanti e ai bambini che non sono allattati al seno o che ricevono il latte materno vedere in pratica: Parlando con le famiglie sulla nutrizione per bambini più grandi e bambini.

Sei a 12 mesi di età

12 a 24 mesi di età

Un consumo eccessivo non è una preoccupazione per i bambini che continuano a ricevere un supplemento di vitamina D, a prescindere dalla assunzione del bambino di latte di mucca e di altre fonti di cibo. assunzione totale è improbabile che avvicinarsi alla assunzione tollerabile superiore a 2500 UI al giorno.

Dopo due anni di età, un supplemento di vitamina D non è più raccomandato. Si raccomanda che i modelli alimentari dei bambini seguono canadese Food Guide.

Riferimenti

Gessner, B.D. Plotnik, J. & Muth, P.T. (2003). i livelli di 25-idrossivitamina D tra i bambini sani in Alaska. J Pediatr. 143: 434-7.

alimentazione complementare, insieme con la continua l’allattamento al seno, fornisce i nutrienti e di energia per soddisfare le esigenze dei bambini più grandi.

  • Consiglia aumentando gradualmente il numero di volte al giorno che gli alimenti complementari sono offerti continuando ad allattare.
  • Consiglia di carne ricca di ferro, le alternative a base di carne e cereali arricchiti di ferro come i primi alimenti complementari. Incoraggiare i genitori e tutori di progredire di introdurre una varietà di alimenti nutrienti dai pasti in famiglia.
  • Assicurarsi che le texture sono grumose non offerti entro nove mesi. Incoraggiare il progresso verso una varietà di texture, modificato da cibi familiari, da un anno di età.

Fondamento logico

Frequenza di alimentazione complementare

La quantità di cibo offerto dovrebbe essere basata sui principi di alimentazione reattivo. La quantità consumata ad una alimentazione sarà diversa a fattori quali:

  • come si sentono
  • la presenza di distrazioni
  • l’ora del giorno
  • la loro assunzione di latte materno
  • il loro appetito e capacità di mangiare
  • la densità di energia dei cibi complementari.

I menu di esempio forniscono esempi di nutriente alimentazione complementare per i bambini più grandi a sette e 11 mesi di età. menu di esempio per un bambino a 17 mesi sono inoltre disponibili.

Alimenti dalla pasti in famiglia

Informare i genitori e tutori di prima introdurre la carne ricca di ferro e le alternative di carne e cereali arricchiti di ferro. Oltre a cibi ricchi di ferro che sono i primi alimenti introdotti, non c’è nessun ordine particolare per l’introduzione di altri alimenti o gruppi di alimenti (ad eccezione di latte vaccino liquido). Verdura, frutta e prodotti lattiero-caseari come il formaggio e lo yogurt possono essere introdotti, tra il 6 a 9 mesi, insieme a una varietà di alimenti ricchi di ferro.

L’aspetto sociale del mangiare è un altro motivo importante che i bambini più anziani dovrebbero prendere parte i pasti della famiglia. Incoraggiare i genitori e gli operatori sanitari per includere i neonati e bambini piccoli, anche se i loro tempi di alimentazione non sempre allineati. pasti familiari devono essere consumati a tavola per assicurare i bambini anziani e bambini piccoli sono al sicuro e sorvegliato.

Durante i pasti in famiglia, un bambino più anziano non può consumare una notevole quantità di cibo. Tuttavia, i pasti forniscono un’esposizione ai gusti, colori e texture. Incoraggiare rilassato, piacevole e positivo pasti volte senza distrazioni come la televisione (OPS, 2003; Satter, 2000). pasti in famiglia creare un’opportunità per la modellazione di sane abitudini alimentari.

Texture di alimenti complementari

Come sistema neuromuscolare un vecchio del bambino matura, i tipi e le texture di alimenti complementari sono in grado di consumare crescerà (WHO, 1998). I neonati elaborare cibi utilizzando quattro metodi legate all’età: da latte, succhiare, masticando, e masticazione. Un bambino dalla nascita fino ai sei mesi avrà le capacità motorie orali a succhiare, succhiare, e deglutire (OMS, 1998).

Durante le fasi iniziali di alimentazione complementare, il bambino più vecchio si sviluppa su e giù movimenti mandibolari che li permettono di ‘Munch’. Questi consumi movimenti permesso di alcuni cibi solidi, come ad esempio cracker, toast, e pronti per il consumo cereali per la colazione, indipendentemente dal fatto che sono apparsi i denti (Morris & Klein, 2000; OMS, 1998). E ‘importante che i genitori e gli operatori sanitari offrono una varietà di texture morbide (come grumoso, e tenero cotto e finemente tritata, purea, purea o terra) e finger food da sei mesi di età. finger food sicurezza comprendono: pezzi di frutta e frutti di bosco-cotti; morbido, frutta matura come banana; finemente tritato, macinato o purè di carne cotta, pesce disossata, e pollame; formaggio grattugiato; e crosta di pane o fette biscottate. Per motivi di sicurezza, ci sono alcune forme di cibo e strutture che non dovrebbero essere offerti ai bambini di età inferiore ai quattro anni.

Anche se un bambino più anziano è in grado di consumare cibi più solidi, il tempo necessario per completare una alimentazione può richiedere più tempo con gli alimenti che sono passata (WHO, 1998). Un vecchio efficienza del neonato nel consumare puree raggiungerà il picco a circa 10 mesi, ma la loro capacità di consumare altre texture cibo solido continueranno a migliorare fino a circa 24 mesi di età (OMS, 1998). Bavaglio è un riflesso naturale che i bambini più grandi possono sperimentare e dovrebbe essere discusso con i genitori e gli operatori sanitari.

Tra circa otto e 12 mesi, il bambino più vecchio sviluppa movimenti laterali della lingua. Questi permettono il bambino più anziano per spostare il cibo fino ai denti. Questo movimento consente masticazione mordere e di cibi tritati e una maggiore varietà di finger food (WHO, 1998).

