Anatomia della colonna vertebrale – OrthopaedicsOne …

Anatomia della colonna vertebrale - OrthopaedicsOne ...

Osteologia

Nello stato non patologico, la colonna vertebrale tiene la testa centrata sul bacino. Se visto nel piano coronale, la colonna vertebrale è diritta dalla parte superiore della colonna cervicale giù attraverso il coccige. Nel piano sagittale, tuttavia, una quantità fisiologica di curvatura può essere visto nelle diverse regioni spinali: cervicale, toracica, lombare e sacrale / coccige. Le curvature sagittali primari sono quelli che esistono in utero e sono costituiti da toracica e curve (apice posteriori) sacrali / coccigea cifotiche. Il range tipico per cifosi toracica nell’adulto è 20-50º, con una media di 30 °. 1,4

curve secondarie sono formate dopo la nascita, una volta che la colonna vertebrale è esteso, per consentire una postura eretta. 1 Le curve secondarie sono lordosi (anteriore apice) e si trovano nella colonna vertebrale cervicale e lombare. Il range normale di lordosi cervicale è 16-22º negli uomini e 15-25º nelle donne. 5 lombare lordosi varia da 20-80º, con la maggior parte della curvatura che si verifica tra la L4 a livelli S1. 3

vertebre

Ogni azioni vertebra analoghe strutture con caratteristiche simili. Vi sono, tuttavia, importanti differenze anatomiche tra le vertebre che sono specifici per un particolare della colonna vertebrale.

Tutti vertebre contiene cinque centri di ossificazione: Centrum, che diventa il corpo vertebrale anteriore; due archi neurali, che costituiscono il corpo vertebrale posteriore; peduncoli, lamine e processi spinosi; e due archi costali, che costituiscono il processo trasversale o massa laterale su ogni lato delle vertebre. 3

La dimensione delle vertebre aumenta da cefalica a caudale, con le vertebre cervicali essendo la più piccola e la zona lombare è il più grande. La forma delle vertebre varia anche all’interno delle diverse regioni:

  • Nel zona lombare. vertebre sono più nel piano sagittale rispetto al piano coronale.
  • Il vertebre cervicali sono più larghe nel piano coronale.
  • All’interno colonna vertebrale toracica. vertebre superiori sono sagomati simile alle vertebre cervicali, mentre i livelli toracici inferiori sono più simili a vertebre lombari.
  • Il Medio colonna toracica contiene vertebre che sono quasi uguali in larghezza per entrambi i piani sagittale e coronale.
  • Il Medio colonna toracica è anche la zona dove il canale spinale è il più stretto, da circa T4 a T9. 1,6,7

corpo vertebrale

La parte più grande e più anteriore delle vertebre è il corpo vertebrale. Con l’eccezione di C1, tutti i livelli vertebrali contengono un corpo vertebrale. Duro dell’osso corticale circonda il corpo, mentre l’interno è costituito da più morbido osso spugnoso.

I superior- e inferiore-la maggior parte degli aspetti del corpo sono chiamati i piatti vertebrali. Queste piastre laterali sono composte da spessore corticale che articola e fornisce l’alimentazione al disco intervertebrale. Il corpo è grossolanamente forma cilindrica, con una certa concavità ad entrambe le placche terminali superiore ed inferiore, anche se ci sono diverse variazioni nella morfologia corpo nelle diverse regioni.

Nella colonna cervicale, le curve endplate superiori superiormente ai bordi laterali bilateralmente per formare i processi uncinato. La placca inferiore delle curve della colonna vertebrale cervicale nuovamente dentro il corpo al bordo laterale per formare la joint unco-vertebrali con il processo uncinato dal livello inferiore. Poiché le vertebre cervicali scendono verso la colonna vertebrale toracica, l’aspetto caudale del corpo diventa più grande della funzione cefalica, con la larghezza del corpo essendo costantemente grande di quello che è alto. 8

La superficie totale delle toraciche vertebrali corpo aumenta in modo lineare da T1-T12. Inoltre, l’altezza del margine posteriore del corpo è maggiore del margine anteriore e aumenta da craniale al caudale, creando una leggera forma a cuneo al corpo e aiutare conto per cifosi toracica. 6

Allo stesso modo, nella colonna lombare, la dimensione del corpo continua ad aumentare da cefalica a caudale. I corpi lombari hanno anche una certa asimmetria:

  • I livelli lombari superiori hanno corpi che sono più alti sui lati dorsale.
  • I livelli più bassi sono più alte sul lato ventrale.
  • L3 è quasi simmetrica al confine ventrale e dorsale.

Queste variazioni aiutano conto per fisiologica lordosi lombare. 7

Un’altra caratteristica trovato nella colonna toracica è la faccetta costale che, oltre al processo trasverso toracico, serve come punto per le coste di articolazione. L’aspetto è situato alla giunzione del corpo vertebrale e peduncolo. Al T11 e T12, ogni costola si articola con il rispettivo corpo vertebrale attraverso il processo costiera; Tuttavia, da T1 a T10, le costole si articolano con il corpo vertebrale al loro livello e il corpo dal livello superiore. 6

posteriore Elementi

Gli elementi posteriori della colonna vertebrale, anche definito l’arco vertebrali / neurale, sono composti da:

  • peduncoli
  • processi trasversi
  • processi articolari
  • Lamina
  • processi spinosi

Nella colonna cervicale, il processo trasverso ha origine in una posizione più ventrale, e si estende lateralmente dalla giunzione tra il corpo vertebrale e il peduncolo. Inoltre, all’interno della regione cervicale del peduncolo e processo trasverso collegano a contribuire alla massa laterale e formare un canale denominato forame trasversali, che è dove l’arteria vertebrale si trova mentre sale nel cranio.

Dal confine mediale della pars, la lamina si estendono dorsale e mediale per collegare sulla linea mediana e completare il canale spinale. Infine, il processo spinoso estende dorsalmente dalla giunzione delle due lamine sulla linea mediana dell’arco posteriore e è la parte più posteriore della colonna vertebrale.

forame

  • All’interno rachide cervicale. il canale spinale è più grande in C1 e C2 e diminuisce a C3 rimanere relativamente costante fino a raggiungere la colonna toracica. 8
  • Il colonna vertebrale toracica ha il più stretto canale, con la sezione trasversale essendo la più piccola tra T3 e T8 (compresa tra 189 e 199 mm 2). 6
  • Nel zona lombare il canale è il più grande in L1 e L5 e più piccolo tra L2-L4.

peduncoli

I peduncoli sono cilindrica canali di osso che collegano il corpo vertebrale agli elementi posteriori su entrambi i lati destro e sinistro forma. Duro dell’osso corticale confina all’esterno dei peduncoli, mentre i loro centri interni sono riempiti con osso spugnoso. La parete corticale mediale del peduncolo è 2-3 volte più spessa della parete corticale laterale. 10

  • ovale grossolanamente in forma, essere più alto che larghi
  • Più grande all’aspetto cefalica rispetto all’aspetto caudale
  • Longer che alti, il che significa che la lunghezza da anteriore a posteriore è maggiore della lunghezza da superiore a inferiore
  • Proiezione in direzione mediale quando la colonna vertebrale è visto da posteriore ad anteriore
peduncoli cervicali

Panjabi et al 8 ha rilevato che nella colonna vertebrale cervicale, il peduncolo C2 era il più grande e il peduncolo C3 era più piccola, con peduncoli dimensioni crescenti da C3 a C7. peduncoli cervicali hanno origine a metà strada tra le piastre laterali superiore ed inferiore del corpo vertebrale.

  • Nel rachide cervicale superiore. i peduncoli sono inclinati superiormente nel piano sagittale.
  • Nel rachide mid-cervicale. peduncoli sono parallele al piano orizzontale.
  • Nel più bassa della colonna vertebrale cervicale. i peduncoli sono inclinati verso il basso. 8,12,14

Il peduncolo C2 ha anche il più alto grado di angolazione mediale voce da posteriore ad anteriore ed il peduncolo C7 ha il minimo. La gamma di angolazioni è risultato essere compreso tra 29 e 42º. 8

Nel 2004, Bozbuga 15 ha pubblicato le dimensioni dei peduncoli cervicali per guidare il posizionamento sicuro dei viti peduncolari, aggiungendo alla pre-esistente letteratura sulle dimensioni peduncolari cervicali. 8,12,16

  • La lunghezza dei peduncoli sono stati trovati per essere fra 5,3 e 6,7 mm crescenti da C2 a C7.
  • La larghezza dei peduncoli variava da 4.4 al 4,9 millimetri.
  • altezza peduncolo era compreso tra 6,9 e 7,2 mm.

Una regione anatomica importante e spesso confusa è la distinzione tra il peduncolo C2 e pars interarticularis. Per chiarire la differenza, Ebraheim et al 17 definita peduncolo C2 come la zona inferiore alla faccetta articolare superiore e anteriore mediale al forame trasversali, e C2 pars come l’area più stretto tra i processi articolari superiore e inferiore.

Toracica e lombare peduncoli

I peduncoli toracica e lombare originano sulla porzione superiore del corpo vertebrale posteriore, in prossimità del piatto vertebrale superiore, differenziandosi dai peduncoli cervicali posizione più centrale nel corpo. Questi peduncoli sono angolati in direzione cefalica da T1 attraverso L3, e il peduncolo L5 è angolato leggermente caudale. 11

Thoracic peduncoli
L’altezza del peduncolo toracica aumenta da T1 a T12, con la gamma riportata tra 9 e 16 mm. 6 A differenza di altezza, larghezza peduncolo è stretto nella colonna toracica mezzo tra T3-T10. larghezza Pedicle diminuisce da T1 a T4 e quindi ha un lieve aumento fino T12, 18 con valori variabili da 4 a 8 mm a seconda del livello. 19 Cinotti et al 19 ha rilevato che quasi la metà dei peduncoli misurate fra T4 e T8 sono stati inferiore a 5 mm di larghezza, mettendo in evidenza il potenziale sfida di mettere viti peduncolari toraciche.

Simile alla larghezza, l’area della sezione trasversale di peduncoli toracica diminuisce da T1 a T3, rimane relativamente costante nella regione centrale, e quindi notevolmente aumenta da T8-T12. 6 L’angolazione mediale del peduncolo toracici è massima T1, con un valore medio di 27 °, e diminuisce in direzione caudale per T12, con un valore medio di 10 °. 6

lombari peduncoli
I peduncoli della colonna lombare sono il più grande nel corpo. Lombare altezza peduncolo va dal 14 a 20 mm, con L3 essere il più breve e L5 il più alto. larghezza Pedicle aumenta in direzione caudale. L1 e L2 hanno larghezze e valori simili, poi aumentare gradualmente a L5, che ha una larghezza riportato a 19 mm. 20

Allo stesso modo, trasversale zona peduncolo sezione è paragonabile tra L1 e L2 e aumenta caudale verso L5, raggiungendo un valore medio di 144 mm2. 20 In contrasto con la colonna vertebrale toracica, l’angolazione mediale dei lombari peduncolari aumenta da cefalica a caudale. L1 peduncoli angolo mediale tra il 10º e 15º, mentre L5 peduncoli angolo mediale tra il 25º e 30º. 11,20

Come dimostrato, molta attenzione è stata rivolta alla morfometria del peduncolo. Questo è secondaria rispetto alla sua importanza durante le procedure di strumentazione spinale, e il fatto che una conoscenza intricata di peduncolo anatomia è fondamentale per il posizionamento preciso vite peduncolare.

Inoltre, la comprensione del rapporto tra le strutture neurologiche e peduncoli è essenziale per l’inserimento della vite peduncolare sicura. Le radici nervose si trovano più vicino alla mediale e peduncoli inferiori pareti in toracica e lombare della colonna vertebrale, e il sacco durale è più vicino alla parete mediale. Secondaria a questa caratteristica anatomica, viti peduncolari che violano uno di questi muri sono a più alto rischio di produrre un deficit neurologico.

Nella colonna lombare, la distanza dal bordo laterale della dura alla parete peduncolo mediale è approssimativamente di 1,5 mm, e anche se piccola, è maggiore della distanza tra il peduncolo e dura nella colonna toracica, che è a volte troppo piccolo per misurare . 21,22 La distanza dalla parete peduncolo superiore alle radici nervose che escono attraverso il forame neurale sopra è 1,9 a 3,9 mm nel toracica e 4.1 a 5.5 mm nella colonna lombare. 21-23 La distanza tra l’inferiore muro peduncolo e nervosa in uscita del forame di seguito è più piccolo, e varia tra 1,7 a 2,8 mm nel toracica e 1,3 a 1,5 mm nella zona lombare. 21-23

faccetta articolare

L’orientamento esatto delle sfaccettature varia a seconda della specifica regione della colonna vertebrale. Nella colonna cervicale, i processi articolari nascono dalla porzione dorsale della massa laterale e proiettano fuori al 45º angoli. 4 Il processo articolare superiore angoli in una direzione ventrale e gli angoli di processo inferiori in una direzione dorsale. Il processo superiore, pertanto, costituisce la parte ventrale del giunto, e il processo inferiore costituisce il mezzo dorsale.