Con 12 mesi di età, i bambini dovrebbero essere offerte una varietà di cibi familiari con texture modificate, come terra, purè, o cibi tritati, con una consistenza tenera (Morris & Klein, 2000). Tra il 12 e 18 mesi, i bambini acquisiranno movimenti pieni di masticazione (WHO, 1998).

Riferimenti

Butte, N. Cobb, K. Dwyer, J. Graney L. Heird, W. & Rickard, K. (2004). Le linee guida di alimentazione sano inizio per neonati e bambini piccoli. Journal of American Dietetic Association, 104 (3): 442-54.

Satter, E. (2000). Mio figlio: alimentazione con amore e buon senso. Boulder, Colorado: Bull Publishing Company.

Skinner, J. D. W. Bounds, B. R. Carruth, M. Morris, & Ziegler, P. (2004). Predittori di indice di massa corporea dei bambini: uno studio longitudinale della dieta e della crescita nei bambini di età compresa tra 2-8Y. International Journal of Obesity, 28 (4): 476-482.

  • Incoraggiare alimentazione reattivo sulla base di fame e della sazietà spunti del bambino.
  • Promuovere offrendo finger food per incoraggiare l’auto-alimentazione.
  • Incoraggiare l’uso di un vaso aperto, inizialmente con l’aiuto.

Fondamento logico

alimentazione responsive

  • Permette al bambino di guidare l’alimentazione
  • Saldi aiutare con incoraggianti auto-alimentazione, in un modo che è appropriato per il livello di sviluppo del bambino
  • Coinvolge il contatto visivo e l’incoraggiamento verbale positivo, ma non verbale o coercizione fisica
  • Utilizza posate che sono adatti alla loro età, così come culturalmente appropriato
  • Risponde alla fame presto e spunti di sazietà
  • Minimizza le distrazioni durante i pasti e le poppate
  • Si svolge in un ambiente confortevole e sicuro
  • È sensibile al bambino, compresi i cambiamenti di stato fisico ed emotivo del bambino
  • Offre diverse combinazioni alimentari, gusti, e le texture

Ruoli e responsabilità di genitore e bambino durante l’alimentazione

Finger alimenti e di auto-alimentazione

vaso aperto

Come si introducono i liquidi diversi dal latte materno, possono essere offerti in un vaso aperto. L’uso di una tazza aperta ha dimostrato di essere un’abilità sicuro e facilmente imparato nell’infanzia (Howard et al 2003;. Lang, Lawrence, & Orme, 1994).

Offrendo bambini più grandi una tazza aperta può aiutare a diminuire il consumo costante e sovraesposizione dei denti per liquidi contenenti zucchero. Diminuendo questa esposizione può contribuire a ridurre il rischio di carie (ADA, 2004). Per ulteriori informazioni sulla riduzione del rischio di carie della prima infanzia, vedere In pratica: Parlando con le famiglie sulla nutrizione per bambini più grandi e bambini.

Riferimenti

Americana Dental Association. (2004). Dal biberon alla tazza: scegliere la formazione coppe con attenzione, usarli temporaneamente. Journal of American Dental Association, 135: 387.

Birch, L.L. (1992). le preferenze dei bambini per cibi ad alto contenuto di grassi. Nutr Rev, 50: 249-255.

Cerro. N, Zeunert, S. Simmer, K.N. & Daniels, L.A. (2002). Mangiare comportamento dei bambini 1.5-3.5 anni pretermine nato: la percezione della Capogruppo. J Pediatr Health Care, 38 (1): 72-8.

Howard, C.R. Howard, F.M. Lanphear, B. Eberly, S. deBlieck, E.A. Oakes, D. & Lawrence, R.A. (2003). Studio clinico randomizzato di uso del ciuccio e l’allattamento artificiale o cupfeeding e il loro effetto sull’allattamento al seno. Pediatria. 111 (3): 511-518.

Lang, S. Lorenzo, C.J. & Orme, R. L. (1994). Coppa di alimentazione: Un metodo alternativo per l’alimentazione infantile. Archives of Disease in Childhood, 71: 365-369.

Satter, E. (2000). Mio figlio: alimentazione con amore e buon senso. Boulder, Colorado: Bull Publishing Company.

Satter, E. (1996). Regolamento interno e l’evoluzione della crescita normale come base per la prevenzione dell’obesità in età infantile. Journal of American Dietetic Association, 9: 860-864.

alimenti complementari ricchi di ferro aiutano a prevenire la carenza di ferro.

  • Continuare a raccomandare una varietà di alimenti ricchi di ferro. Assicurarsi che gli alimenti come la carne e le alternative di carne e cereali arricchiti di ferro sono offerti un paio di volte ogni giorno.
  • Se i genitori e gli operatori sanitari stanno introducendo il latte di mucca, consigliare loro di ritardare fino alle nove e 12 mesi di età. Consiglia limitare l’assunzione di latte di mucca a non più di 750 ml al giorno.

Fondamento logico

I seguenti fattori aiutano a identificare i bambini più anziani a rischio di carenza di ferro (Williams & Innis, 2005):

alimenti ricchi in ferro

Incoraggiare i genitori e tutori di offrire più vecchio neonati a base di carne, pesce, pollame, o alternative alla carne ogni giorno. Ma avviso di guida alimentare del Canada per limitare carni pranzo, insaccati, carni o pre-confezionati più alti in sale e grassi. Alcuni tipi di pesce dovrebbero essere evitati a causa delle preoccupazioni circa il loro contenuto di mercurio.

prodotti di cereali fortificati con ferro, come cereali per l’infanzia fortificati con ferro e pronti per il consumo cereali per la colazione dovrebbe essere offerto ai bambini più grandi e bambini, soprattutto in assenza di una fonte di ferro eme nei loro pasti. riso non modificate e importate, i prodotti di cereali a base di farina bianca, come ad esempio alcuni tipi di pasta, sono inferiori in ferro.