Le superfici articolari delle faccette articolari della colonna vertebrale cervicale sono allineati vicino alla parallela al piano coronale. Questo orientamento congiunta vale nella colonna toracica superiore e centrale, con l’eccezione che i processi articolari in queste regioni non sorgono dalla massa laterale e sono orientate a meno di un angolo obliquo. L’angolo medio della faccetta superiore toracica al piano sagittale è compresa tra 74-88 ° e l’angolo medio della faccetta inferiore al piano sagittale è 74-104 °. 24

Le faccette articolari della colonna vertebrale toraco-lombare cominciano a cambiare il loro orientamento e diventare meno perpendicolare al piano medio-sagittale. In questa regione, la faccetta articolare superiore compone la parte più laterale del giunto e la faccetta inferiore meta più mediale.

La modifica dell’orientamento continua nella colonna lombare dove le superfici articolari sono allineate vicino al parallelo al piano sagittale, con laterale processo superiore e mediale processo inferiore. Una caratteristica unica più prominente sulla lombare faccetta articolare superiore è il processo mammillary, che si trova sulla faccia superiore e laterale della sfaccettatura e serve come un allegato per i muscoli paravertebrali. 1

Trasversali e spinosi processi

Il processo trasverso progetti lateralmente da entrambi i lati destro e sinistro di ogni vertebra. Nella colonna cervicale, il processo trasverso ha una posizione più ventrale, proveniente direttamente dal corpo vertebrale. Qui serve come il bordo laterale del forame trasversale che crea un passaggio per l’arteria vertebrale mentre viaggia verso il cervello.

Nella colonna vertebrale toracica e lombare del processo trasverso origina a livello della giunzione delle pars e peduncolo. All’interno della colonna toracica, il processo trasverso generalmente diminuisce nel formato da T1 a T12, 6 mentre la dimensione complessiva dei processi trasversali nella colonna lombare tende ad aumentare da L1 a L5, diventando più breve ma più robusto nella regione lombare inferiore. 20

Il processo spinoso inizia all’incrocio linea mediana della lamina e progetti dorsale sinistro e destro, creando un punto di legamenti e muscoli allegati. processi spinosi della colonna vertebrale cervicale sono piccoli e l’angolo in senso caudale.

All’interno della colonna vertebrale cervicale, C2 e C7 sono i più grandi processi spinosi e fungono da importanti punti di riferimento anatomici, mentre C2-C6 sono in genere bifido. 1,4,25 Nella colonna vertebrale toracica, i processi spinosi sono lunghi, sottili, e caudalmente angolato. I processi spinosi dell’angolo toracica superiore e inferiore caudale ad un angolo di circa 40 °, mentre le medie processi spinosi toracici hanno un angolo più ripido di 60 ° e completamente sovrapporsi al livello inferiore. 1 La colonna lombare ha spessi e ampi processi spinosi che angolo dorsale come nella colonna vertebrale cervicale e toracico, ma sono più grandi.

Pars interarticularis

L’area che collega i processi articolari superiore e inferiore è definito pars interarticularis. Nella colonna cervicale, la zona è più comunemente indicato come massa laterale. Contribuisce al confine dorsale del forame intervertebrale e, nelle spine toraciche e lombari, è il luogo in cui il processo trasverso origine. L’area è sottoposta ad elevate sollecitazioni durante il movimento segmento adiacente ed ha importanti implicazioni cliniche. In frattura tipo di un C2 Hangman, la pars è la porzione di osso che le fratture, in spondilolistesi istmica, la pars è la zona in cui si trova il difetto litico.

lamine

Il diritto e lamine di sinistra collegare sulla linea mediana, formano il tetto dorsale del canale spinale, e servono come location per il muscolo e l’attaccamento legamento.

Nella colonna cervicale e toracico, vi è un certo grado di laminare sovrapposizione tra il livello superiore e il livello inferiore, creando un effetto di “ghiaia” e uno spazio interlaminare stretto. Al contrario, le lamine della colonna lombare non sovrapporre, risultando in uno spazio interlaminare più ampia nei livelli lombari.

Lamine sono più alto della colonna vertebrale toracica inferiore a circa 20-25 mm, e sono più breve della colonna vertebrale metà cervicale a circa 10 mm. 26 La lamina a livello L5 è nettamente inferiore rispetto alle altre lamine lombare. Il lamine nella colonna cervicale e lombare della colonna vertebrale sono il più lungo, compreso tra 11 e 16 mm, mentre le lamine della spina dorsale medio-toracica sono più breve, di circa 6 mm. 26 La breve lamine della colonna vertebrale toracica corrisponde a stretto canale spinale a livello medio-toracici. Infine, lamine cervicale sono il più sottile, mentre la colonna vertebrale toracica prossimale contiene le lamine più spessa.

Atlas e Axis Anatomy

L’anello posteriore contiene scanalature su entrambi i lati della superficie superiore per accogliere dell’arteria vertebrale, che viaggia sopra l’anello di salire intracranially. Nel corso di un approccio posteriore per l’atlante, la dissezione è limitata a 12 mm laterale della linea mediana per evitare lesioni alla nave. 28

A C1, le sfaccettature superiore ed inferiore sono orientati con le loro superfici vicine alla orizzontale. Le sfaccettature superiori sono situati sulla parte superiore della massa laterale e hanno una certa rotazione interna, permettendo l’articolazione con i condili occipitali. Analogamente, le faccette inferiori sono sul fondo della massa laterale di articolare con la faccetta superiore di C2. La dimensione della massa laterale C1 è stato segnalato per essere 13 mm a partire anteriore a posteriore, 4 mm dal mediale a laterale, e 5 mm da cefalica a caudale. 29

Il asse supporta C1 per permettere il movimento rotatorio a livello dell’articolazione atlanto. Situato sulla massa laterale, la faccetta articolare superiore di C2 si affaccia superiormente con rotazione interna di articolare con l’aspetto inferiore della C1. La faccetta articolare inferiore di C2 transizioni dai processi articolari della colonna vertebrale cervicale superiore a diventare simile agli aspetti della colonna vertebrale cervicale sub-assiale.

Disco intervertebrale e spinali Legamenti

dischi

I 23 dischi intervertebrali si trovano tra i corpi vertebrali di ciascun segmento spinale mobili, ad eccezione del livello C1-C2. Nel tipico colonna vertebrale adulta, il disco più caudale è situato tra L5 e S1. Venticinque per cento dell’altezza della colonna vertebrale viene dai dischi intervertebrali, con il maggior contributo proveniente dai dischi lombari, che sono più grandi dei dischi cervicali e toraciche. 1 I dischi della colonna vertebrale cervicale e toracico sono simmetrici in altezza; Tuttavia, i dischi lombari sono più alti dorsalmente, contribuendo a spiegare la lordosi fisiologica trovato nella colonna lombare. 4

I dischi intervertebrali sono collegati ai corpi vertebrali attraverso lo strato di cartilagine sulla placca vertebrale, chiamato il cribosa lamina. 4 Questa funzione di livello per consentire la diffusione di sostanze nutritive dal ogni corpo vertebrale nei dischi intervertebrali, che è fondamentale per la salute dei dischi in gran parte avascolare.

I due principali regioni strutturali del disco intervertebrale sono fibrosus periferica e il nucleo polposo centrale.

  • Il fibrosus è composto da strati concentrici di tessuto collagene fibroso che sono orientate a 30 ° dalla asse lungo della colonna vertebrale. 4 orientamento Fiber alterna tra gli strati, migliorando la stabilità della corona circolare di resistere sollecitazioni torsionali e tensione che sono posti sulla colonna vertebrale.
  • Spostare centrale, l’anello si fonde attraverso una zona di transizione indistinta a diventare la nucleo polposo nel centro del disco. 31 Il nucleo è un residuo del notocorda embrionale e funzioni per distribuire le forze di compressione. La posizione esatta del nucleo eccentrico, come è posizionato leggermente dorsale al centro del disco intervertebrale.
legamenti

I legamenti spinali giocano un ruolo critico nel resistere movimento eccessivo tra i segmenti mobili della colonna vertebrale attraverso moderazione statica.

Legamento longitudinale anteriore
Il legamento longitudinale anteriore (ALL) si trova sul corpo vertebrale anteriore e disco intervertebrale. Il legamento è continua e corre dall’occipite al sacro. Si sovrappone circa un terzo del corpo vertebrale, è più larga al centro del corpo, e si attacca più saldamente ai piatti vertebrali. 1,4 In confronto ai suoi allegati al corpo, il tutto è vagamente collegato al disco intervertbral ed è stretto in questa posizione.

Su un esame più attento delle fibre legamentose, tre strati possono essere apprezzati: superficiale, intermedia e profonda. Lo strato superficiale ha fibre che si estendono circa quattro o cinque livelli spinali; le fibre intermedie si estendono da due a tre livelli spinali; e lo strato profondo ha fibre che si estendono solo livello spinale.

Posteriore longitudinale legamento
Viaggiando lungo i corpi vertebrali posteriori è il legamento longitudinale posteriore (PLL). Il PLL inizia a C2, i nomi della membrana tectorial a questo livello, e si estende caudale al sacro. Simile al ALL, il PLL ha fibre superficiali che si estendono su cinque livelli spinali, uno strato intermedio che si estende su due o tre segmenti spinali, e fibre profonde che si estendono su un unico livello.

Nonostante questo, ci sono molte differenze anatomiche tra il tutto e PLL. Il PLL è più sottile di ALL. E ‘più ampia sullo spazio del disco intervertebrale e più sottile sul corpo. Inoltre, è saldamente fissato al disco intervertebrale e solo vagamente attaccato al corpo, che è l’opposto del ALL. 1,4 Nella colonna cervicale, gli strati profondi della PLL e tutte le attorno al corpo vertebrale, formando uno strato legamento continuo. 32

legamento giallo
Il legamento giallo, o legamento giallo, forma il tetto legamentoso dorsale del canale spinale. Ogni livello ha due legamenti, una per lato, composto da fibre altamente elastiche che si incontrano e talvolta si fondono sulla linea mediana. Il legamento origine a metà il bordo ventrale della lamina dal livello superiore e viaggia inferiormente da inserire sul bordo superiore della lamina dal livello inferiore.

Il legamento giallo è composto da due strati: superficiale (dorsale) e profonda (ventrale). Lo strato superficiale attribuisce al livello cefalica sulla base del processo spinoso inferiore, il bordo inferiore della lamina, e l’inferiore corteccia ventrale della lamina; lo strato profondo attribuisce a una cresta a circa metà della corteccia ventrale della lamina. Sulla lamina caudale, lo strato superficiale attacca alla superficie superiore dorsale e lo strato profondo attacca alla superficie superiore ventrale della lamina. [33] I legamenti coprono lo spazio interlaminare dalla linea mediana, dove si uniscono, lateralmente alle faccette articolari.

Altri legamenti e strutture
Il legamento sopraspinoso e interspinosi sono legamenti della linea mediana che collegano i processi spinosi e sono composte di tessuto altamente elastico.

  • Il legamento interspinoso viaggia dal bordo inferiore del processo spinoso dal livello superiore al bordo superiore del processo dal livello inferiore.
  • Il legamento sopraspinoso corre lungo la superficie dorsale dei processi spinosi. Si comincia a C7 e viaggia verso il sacro.
  • Superiore a C7, le sopraspinosi transizioni dei legamenti al suo omologo nella colonna vertebrale cervicale, chiamato il ligamentum nuchae. che continua in direzione superiore e si collega alla protuberanza occipitale esterna.

Le strutture legamentose della colonna cervicale superiore hanno molte caratteristiche simili a quelle della colonna vertebrale cervicale subassiale, anche se con alcune importanti distinzioni. Il PLL diventa tectorial in quanto si estende superiormente dal corpo C2, che copre il processo odontoideo e l’anello anteriore per attaccare sul forame magno. Il posterior membrana atlanto-occipitale è la continuazione del legamento giallo, mentre il membrana atlanto-occipitale anteriore è una continuazione della ALL.

Oltre ai legamenti omologhi, un complesso legamento altamente intricata collega tane, l’anello anteriore e occipite, fornendo stabilità critica all’articolazione. Il legamento trasverso attribuisce a tubercoli su entrambi i lati del ring anteriore e viene eseguito direttamente posteriormente al tane. Esso ha una lunghezza di circa 21 mm e larghezza stimata tra 2 e 3 mm. 34,35 L’integrità del legamento trasverso è il fattore principale che determina la stabilità in C1 scoppio di tipo fratture.