Mucca introduzione del latte

Riferimenti

Butte, N. Lopez-Alarcon, M. & Garza, C. (2002). adeguatezza nutrizionale di allattamento al seno esclusivo per il termine bambino durante i primi sei mesi di vita. Geneva: World Health Organization.

Engelmann, M, Davidsson, L, Sandstrom, B, Walczyk, T, Hurrell, R, & Michaelsen, K. (1998). L’influenza di carne su assorbimento del ferro non-eme nei neonati. Pediatric Research, 43 (6), 768-773.

Fomon, S. Nelson, S. Serfass, R. & Zeigler, e.e. (2005). L’assorbimento e la perdita di ferro nei bambini sono altamente correlati. Journal of Nutrition, 135: 771-777.

Istituto di Medicina. (2001). consumi di riferimento dietetici per la vitamina A, vitamina K, arsenico, boro, cromo, rame, iodio, ferro, manganese, molibdeno, nichel, silicio, vanadio e zinco. Washington: National Academy Press.

Istituto di Medicina (2006). assunzioni di riferimento dietetici – La guida indispensabile per le esigenze nutrizionali. Washington DC: National Academies Press.

Jiang, T. Jeter, J. Nelson, S. & Ziegler, E. (2000). perdita di sangue intestinale durante latte di mucca alimentazione nei bambini più grandi. Archives of Pediatrics e della medicina dell’adolescente, 154. 673-678.

Kazal, L.A. (2002). La prevenzione della carenza di ferro nei neonati e nei bambini. Sono Fam Physician. 66 (7): 1217-1225.

Leung, A. & Sauve, R. (2003). Il latte intero vaccino durante l’infanzia. Pediatria e la salute del bambino, 8 (7), 419-421.

Meinzen-Derr, M. Guerrero, L. Altaye, M. Ortega-Gallegos, H. Ruiz-Palacios, G. & Morrow, A. (2006). Rischio di anemia infantile è associata ad esclusivo allattamento al seno e anemia materna in una coorte messicano. Journal of Nutrition, 136. 452-458.

Michaelsen, K.F. (2000). Il latte vaccino per l’alimentazione complementare. Pediatria, 106 (5), 1302-1303.

Picciano, M. Smiciklas-Wright, H. betulla, L. Mitchell, D. Murray-Kolb, L. & McConahy, K. (2000). guida nutrizionale è necessaria durante la transizione alimentare nella prima infanzia. Pediatria, 106, 109-114. doi: 10,152 / peds.106.1.109

Sandoval, C. Berger, E. Ozkaynak, M.F. Gallo, O. & Jayabose, S. (2002). Grave anemia da carenza di ferro in 42 pazienti pediatrici. Ematologia ed Oncologia Pediatrica, 19, 157-161.

Williams, P.L. Innis, S.M. (2005). Questionario di frequenza alimentare per valutare la nutrizione infantile ferro. Canadian Journal of Dietetic pratica e ricerca, 66 (3): 176-182.

Yeung, G. & Zlotkin, S. (2000). Efficacia di carne e cereali commerciale fortificati con ferro per prevenire l’esaurimento di ferro nel latte vaccino nutriti bambini da 6 a 12 mesi di età: uno studio randomizzato controllato. Canadian Journal of Public Health, 91 (4), 263-267.

Ziegler, E. Jiang, T. Romero, E. Vinco, A. Frantz, J. & Nelson, S. (1999). di latte e la perdita di sangue intestinale a fine infanzia mucca. Journal of Pediatrics, 135. 720-726.

Alimenti per bambini più grandi e bambini piccoli devono essere preparati, serviti, e conservati in modo sicuro.

  • Consiglia neonati e bambini piccoli sempre essere sorvegliati durante l’allattamento.
  • Recommend genitori e tutori evitare di offrire dura, piccoli e rotondi, o lisci e appiccicoso, cibi solidi. Questi possono causare aspirazione e soffocamento.
  • Promuovere sicura preparazione dei cibi e storage per prevenire le malattie di origine alimentare. Raccomandare di evitare i prodotti che contengono carne cruda o poco cotta, uova, pollame o pesce; latte o latte non pastorizzato prodotti; succo non pastorizzato; e cross-contaminazione tra cibi cotti e crudi.
  • Informare i genitori e gli operatori sanitari di non dare il miele ad un bambino sotto un anno di età. Questo aiuta a prevenire il botulismo infantile.

Fondamento logico

supervisione

I genitori e gli operatori sanitari dovrebbero supervisionare e impegnarsi attivamente neonati e bambini piccoli quando si mangia. Il bambino deve essere seduto in posizione verticale, non può essere sdraiati, camminare, correre o distratto dal compito di mangiare al sicuro. Un buon modo per assicurare un controllo adeguato è quello di includere i neonati ei bambini piccoli in pasti in famiglia.

Mangiare in un veicolo in movimento è considerato non sicuro. Se dovesse verificarsi soffocamento, è difficile assistere al bambino durante la guida o accostare al lato della strada in modo sicuro (Tubi & Trahms, 1993). Ci sono rischi per la sicurezza, se il conducente deve attraversare corsie per raggiungere il ciglio della strada, uscire dalla macchina in movimento traffico, o eseguire cure d’emergenza su una strada trafficata. C’è anche un aumento del rischio di soffocamento se l’auto si ferma di colpo.