Ci sono due legamenti alari. uno su entrambi i lati, che hanno origine sull’aspetto superiore delle tane e viaggiare superiormente per fissare sul bordo mediale del condili occipitali destro e sinistro, rispettivamente. Questi legamenti sono tra 10 e 13 mm di lunghezza e servire per limitare la rotazione assiale del atlanto-occipitale. 36

Muscolatura

I muscoli lungo la colonna vertebrale posteriore sono divisi in superficiali, medio e strati profondi e variano anatomicamente in base alla posizione (cervicale, toracica o lombare della colonna vertebrale).

Il rombi e dentato posteriore superiore compongono lo strato intermedio nella colonna toracica, mentre il dentato posteriore inferiore rappresenta lo strato intermedio nella colonna lombare.

  • Il rombi sono innervati dal scapolare nervo dorsale, origine sui processi trasversi della colonna vertebrale toracica cervicale inferiore e superiore, e hanno un inserimento sul bordo mediale della scapola.
  • Il dentato posteriore superiore della colonna vertebrale toracica proviene dai processi spinosi toracici e inserisce sulle costole. Si è innervato dal rami ventrali dei nervi spinali. 1,25
  • Il dentato posteriore inferiore della colonna lombare origine sui processi spinosi lombari inserire sulle costole. Questo muscolo è anche innervato dal rami ventrali dei nervi spinali. 1, 25

Lo strato muscolare profondo nella spina dorsale condividono caratteristiche simili toracica e lombare e sono così composti gruppi di muscoli paravertebrali. Questi gruppi muscolari corrono longitudinalmente lungo entrambi i lati destro e sinistro della colonna vertebrale dorsale.

Simile alla colonna lombare, il muscolo ileocostale, lunghissimo, e spinale viaggiano lungo la spina dorsale nella regione toracica. In aggiunta a questi muscoli, la parte più linea mediana dei muscoli paravertebrali toracici è costituito da tre muscoli, disposto nel piano coronale, e nominato semispinalis. multifidus. e rotatores. 25

  • Il semispinalis è il più superficiale e si estende su cinque livelli vertebrali.
  • Il multifidus è lo strato intermedio e abbraccia tre livelli.
  • Il rotatores sono più vicini alle ossa, che coprono un livello. 1

Il torace e dei muscoli paravertebrali lombari ricevono un apporto vascolare segmentale dalle arterie segmentali che provengono direttamente dal lato sinistro e destro del torace e dell’aorta lombare. innervazione neurale ai muscoli paravertebrali è anche ricevuto in modo segmentale tramite i rami primaria posteriore che costeggiano i vasi singoli settori.

colonna vertebrale cervicale
Simile alla colonna toracica, lo strato muscolare superficiale della colonna cervicale costituito dal trapezio. che ha origine fuori i processi spinosi delle vertebre cervicali. Gli strati muscolari medi e profondi della colonna cervicale sono diversi da quelli della toracica e lombare.

  • Il capitus retto posteriori importante e retto capitus posteriore minore provenire dal processo spinoso dell’asse e l’arco posteriore dell’atlante e inserire sulla linea nucale superiore.
  • Spanning la distanza tra i processi trasversi dell’asse e ATLAS è il obliqus capitus inferiore .
  • Il obliqus capitus superiore orginates sul processo trasverso dell’atlante e inserti sulla linea nucale superiore. 25,38

Profondo il SCM, che giace lungo le vertebre anteriori sono la longus coli e lungo del capitis muscoli. Il coli longus corre lungo la superficie antero-laterale dei corpi vertebrali C3-T1, mentre il capitus longus è laterale, originario sui processi trasversali di C3-C6 e inserendo sul all’occipite.

Vasculature spinale

Colonna vertebrale

La colonna vertebrale riceve un robusto apporto vascolare che è più ricco regioni cervicale e lombare, corrispondente alle allargamenti nel midollo spinale a questi livelli. 41 Sangue per la colonna vertebrale è ricevuto in modo segmentale da entrambi i lati destro e sinistro del corpo. A causa della fornitura bilaterali, e il fatto che ciascun segmento riceve il sangue dal livello sopra e sotto, ci sono diverse aree di garanzia e flusso ridondante all’interno della colonna vertebrale. L’area di poveri apporto di sangue è all’interno della colonna toracica centrale, e questa zona è a volte indicato come zona svolta. 41

Il arterie vertebrali sono i vasi principali che forniscono sangue al rachide cervicale. Sono le prime arterie al ramo della arteria succlavia. viaggiando in direzione superiore per entrare forame trasversali a livello di C6. Da segnalare, mentre le arterie vertebrali in genere entrano forame trasversali a C6, possono entrare a diversi livelli (C4, C5 o C7), variazioni che sono stati segnalati a verificarsi tra nel 5% e il 7% dei casi. 42,43

Una volta entrati forame trasversali, le arterie vertebrali salgono attraverso il forame ad ogni livello successivo finalmente uscita attraverso il forame trasversali di C1. Dopo l’uscita, si curva in una direzione postero per attraversare direttamente sopra l’arco posteriore dell’atlante e perforare la atlanto-occipitale membrana posteriore, dove poi girare superiormente ed entrano nel forame magno. Ad ogni livello, le arterie vertebrali dà i rami segmentari destra e sinistra che ulteriormente dividere in anteriore e posteriore rami centrali per fornire sangue al midollo spinale e la colonna ossea. 44

Il arterie segmentali sul lato destro e sinistro che si diramano direttamente dal toracica ed addominale sono l’afflusso di sangue primaria alla colonna vertebrale da T2-L5. 41,46,47 Le arterie segmentali derivano dalla parte laterale dell’aorta e decorso in direzione posteriore lungo il punto centrale del corpo vertebrale. Dopo aver superato posteriore al corpo vertebrale, le arterie segmentali si dividono in dorsale e rami laterali. Il ramo laterale viaggia a donare il sangue ai muscoli paraspinali, mentre il ramo dorsale fornisce la maggior parte delle vertebre e del midollo spinale.