Soffocamento e aspirazione

I genitori e gli operatori sanitari possono ridurre il rischio di soffocamento se:

  • sono consapevoli di masticazione e deglutizione abilità del loro bambino
  • sorvegliarli mentre si mangia
  • evitare di offrire cibi con il potenziale di causare soffocamento
  • sapere come gestire soffocamento se si verifica.
  • Grattugiare le carote crude e frutta duri come mele
  • Rimuovere i pozzi di frutta
  • Tritare l’uva
  • Sottilmente diffondere burro di arachidi su crackers o pane tostato. burro di arachidi servito da solo, o in un cucchiaio, è potenzialmente pericoloso perché può attaccare nel palato o posteriore della faringe e formare una guarnizione che è difficile da rimuovere, con conseguente asfissia (AAP, 2010).
  • Tritare finemente gli alimenti di texture fibrosi o fibrosi come il sedano o ananas.

preparazione e conservazione sicura

I neonati ei bambini piccoli sono vulnerabili alle malattie di origine alimentare. Sicuro preparazione ed immagazzinamento è molto importante per ridurre il rischio. Fare riferimento alle informazioni per la sicurezza alimentare di Health Canada per bambini dai 5 & Sotto .

I batteri, come E. coli, Salmonella e Listeria monocytogenes può essere distrutta quando i cibi vengono riscaldati ad una temperatura di cottura interna al sicuro. carne cruda o poco cotta, pollame, o pesce non dovrebbero mai essere offerti a neonati e bambini piccoli.

latte e dei prodotti lattiero-caseari non pastorizzati. così come succhi di frutta non pastorizzati. non dovrebbe essere offerto ai neonati e bambini piccoli a causa del rischio di malattie di origine alimentare.

Il botulismo infantile

Riferimenti

Tubi, P.L. & Trahms, C.M. (1993). Nutrizione durante l’infanzia e l’infanzia (5 ° a cura di). Mosby, St. Louis.

Da un anno di età, i bambini cominciano ad avere un programma regolare di pasti e spuntini, e seguire il consiglio generale in Canada Food Guide.

  • Consiglia un programma regolare di pasti e spuntini, offrendo una varietà di cibi da quattro gruppi di alimenti.
  • Consiglia cibi preparati con poco o nessun sale o zuccheri aggiunti.
  • Spiegare ai genitori e gli operatori sanitari che nutrienti, gli alimenti più alto contenuto di grassi sono una fonte importante di energia per i bambini.
  • Incoraggiare l’allattamento al seno continuato, oppure di offrire 500 ml al giorno di omogeneizzato (M.F. 3,25%) di latte di mucca.
  • Consiglia limitando succhi di frutta e bevande zuccherate. Incoraggiare offrendo acqua per soddisfare la sete.
  • Incoraggiare i genitori e gli operatori sanitari di essere modelli di ruolo e infondere tutta la vita sane abitudini alimentari.

Fondamento logico

Con un anno di età, i bambini dovrebbero mangiare una varietà di cibi dai quattro gruppi alimentari in Canada Food Guide. Quando possibile, dovrebbero condividere i pasti e spuntini volte con gli altri membri della famiglia.

Pasti e spuntini da 12- 24 mesi

Da 12 a 24 mesi, i genitori e gli operatori sanitari devono lavorare fino ad offrire le quantità ei tipi di alimenti consigliati per un bambino di due a tre anni di età del Canada Food Guide. dimensioni delle porzioni per i bambini piccoli sono circa un quarto alla metà di una porzione adulta. Spiegare ai genitori e tutori che non è necessario offrire un intero servire contemporaneamente. Due serie di menu di esempio per una famiglia con un 17 mesi forniscono esempi di pasti nutrienti e snack per i bambini di questa età.

Sale e zucchero

Informare i genitori e gli operatori sanitari per limitare o evitare di aggiungere sale e lo zucchero, quando preparare il cibo per i bambini piccoli (Michaelsen, Weaver, Branca, & Robertson, 2003). Questo permette ai bambini di sperimentare i sapori naturali di cibo.

Health Canada di Food and Drug Regulations hanno limiti rigorosi su di sodio, additivi alimentari, e l’aggiunta di vitamine e minerali alimenti per bambini con meno di 12 mesi di età. Tuttavia, non ci sono regolamenti in materia di zuccheri.

Se la scelta di cibi preconfezionati e preparati, incoraggiare i genitori e tutori di leggere e confrontare la tabella di fatti di nutrizione sulle etichette degli alimenti e scegliere gli alimenti più bassi di sodio (sale). La lista degli ingredienti sulle etichette degli alimenti può usare parole diverse per gli zuccheri o sale aggiunto. Incoraggiare i genitori e tutori di rivedere la lista degli ingredienti con cura.

Grasso alimentare

fonte latte

Prima di due anni di età, parzialmente scremato, 2% o 1% di latte non è raccomandata di routine come fonte di latte principale di un bambino. latte scremato è una scelta non appropriata per i bambini di età inferiore ai due anni.

Alcune famiglie possono utilizzare le evaporato o latte in polvere. Questi sono adatti alternative di latte, a condizione che i prodotti siano adeguatamente diluito o ricostituito. Informare i genitori e tutori di scegliere tra una ricca di grassi (non un basso contenuto di grassi o senza grassi) evaporato o latte in polvere se viene utilizzato come fonte principale di latte per un bambino.

le bevande di soia fortificato non sono adatti come fonte di latte principale per i bambini di età inferiore ai due anni. Per il bambino più vecchio e bambino che non è più al seno e non è stato introdotto al latte vaccino, latte artificiale commerciale a base di soia è raccomandata fino a due anni di età.

Se fortificato bevanda di soia viene offerto occasionalmente come alimenti complementari, in aggiunta al latte materno o latte di mucca come fonte di latte principale, dovrebbe essere un non aromatizzato, con grassi, bevanda di soia fortificato (Dunham & Kollar, 2006).

Altre bevande a base vegetale, come mandorle, riso e cocco ‘latti’, non sono nutrizionalmente paragonabili a omogeneizzato (M.F. 3,25%) di latte di mucca. Essi hanno una composizione in macronutrienti molto differente, e non sono adatti alternative al latte.

I succhi di frutta e bevande zuccherate

Il succo di frutta manca la fibra del frutto intero. Frutta e verdura devono essere sottolineati invece di succo come raccomandato in Canada Food Guide. Solo 100% di frutta o succo di verdura dovrebbero essere offerti.

bevande zuccherate, come pop, bevande di frutta, punzoni e bevande sportive hanno un alto contenuto di zucchero e la mancanza di vitamine e minerali. Come succhi di frutta, possono anche aumentare il rischio di carie della prima infanzia, e dovrebbe essere limitato. Non zuccherato omogeneizzato (3,25% M.F.) di latte si consiglia sul latte zuccherato, come il cioccolato al latte, o aromatizzato bevande a base di soia, come il cioccolato e vaniglia, che contengono zuccheri aggiunti.

Bevande contenenti caffeina o dolcificanti artificiali non devono essere offerti ai bambini. Caffè, tè, alcune bevande gassate, e cioccolata calda possono anche contenere caffeina o sostanze caffeina correlati. Caffeina è un farmaco che agisce come stimolante. Altre bevande come la dieta pop o bevande alla frutta contengono dolcificanti artificiali. Questi possono interferire con l’assunzione di un bambino di cibi ad alta densità energetica nutrienti necessari per la loro rapida crescita.

Essere un modello di ruolo

Riferimenti

Addessi, E. Galloway, A.T. Visalberghi, E. & Birch, L.L. (2005). influenze sociali specifiche in materia di accettazione di nuovi prodotti alimentari a 2-5-anni i bambini. Appetito, 24 (3): 264-271.

American Academy of Pediatrics Comitato sulla Nutrizione. (2001). L’uso e l’abuso di succhi di frutta in pediatria. Pediatria, 107 (5). 1210-1213.

Americana Dental Association. (2004). Dal biberon alla tazza: scegliere la formazione coppe con attenzione, usarli temporaneamente. Journal of American Dental Association, 135: 387.

Bernard, H. Creminon, C. Negroni, L. Peltre, G. & Wal, J.M. (1999). IgE attraversare reattività delle caseine di specie diverse di esseri umani allergici alle proteine ​​del latte vaccino. Il cibo Agric Immuno, 11: 101-111.

Butte, N. Cobb, K. Dwyer, J. Graney, L. Heird, W. & Rickard, K. (2004). L’inizio sano alimentazione linee guida per neonati e nei bambini. La American Dietetic Association, 104 (3): 442-454.

Dunham, L. & Kollar, L. M. (2006). mangiare vegetariano per i bambini e gli adolescenti. Journal of Pediatric Health Care. 20 (1): 27-34.

Michaelsen, K.F. Tessitore, L. Branca, F. & Robertson, A. (2003). Alimentazione e nutrizione dei lattanti e dei bambini: Linee guida per la regione europea dell’OMS, con particolare attenzione ai paesi ex sovietici.

Picciano, M. Smiciklas-Wright, H. betulla, L. Mitchell, D. Murray-Kolb, L. & McConahy, K. (2000). guida nutrizionale è necessaria durante la transizione alimentare nella prima infanzia. Pediatria, 106, 109-114. doi: 10,152 / peds.106.1.109

Restani, P, Gaiaschi, A, Plebani A, Beretta, B, Cavagni, G, Fiocchi, A, Poiesi, C, Velona, ​​T, Ugazio, A.G. & Galli C.I. (1999). Cross-reattività tra proteine ​​del latte di diverse specie animali. Clin Exp Allergy, 29: 997-1004.

Satter, E. (2000). Mio figlio: alimentazione con amore e buon senso. Boulder, Colorado: Bull Publishing Company.

Skinner, J. Ziegler, P. & Ponza, M. (2004). Transizione nei neonati ‘e dei bambini piccoli modelli di bevande. Journal of American Dietetic Association, 104, S45-S50.

Steyn, N.P. Nel, J.H. Nantel, G. Kennedy, G. & Labadarios, D. (2006). La varietà di cibo e decine di diversità alimentari nei bambini: sono buoni indicatori di adeguatezza della dieta? Public Health Nutrition, 9 (5): 644-650.

Raccomandazioni per l’uso di sostituti del latte materno

Alcuni bambini non possono essere allattati al seno per, sociali, o raramente, ragioni mediche personali. Le loro famiglie hanno bisogno di sostegno nutrizionale per ottimizzare il benessere del bambino. Il Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno. e le successive risoluzioni dell’Assemblea Mondiale della Sanità sulla nutrizione per i neonati e bambini piccoli, consiglia ai professionisti sanitari di informare i genitori circa l’importanza dell’allattamento al seno, e le spese personali, sociali, economiche e di allattamento artificiale.

Individualmente consiglio quelle famiglie che hanno fatto una scelta pienamente informata di non allattare sull’uso di sostituti del latte materno. Se lattanti commerciale viene utilizzato come sostituto del latte materno, dovrebbe essere preparata e immagazzinata in modo sicuro, secondo le istruzioni del produttore, per ridurre il rischio di malattia da crescita batterica.

Per un bambino di età superiore o bambino che non è allattato al seno o la ricezione di latte materno:

  • Consiglia latte artificiale commerciale fino alle nove e 12 mesi di età.
  • Consiglia pastorizzato omogeneizzato (3,25% M.F.) di latte di mucca essere introdotto alle nove a 12 mesi di età. latte scremato non è appropriato nei primi due anni.
  • Consigliare che, per i bambini più sani, non vi è alcuna indicazione per l’uso di formule commerciali al di là di un anno di età.
  • Informare che la soia, riso, o altre bevande a base di piante, anche se non sono fortificate, sono alternative inappropriate al latte vaccino nei primi due anni.
  • Raccomandare di evitare biberon prolungato e dare bottiglie di notte.