Dopo dividendo, il ramo dorsale prosegue in direzione posteriore, viaggiando oltre il forame intervertebrale, lateralmente alla pars interarticularis e inferiori al processo trasverso. Una volta che si passa posteriore alle pars, le suddivide filiali dorsale di fornire i muscoli paraspinali profondi e l’arco vertebrale posteriore. Quando il ramo dorsale passa forame intervertebrale che emana il ramo spinale che entra il forame di fornire i contenuti del canale spinale. Come il tralcio midollo entra il forame, si divide in un punto di distribuzione in tre rami nominato il posterior centrale. pre-laminare. e rami neurali intermedi. 1,2

Il sacroiliaclumbar sistema vascolare. che è un insieme complesso di vasi contenenti più anastomosi e le aree di flusso collaterale, fornire l’osso sacro e colonna lombare sotto L4. La maggior parte del sangue in questo sistema deriva dal arteria iliaca interna ; i vasi più significativi sono chiamati il iliolumbar. quarta lombare. e arterie sacrali medie. 41,45 *

  • Il arteria ileolombare rami direttamente dalla arteria iliaca interna e viaggi superiormente allo spazio del disco L5-S1, dove si dirama nel arteria iliaca laterale e un ascendente dell’arteria lombare .
  • Il quarta dell’arteria lombare rami dall’aorta, come un’arteria segmentale che dà il sangue a quel livello, prima si dirige inferiormente e anastomosi con l’arteria ileolombare.
  • Il Medio arteria sacrale. l’ultimo ramo dall’aorta e derivato alla biforcazione, viaggia inferiormente lungo la superficie ventrale del L4, L5, e sacro per dare i rami segmentari ad ogni livello.
Midollo spinale

Queste arterie iniziano nella colonna vertebrale cervicale superiore e sono inizialmente derivati ​​da rami delle arterie vertebrali. Inoltre, la colonna cervicale superiore riceve il sangue da arterie spinali laterali quel ramo dalla arteria vertebrale vicino al origini dell’arteria cerebellare inferiore. 49 Per quanto le anteriori e posteriori arterie spinali scende inferiormente lungo la spina dorsale, i vasi segmentari ad ogni avanzamento di livello nel canale spinale e la forma arterie radicolari fornire i vasi.

Nelle regioni toraciche e toracolombari, le arterie spinali sono divisi in cervico. mediotoracico. e toraco-lombare porzioni in base al quale arterie segmentali forniscono sangue alla zona. 1 L’ arteria Adamkiewicz. o arteria radicularis magna. è la più grande arteria radicolare e alimenta l’arteria spinale anteriore. L’arteria è tipicamente formata sul lato sinistro del corpo, essendo derivato da un minore arteria segmentale lombare toracica o superiore tra T9 e T11. 41,50 Come l’arteria segmentale entra nel canale spinale e diventa l’arteria radicolare, ci vuole un “tornanti” caratteristica turno di testa superiormente e unirsi l’arteria spinale anteriore intorno al livello di cono midollare, a circa T4-T6. 50

sistema venoso
Il sistema venoso scarico della colonna vertebrale è molto variabile e contiene le vene senza valvola, permettendo al sangue di fluire in entrambe le direzioni in attesa del gradiente di pressione. In generale, possono essere raggruppati in un Sistema intra-vertebrale consistente delle vene all’interno del canale vertebrale, ed un sistema extra-vertebrali costituito dalle vene esterne alle vertebre.

  • Il Sistema intra-vertebrale circonda la dura all’interno grasso epidurale tutta la lunghezza della colonna vertebrale. È altamente irregolare, riceve il drenaggio dal contenuto canale vertebrale, e successivamente alimenta il sistema di extra-vertebrale.
  • Il sistema extra-vertebrali è più prevedibile, tende a seguire il sistema arterioso, e alimenta la vena azygos e vena cava.

plesso di Batson è un sistema denominato, descritto nel 1940, utilizzato per il dettaglio il modello di drenaggio venoso dalla colonna vertebrale e la sua relazione con la diffusione delle metastasi. Esso comprende vene contenute sia intra ed extra-durally e ha tre componenti: plesso venoso extra-vertebrali, plesso venoso extra-durale, e le vene della colonna vertebrale ossea. 51

Midollo spinale e nervi

Una discussione dettagliata sulla anatomia neuronale intra-durale è oltre la portata di questa recensione. Di seguito si concentrerà sulla anatomia del spinale e dei nervi, e la loro relazione con la colonna vertebrale ossea.

I nervi spinali si estendono dal midollo spinale e l’uscita attraverso il forame intervertebrale sul lato sinistro della colonna vertebrale e destro. Non vi è alcun C1 nervo spinale; di conseguenza, il nervo che esce il forame in C1-C2 è il nervo spinale C2. In totale, ci sono otto cervicali, 12 toraciche, lombari cinque, cinque sacrali, e uno nervi spinali coccigeo.

I nervi spinali della colonna cervicale sono chiamati per il peduncolo che escono superiore al forame intervertebrale (vale a dire, il nervo C5 esce attraverso il forame C4-C5). Questo modello cambia nel passaggio da cervicale a colonna toracica perché ci sono otto nervi cervicali e solo sette vertebre cervicali. Pertanto, il nervo esce C8 attraverso il forame C7-T1 e cefalica a questo punto, il nervo spinale esce dal forame sotto il suo corrispondente peduncolo (vale a dire, il nervo T5 esce attraverso il forame intervertebrale T5-T6).

Quando la colonna cervicale è visto nel piano coronale, i nervi spinali radici si estendono dal cordone ad angoli che sono chiusi a perpendicolare. A T1, la radice del nervo si stacca il cavo con un angolo approssimativo di 120 °, e da questo punto, gli angoli cavo-to-nerve diminuisce nella direzione caudale. I rami T12 nervosi dal cavo ad un angolo di circa 57 °, ed i nervi spinali lombari sono orientate a circa 37 ° al cavo. 21,22

L’adulto in media del midollo spinale tra i 40 ei 45 cm di lunghezza e riempie due terzi della colonna vertebrale ossea. 4 Il cavo termina al corpo L3 nella spina dorsale immaturo e al bordo inferiore del corpo L1 nella colonna vertebrale maturo, secondaria alla diversa quantità di crescita tra l’osso e strutture neurali.

Il cavo è il più grande nella regione cervicale tra C5-T1 e la regione lombare, tra L1-S2 per corrispondere con i brachiale e nervose lombari plessi. Il cavo termina come cono midollare, e questa regione contiene la porzione del cavo che fornisce che i nervi spinali sacrale. Il filum terminale si estende dal cono midollare ed è una fascia fibrosa del tessuto che si attacca alla fine la maggior parte distale del sacco durale. &I quattro inferiori lombari radici nervose e le radici nervose sacrali viaggiano inferiormente al cono prima di uscire la colonna vertebrale, una regione definita cauda equina.