Fondamento logico

latte artificiale commerciale fino alle nove e 12 mesi di età

Per un bambino più anziano che non è allattato al seno o la ricezione di latte materno, raccomandare latte artificiale commerciale fino alle nove a 12 mesi. Una volta che un bambino più anziano sta consumando regolarmente una varietà di cibi ricchi di ferro, latte artificiale commerciale può essere sostituito con, omogeneizzato (M.F. 3,25%) di latte vaccino pastorizzato. Parzialmente scremato 2% o 1% M.F. latte non è raccomandata di routine. latte scremato è opportuno offrire ai bambini di età inferiore ai due anni. Parzialmente scremato o latte scremato non forniscono acidi grassi essenziali sufficienti e hanno una densità di energia più bassa. Se gli alimenti ricchi di ferro non sono ancora regolarmente consumati a nove mesi, può essere utile a rinviare il passaggio al omogeneizzato latte vaccino (M.F. 3,25%) fino a quando il bambino più vecchio è più vicino a 12 mesi.

Follow-up alimenti per lattanti commerciali possono essere usati come sostituti del latte materno per i neonati di età superiore ai sei mesi. Questi alimenti per lattanti commerciali in genere contengono più ferro e calcio di formule “Starter”. Tuttavia, nessuna superiorità è stata stabilita.

Dopo un anno di età

Alcuni bambini sono stati alimentati latte artificiale commerciale a base di soia, perché non possono essere dati formula a base di latte di mucca per, religiosi, o motivi di salute culturali come galattosemia. Essi dovrebbero continuare a essere alimentati latte artificiale commerciale a base di soia fino a due anni di età. Questo è anche il caso di un vegano più giovane di due anni, che non è più allattati al seno.

bevande a base vegetale

Soia, riso, mandorle, o altre bevande a base di piante come il cocco ‘latte’, anche se non sono fortificate, non sono adeguate come la fonte principale per il latte di un bambino di età inferiore ai due anni. La maggior parte sono a basso contenuto calorico, grassi, proteine ​​e spesso (Mangels & Messina, 2001; Cockell, Bonacci & Belonje, 2004; Imataka, Mikami, Yamanouchi, Kano, & Eguchi, 2004; Moilanen, 2004; Dunham & Kollar, 2006). Alcuni di questi prodotti non possono contenere una quantità adeguata di diverse vitamine e minerali (Mangels & Messina, 2001; Cockell, Bonacci, & Belonje, 2004; Imataka, Mikami, Yamanouchi, Kano, & Eguchi, 2004; Moilanen, 2004; Dunham & Kollar, 2006).

Evitare biberon prolungato

Quando l’introduzione di nuovi fluidi, degli alimenti per lattanti commerciale, dopo sei mesi di età, è meglio per offrire loro in un vaso aperto. I genitori e gli operatori sanitari possono continuare ad offrire latte artificiale commerciale in una bottiglia, perché alcuni bambini più grandi possono in un primo momento hanno difficoltà a consumare gli stessi volumi con un vaso aperto.

Riferimenti

Americana Dental Association. (2004). Dal biberon alla tazza: scegliere la formazione coppe con attenzione, usarli temporaneamente. Journal of American Dental Association, 135: 387.

Butte, N. Cobb, K. Dwyer, J. Graney, L. Heird, W. & Rickard, K. (2004). L’inizio sano alimentazione linee guida per neonati e nei bambini. La American Dietetic Association, 104 (3): 442-454.

Cockell, K.A. Bonacci, G. & Belonje, B. (2004). contenuto di manganese di bevande a base di soia o di riso è alto in confronto agli alimenti per lattanti. Journal of American College of Nutrition. 23 (2): 124-130.

Dunham, L. & Kollar, L.M. (2006). mangiare vegetariano per i bambini e gli adolescenti. Journal of Pediatric Health Care, 20 (1): 27-34.

Imataka, G. Mikami, T. Yamanouchi, H. Kano, K. & Eguchi, M. (2004). La vitamina D rachitismo da carenza a causa di latte di soia. Journal of Pediatric and Child Health. 40 (3): 154-155.

Liu, T. & Frieden, I.J. (2002). Rice sogno bevande non caseari [1]. Archives of Dermatology. 138 (6): 838.

Mangels, A.R., & Messina, V. (2001). Considerazioni nella pianificazione diete vegane: neonati. Journal of American Dietetic Association. 101 (6): 670-677.

Moilanen, aC (2004). Le diete vegane in neonati, bambini e adolescenti. Pediatria in Review. 25 (5): 174 -176.

Pan American Health Organization. (2003). Principi guida per complementare l’alimentazione del bambino allattato al seno. Washington DC: Pan American Health Organization / Organizzazione Mondiale della Sanità.

In pratica: Parlando con le famiglie sulla nutrizione per bambini più grandi e bambini

Ciò che sostiene aiutare le madri per mantenere l’allattamento al seno dopo il ritorno al lavoro oa scuola?

  • la disponibilità di assistenza all’infanzia vicina
  • l’uso di pompa da seno per estrarre il latte
  • lavoro flessibile e orari di classe
  • sostegno famiglia, amici, supervisori e colleghi
  • luoghi di lavoro e le scuole che offrono un ambiente pulito e confortevole per estrarre il latte e un frigorifero per la conservazione.

Come possono le madri essere supportati per stare tranquillo l’allattamento al seno un bambino di età superiore o bambino?

Che consiglio si può dare a genitori e tutori di introdurre nuovi alimenti se hanno preoccupazioni per le allergie alimentari?

Quando si introduce un alimento che è nella lista dei comuni allergeni alimentari, suggeriscono che genitori e tutori evitare di offrire più di uno di questi al giorno e aspettare due giorni prima di introdurre un altro dei comuni allergeni alimentari. Questo rende più facile identificare un alimento che possono aver causato una reazione.