Riferimenti

  1. Parke, W. C. Bono, e S. Garfin, la colonna vertebrale: Applied Anatomia della colonna vertebrale. 5 ° ed. Rothman-Simeone, la colonna vertebrale, ed. H.N. Herkowitz, R.H. Rothman, e F.A. Simeone. Vol. 1. 2006 Philadelphia: Saunders Elsevier.
  2. Gardocki, R. spinale Anatomia e approcci chirurgici. 11 ° ed. Campbell ortopedia operante, ed. BAGNO. Campbell, S.T. Canale, e J.H. Beaty. Vol. 2. 2008, Philadelphia, PA: Mosby / Elsevier.
  3. Randolf, G. e A. Shamie, AAOS completa revisione ortopedica: Anatomia della colonna vertebrale. AAOS completa revisione ortopedica, ed. J.R. Lieberman, W. JC, e American Academy of Orthopaedic Surgeons. 2009 Rosemont, IL. American Academy of Orthopaedic Surgeons. 373 p.
  4. Yoganandan, N. et al. Colonna vertebrale: Anatomia e Biomeccanica pratico fondamentali. 2a ed. Colonna vertebrale: Tecniche, Complication Prevenzione e gestione, ed. B. CE. 2005 Philadelphia, Pa. Churchill Livingstone.
  5. Gore, D.R. S.B. Sepic e G.M. Gardner, i risultati radiologico del rachide cervicale in pazienti asintomatici. Spine (Phila Pa 1976), 1986. 11 (6): p. 521-4.
  6. Panjabi, M.M. et al. Vertebre toraciche umana. Quantitative anatomia tridimensionale. Spine (Phila Pa 1976), 1991. 16 (8): p. 888-901.
  7. Berry, J.L. et al. Uno studio morfometrico di lombari umana e vertebre toraciche selezionato. Spine (Phila Pa 1976), 1987. 12 (4): p. 362-7.
  8. Panjabi, M.M. et al. Cervicale vertebre umane. Quantitative anatomia tridimensionale delle regioni centrali e inferiori. Spine (Phila Pa 1976), 1991. 16 (8): p. 861-9.
  9. Pech, P. et al. Il forami neurali cervicale: correlazione tra Microtomia e CT anatomia. Radiology, 1985. 155 (1): p. 143-6.
  10. Kothe, R. et al. l’architettura interna del peduncolo toracica. Uno studio anatomico. Spine (Phila Pa 1976), 1996. 21 (3): p. 264-70.
  11. Zindrick, M.R. et al. Analisi delle caratteristiche morfometriche delle toracica e lombare peduncoli. Spine (Phila Pa 1976), 1987. 12 (2): p. 160-6.
  12. Karaikovic, e.e. et al. caratteristiche morfologiche di peduncoli cervicali umane. Spine (Phila Pa 1976), 1997. 22 (5): p. 493-500.
  13. Scoles, P.V. et al. corpo vertebrale e l’elemento posteriore morfologia: la colonna vertebrale normale nella vita di mezzo. Spine (Phila Pa 1976), 1988. 13 (10): p. 1082-6.
  14. Xu, R. et al. Morfologia della seconda vertebra cervicale e la proiezione posteriore dell’asse peduncolo C2. Spine (Phila Pa 1976), 1995. 20 (3): p. 259-63.
  15. Bozbuga, M. et al. la valutazione morfometrica di subassiale vertebre cervicali per l’applicazione chirurgica di fissaggio a vite transpeduncolare. Spine (Phila Pa 1976), 2004. 29 (17): p. 1876-1880.
  16. Ebraheim, N.A. et al. la valutazione morfometrica di bassa peduncolo cervicale e la sua proiezione. Spine (Phila Pa 1976), 1997. 22 (1): p. 1-6.
  17. Ebraheim, N.A. et al. La posizione del peduncolo e pars interarticularis nell’asse. Spine (Phila Pa 1976), 2001. 26 (4): p. E34-7.
  18. Ebraheim, N.A. et al. Proiezione del peduncolo toracica e la sua analisi morfometrica. Spine (Phila Pa 1976), 1997. 22 (3): p. 233-8.
  19. Cinotti, G. et al. strumentazione Pedicle nella colonna vertebrale toracica. Un morfometrica e studio su cadavere per il posizionamento delle viti. Spine (Phila Pa 1976), 1999. 24 (2): p. 114-9.
  20. Panjabi, M.M. et al. vertebre lombari umana. Quantitative anatomia tridimensionale. Spine (Phila Pa 1976), 1992. 17 (3): p. 299-306.
  21. Ebraheim, N.A. et al. rapporti anatomici del peduncolo toracica alle strutture neurali adiacenti. Spine (Phila Pa 1976), 1997. 22 (14): p. 1553-6; discussione 1557.
  22. Ebraheim, N.A. et al. i rapporti anatomici tra il peduncolo lombare e le strutture nervose adiacenti. Spine (Phila Pa 1976), 1997. 22 (20): p. 2338-41.
  23. Soyuncu, Y. et al. la valutazione anatomica e il rapporto tra il peduncolo lombare e strutture nervose adiacenti: uno studio anatomica. J spinale Disord Tech, 2005. 18 (3): p. 243-6.
  24. Ebraheim, N.A. et al. L’anatomia quantitativa della faccetta toracica e la proiezione posteriore del suo aspetto inferiore. Spine (Phila Pa 1976), 1997. 22 (16): p. 1811-7; discussione 1818.
  25. Hoppenfeld, S. P. DeBoer, e R. Hutton, esposizioni chirurgico in Ortopedia: la colonna vertebrale. 4a ed. esposizioni chirurgico in ortopedia. l’approccio anatomica. 2009 Philadelphia: Lippincott Williams &Wilkins.
  26. Xu, R. et al. L’anatomia quantitativa delle lamine della colonna vertebrale. Spine (Phila Pa 1976), 1999. 24 (2): p. 107-13.
  27. Doherty, B.J. e M.H. Heggeness, L’anatomia quantitativa del atlante. Spine (Phila Pa 1976), 1994. 19 (22): p. 2497-500.
  28. Ebraheim, N.A. et al. L’anatomia quantitativa del solco dell’arteria vertebrale dell’atlante e la sua relazione con l’approccio posteriore atlantoassiale. Spine (Phila Pa 1976), 1998. 23 (3): p. 320-3.
  29. Christensen, D.M. et al. C1 anatomia e le dimensioni relative al posizionamento delle viti di massa laterale. Spine (Phila Pa 1976), 2007. 32 (8): p. 844-8.
  30. Schaffler, M.B. et al. Morfologia delle tane. Uno studio quantitativo. Spine (Phila Pa 1976), 1992. 17 (7): p. 738-43.
  31. Humzah, M.D. e R.W. Soames, Human disco intervertebrale: struttura e funzione. Anat Rec, 1988. 220 (4): p. 337-56.
  32. Hayashi, K. et al. L’anteriore e posteriore legamenti longitudinali della colonna cervicale inferiore. J Anat, 1977. 124 (Pt 3): p. 633-6.
  33. Olszewski, dC M.J. Yaszemski, e A.A. Bianco, L’anatomia del flavum lombare legamento umana. Nuove osservazioni e la loro importanza chirurgica. Spine (Phila Pa 1976), 1996. 21 (20): p. 2307-12.
  34. Cattrysse, E. et al. morfometria 3D della trasversale e legamenti alari nel complesso occipito-atlanto-assiale: un’analisi in vitro. Clin Anat, 2007. 20 (8): p. 892-8.
  35. Panjabi, M.M. T.R. Oxland, e E.H. Parchi, anatomia quantitativa dei legamenti colonna cervicale. Parte I. superiore della colonna vertebrale cervicale. J spinale Disord, 1991. 4 (3): p. 270-6.
  36. Dvorak, J. e M.M. Panjabi, Anatomia funzionale dei legamenti alari. Spine (Phila Pa 1976), 1987. 12 (2): p. 183-9.
  37. Tedesco, J. et al. Colonna vertebrale: la colonna cervicale e cervico Junction. 2a ed. Colonna vertebrale: Tecniche, Complication Prevenzione e gestione, ed. B. CE. 2005 Philadelphia: Elsevier Inc.
  38. McGuire, R. e A. Ragab, Chirurgia Vertebrale: occipitale Regione cervicale. 2a ed. Colonna vertebrale: Tecniche, Complication Prevenzione e gestione, ed. B. CE. 2005 Philadelphia: Elsevier Inc.
  39. WhiteCloud, T.S. 3 °, la chirurgia anteriore per cervicale mielopatia spondilosica. Smith-Robinson, Cloward, e vertebrectomia. Spine (Phila Pa 1976), 1988. 13 (7): p. 861-3.
  40. Southwick, W.O. e R.A. Robinson, gli approcci chirurgici per i corpi vertebrali nelle regioni cervicale e lombare. J Bone Joint Surg Am, 1957. 39-A (3): p. 631-44.
  41. Dommisse, G.F. L’apporto di sangue del midollo spinale. Una zona vascolare critico nella chirurgia spinale. J Bone Joint Surg Br, 1974. 56 (2): p. 225-35.
  42. Bruneau, M. et al. variazioni anatomiche del segmento V2 dell’arteria vertebrale. Neurochirurgia, 2006. 59 (1 Suppl 1): p. ONS20-4; discussione ONS20-4.
  43. Hong, J.T. et al. variazioni anatomiche del segmento dell’arteria vertebrale nel tratto cervicale inferiore: analisi tridimensionale angiografia tomografia computerizzata. Spine (Phila Pa 1976), 2008. 33 (22): p. 2422-6.
  44. Parke, W.W. I rapporti vascolari delle vertebre cervicali superiore. Orthop Clin North Am, 1978. 9 (4): p. 879-89.
  45. Crock, H. e H. Yoshizawa, l’apporto di sangue della Colonna Vertebrale e midollo spinale nell’uomo. 1977 New York: Springer-Verlag.
  46. Gillilan, L.A. La fornitura di sangue arterioso del midollo spinale umano. J Comp Neurol, 1958. 110 (1): p. 75-103.
  47. Apporto di sangue Hassler, O. al midollo spinale umano. Uno studio microangiographic. Arch Neurol, 1966. 15 (3): p. 302-7.
  48. Parke, W.W. et al. Intimale muscolatura dell’arteria spinale anteriore inferiore. Spine (Phila Pa 1976), 1995. 20 (19): p. 2073-9.
  49. Lasjaunias, P. et al. L’arteria vertebrale laterale del midollo spinale cervicale superiore. Anatomia, variazioni normali, e gli aspetti angiografici. J Neurosurg, 1985. 63 (2): p. 235-41.
  50. Milen, M.T. et al. Albert Adamkiewicz (1850-1921) – l’arteria e la sua importanza per il chirurgo retroperitoneale. Mondo J Urol, 1999. 17 (3): p. 168-70.
  51. Batson, O.V. La funzione dei vertebrale vene e il loro ruolo nella diffusione delle metastasi. Ann Surg, 1940. 112 (1): p. 138-49.