Per i neonati e bambini con una storia familiare di allergia alimentare, gli operatori sanitari devono affrontare ogni caso su base individuale.

Come posso rassicurare i genitori e gli operatori sanitari che conati di vomito è naturale?

Quali indicazioni possono essere date per l’alimentazione di un ‘mangiatore schizzinoso’?

E ‘abbastanza comune per offrire un nuovo alimento più di dieci volte prima che un bambino lo accetterà (Sullivan & Birch, 1994). Consigliamo ai genitori di continuare ad offrire questi alimenti e aspettare che il bambino di provare da soli. Rassicurare i genitori e gli operatori sanitari che questo comportamento è una fase normale, sperimentale di alimentazione complementare.

C’è consiglio per gli aborigeni sulla sicurezza alimentare quando offre i neonati alimenti tradizionali?

Queste linee guida raccomandano che i genitori e gli operatori sanitari "Non offrire prodotti contenenti uova crude o poco cotte, carne, pollame o pesce." Tuttavia, un assegno ai sensi della presente raccomandazione può essere fatta per gli alimenti ‘paese’ tradizionale o che vengono consumati crudi o surgelati, come è il caso per alcune culture aborigene in Canada, in particolare, Inuit. Per memorizzare e preparare questi alimenti in modo sicuro, è molto importante seguire i modi tradizionali e ascoltare gli anziani informati. I cacciatori tengono cibo paese sicuro per:

  • animali da caccia che sono sani e non mostrano alcun segno di malattia
  • essiccazione di carne in più all’inizio della primavera e l’autunno
  • il congelamento di carne in più in inverno.

A seguito di queste pratiche riduce o elimina il rischio del bambino da agenti patogeni e parassiti negli alimenti.

Non lattanti e bambini che non sono allattati al seno o che ricevono il latte materno hanno bisogno di un supplemento di vitamina D?

I bambini che non sono allattati al seno o che ricevono il latte materno non richiedono un supplemento di vitamina D. latte artificiale commerciale, raccomandato come un sostituto del latte materno per questa fascia di età, ha aggiunto la vitamina D durante la produzione. Dopo nove a 12 mesi, i genitori e gli operatori sanitari sono invitati a passare da latte artificiale commerciale per omogeneizzato (M.F. 3,25%) di latte di mucca. Perché il latte di mucca è fortificato con vitamina D, questi bambini più grandi e bambini piccoli, inoltre, non hanno bisogno di un supplemento di vitamina D.

I bambini che non consumano latte vaccino dovrebbero ricevere un supplemento giornaliero di vitamina D di 400 UI (10 µg).

A che età i bambini possono transizione da omogeneizzato (3,25% M.F.) di latte di latte a basso contenuto di grassi (come parzialmente scremato 1% o 2%)?

Omogeneizzato (M.F. 3,25%) di latte è raccomandato come fonte principale di latte di un bambino fino a due anni di età per coloro che non sono più allattati al seno. Dopo 2 anni di età, i bambini possono passare al latte famiglia secondo il consiglio in Canada Food Guide. Skim (non grasso) latte è una scelta non appropriata per i bambini di meno di due anni di età. Non fornisce gli acidi grassi essenziali e ha una densità di energia molto basso.

Parzialmente scremato (2% o 1% M.F.) di latte a basso contenuto di acidi grassi essenziali e più bassa in energia rispetto omogeneizzato (M.F. 3,25%) di latte. Non vi è alcuna chiara indicazione di conseguenze negative dall’uso di latte parzialmente scremato (Wosje, Specker, & Giddens, 2001; Simell et al. 2000). Tuttavia, vi è un rischio teorico di esitazione crescita e deficit di acidi grassi essenziali, in particolare nei bambini, se il latte diventa una componente significativa della loro assunzione giornaliera. monitoraggio della crescita può aiutare a valutare l’impatto dei cambiamenti nella dieta.

Convenienza può essere uno dei motivi per i genitori e gli operatori sanitari di offrire parzialmente scremato (2% o 1% M.F.) il latte da altri nella famiglia stanno bevendo esso. Se viene offerto prima di due anni, è importante garantire che il bambino sta crescendo bene e mangiare una grande varietà e una adeguata quantità di alimenti nutrienti. Controllare che i genitori e gli operatori sanitari stanno fornendo altre fonti di grassi come la margarina morbida, noci o semi burro, olio vegetale, pesce grasso e avocado. Spiega che alimenti nutrienti che sono più alti di grassi sono una fonte importante di energia per i bambini.

C’è bisogno di ‘latte cresce-up’ o ‘bambino latte’?

Non neonati vegetariani o vegani bisogno di integratori?

Per le diete vegetariane che sono limitati nella varietà e la qualità nutrizionale, consulenza professionale in materia di integratori è appropriata. Dopo la valutazione dietetica, raccomandare supplementi nutrizionali se la dieta del bambino si trova ad essere nutrizionalmente incompleti.

Quali consigli dietetici aiuta a ridurre il rischio di carie della prima infanzia

Bere succo è stato anche associato con la carie nei bambini piccoli (AAP, 2001). Informare i genitori e gli operatori sanitari per limitare succhi di frutta e bevande zuccherate. Sottolineare l’igiene orale come parte di una routine quotidiana.

Quali consigli dietetici aiuta a gestire da lieve a moderata costipazione in un bambino?

I bambini devono essere offerto acqua e una varietà di cibi ad alto contenuto di fibra ogni giorno. Questi alimenti sono pane integrale e cereali, ortaggi e frutta, e le alternative di carne come fagioli e lenticchie. l’assunzione di latte vaccino di un bambino non dovrebbe superare i 750 ml al giorno. Inoltre, assicurarsi che i bambini non stanno riempiendo il succo di frutta o altre bevande. Troppo latte o succo di frutta possono spostare gli alimenti che sono fonti di fibre nella dieta.