Related posts

  • Anatomia della colonna vertebrale spinale Panoramica …

    Funzioni della colonna vertebrale Le tre funzioni principali della colonna vertebrale sono: proteggere il midollo spinale, le radici nervose e molti degli organi interni del corpo. Fornire supporto strutturale ed equilibrio di …

  • Spine – Foto Anatomia e informazione, L5 nella colonna vertebrale.

    Allungamento lungo la linea mediana del tronco dalla base del cranio al coccige, la colonna vertebrale svolge un ruolo estremamente importante nel nostro corpo come sostiene il peso superiore del corpo; fornisce…

  • Spinale Anatomia, foto di colonna lombare con dischi.

    Le Regioni della colonna vertebrale La colonna vertebrale è un intricato insieme di ossa, muscoli, nervi e dischi. E ‘diviso in cinque regioni: cervicale (ossa del collo); toracica (al petto); lombare (parte bassa della schiena); …

  • Anatomia della colonna vertebrale, anatomia della …

    Panoramica curve spinali Quando visto di lato, una colonna vertebrale adulto ha una curva naturale a forma di S. Il collo (cervicale) e posteriore regioni (lombare) basso hanno una leggera curva concava, e toracica …

  • Spinal Anatomy, in cui si trova colonna lombare.

    Vertebra cervicale (C1 – C7) La colonna cervicale è ulteriormente suddiviso in due parti; la regione superiore cervicale (C1 e C2), e la regione cervicale inferiore (C3-C7). C1 è denominata Atlas …

  • Sacrum – Foto Anatomia e …

    L’anello fibroso è una banda di fibrocartilagine fibrosa di cui ciascun disco intervertebrale è composto. Si circonda un nucleo gelatinosa, detta nucleo polposo. class = qtip-link …