Se la costipazione di un bambino è persistente, i genitori e gli operatori sanitari dovrebbero vedere il loro fornitore di assistenza sanitaria.

Riferimenti

American Academy of Pediatrics Comitato sulla Nutrizione. (2001). L’uso e l’abuso di succhi di frutta in pediatria. Pediatria. 107 (5): 1210-1213.

Center for Disease Control (USA). (1999). Realizzazioni nel campo della salute pubblica, 1900-1999: Fluorizzazione dell’acqua potabile per prevenire la carie dentale. MMWR settimanale. 48 (41): 933-940.

Dettwyler, K.A. (1995) Un tempo per svezzare: il progetto ominide per l’età naturale di svezzamento nelle moderne popolazioni umane. New York, NY: Aldine de Gruyter.

Dunham, L. & Kollar, L. M. (2006). mangiare vegetariano per i bambini e gli adolescenti. Journal of Pediatric Health Care. 20 (1): 27-34.

Lawrence, R.A. & Lawrence, R.M. (2005). L’allattamento al seno: Una guida per il medico, 5 ° edizione. Rochester NY: Elsevier Mosby.

Meinzen-Derr, M. Guerrero, L. Altaye, M. Ortega-Gallegos, H. Ruiz-Palacios, G. & Morrow, A. (2006). Rischio di anemia infantile è associata ad esclusivo allattamento al seno e anemia materna in una coorte messicano. Journal of Nutrition, 136. 452-458.

Simell, O. Niinikoski, H. Rnnemaa, T. Lapinleimu, H. Routi, T. Hanna Lagstrm, H. Pia Salo, P. Eero Jokinen, E. & Jorma Viikari, J. (2000). Progetto Speciale Turku Conorary fattore di rischio di intervento per bambini (STRIP). Am J Clin Nutr, 72 (suppl): 1316-1331S.

Sullivan, S.A. & Birch, L.L. (1994). esperienza nella dieta infantile e l’accettazione di cibi solidi. Pediatria, 93: 271-277.

Wosje, K.S. Specker, B.L. & Giddens, J. (2001). Nessuna differenza nella crescita o la composizione corporea da 12 anni a 24 mesi tra i più piccoli che consumano 2% di latte e nei bambini che consumano latte intero. J Am Diet Assoc, 101: 53-56.

Che cosa si può offrire: i menu di esempio per le famiglie con bambini più grandi e bambini

Suggerimenti importanti per le famiglie:

  • Questi menu sono solo una guida. Seguire segnali di fame del vostro bambino più vecchio di decidere quando mangiare lui o lei. A circa 12 mesi di età, si può cominciare a stabilire un programma di pasti regolari e spuntini ogni due-e-un-metà a tre ore.
  • Mangiare insieme come una famiglia il più spesso possibile. Offerta bambini più grandi e giovani alimenti per bambini dal pasto in famiglia.
  • Mantenere l’allattamento al seno, inizialmente su-cue. Continuare ad allattare il più a lungo sia per voi e il vostro bambino desidera.
  • Lasciate che i bambini più grandi e bambini piccoli decidere quanto vogliono mangiare dai cibi offerti.
  • La prima volta che introdurre alimenti complementari, l’importo un vecchio mangia lattanti può essere molto piccolo. Ad esempio, può essere un totale di 30 – 45 ml o 2 o 3 cucchiai al giorno. Aumentare gradualmente la quantità di cibo che offrite. Prestare attenzione al appetito del vostro bambino.
  • dimensioni delle porzioni per bambini più grandi e bambini piccoli sono circa un quarto alla metà di una porzione adulta. Esempi di un offerta iniziale potrebbe includere: 30 – 45 mL verdure cotte, cereali, carni o alternative a base di carne; 45 – 75 ml di frutta morbida, ½ uovo medio; 60-125 ml preparata cereali caldi o freddi; 30 ml di formaggio o yogurt triturati; 125 ml di latte; e ½ di un pezzo di pane tostato o muffin, o ¼ di una pita o altro piadina.
  • Se un bambino neonato o un giovane vecchio sembra sete, offrire acqua.

menù di esempio: cosa si può offrire un sette mesi di età infantile

Che cosa si può offrire

Related posts

  • Soia allergia nei neonati, segni di allergia latte per neonati.

    E ‘diventato un trend in crescita nei primi anni del 1960 per cambiare infantile formula latte a una formula di soia a base quando il bambino ha mostrato segni di allergia al latte o intolleranza al lattosio. Continua ad essere …

  • Nutrition Guide – Generation Rescue, caseina formula senza.

    trattamento dell’autismo include molte terapie di dieta a base che affrontano questioni di fondo all’interno del corpo. Uno dei ruoli del sistema gastrointestinale è di agire come la “prima linea di difesa” per …

  • Nutrizione per l’allattamento i più piccoli …

    Sembra che tutte le informazioni che vedo per quanto riguarda la nutrizione bambino presuppone che il bambino non è più l’allattamento al seno è e sta mangiando principalmente solidi. Come risultato, molte mamme di allattamento al seno …

  • sviluppo del bambino la nutrizione, la nutrizione sviluppo del bambino.

    Come aiutiamo Aiutiamo soddisfare le esigenze nutrizionali dei bambini e dei giovani nei seguenti modi: i bambini Sponsored ricevono regolari screening sanitari e malnutrizione. I genitori sono tenuti …

  • Arachidi per bambini Per evitare che …

    La notizia il mese scorso di una sperimentazione clinica dimostrano che i bambini ad alto rischio per le allergie arachidi erano molto meno probabilità di sviluppare in realtà queste allergie se sono stati alimentati snack arachidi regolari …

  • Ripristinare batteri intestinali sani

    I cibi fermentati stanno diventando una delle nuove potenze probiotici per aumentare i batteri buoni dell’intestino e migliorare digerente, cardiovascolare e salute del sistema immunitario. In questo articolo vi darà una lista …